Dimagrire con i fiori di Bach

Quante volte abbiamo sentito parlare dell'efficacia dei fiori di Bach per combattere timidezza, ansia, sensazione di inadeguatezza...

Questo antico rimedio può risultare un ottimo alleato anche durante le diete dimagranti. Per saperne di più, abbiamo chiesto alla dott.ssa Sara Pratelli, naturopata, consigli e chiarimenti.

«I fiori di Bach non fanno dimagrire ma aiutano chi fa fatica a stare a dieta, chi perde presto la motivazione e la fiducia nel percorso intrapreso» spiega la dott.ssa Pratelli. Ma scopriamo insieme quali fiori assumere e come.

Dimagrire con i fiori di Bach

I fiori di Bach possono aiutarti a perdere peso, placando ansia e fame nervosa. Scopri come, con i consigli della naturopata

 

Un supporto dolce ma valido

Per non dire sempre...inizio lunedì

Pensare che, prendendo i fiori di Bach, si possa dimagrire senza sforzo è errato. Questo rimedio dolce, adatto a tutti, è più un supporto riequilibrante, un aiuto naturale per non mollare quando si sentono crollare le motivazioni come castelli di sabbia.

«I fiori di Bach si dimostrano efficaci come alleati della dieta per chi fa fatica a "vedere l'obiettivo", per chi ha poca volontà e si pone passivamente nei confronti del percorso di dimagrimento. Così come sono un rimedio naturale da provare per quelle donne che tentano mille diete senza successo, che sono a regime "un giorno sì e uno no" e che iniziano sempre la dieta dimagrante...da lunedì» spiega la dott.ssa Sara Pratelli.

I fiori consigliati

Quali sono i rimedi migliori

La cura con i fiori di Bach è soggettiva, ovvero ciascuno di noi ha componenti emotive differenti da riequilibrare e, quindi, i fiori consigliati dagli esperti sono sempre diversi e personalizzati. In linea generale, però, vi sono alcuni rimedi che aiutano tipicamente chi non riesce a seguire una dieta.

«Tra i fiori di Bach, che consiglio per supportare chi è a dieta, troviamo Agrimony e Scleranthus, utili per chi fatica a centrare l'obiettivo finale. Invece, per esempio, Wild Oat è adatto per aiutare a trovare la direzione giusta, a individuare il percorso più adatto alle proprie esigenze. Infine, Willow è il fiore migliore per chi ha poca forza di volontà e tende a vivere le proprie scelte in modo passivo, tenendo a fare la vittima e a porsi "preda degli eventi"» spiega la dott.ssa Pratelli.

Per chi funzionano di più

Meno barriere si hanno, più sono efficaci

Capita spesso che rimedi naturali come i fiori di Bach siano considerati assolutamente inefficaci da chi li ha sperimentati per poco tempo e in maniera scettica. In realtà esistono alcune categorie più ricettive di altre in merito, persone per le quali curarsi con i fiori di Bach può rappresentare una vera svolta, anche per dimagrire!

«I fiori di Bach funzionano bene soprattutto su bambini e animali, e non è un caso. Entrambi, infatti, sono quasi privi di filtri emotivi e risultano, dunque, più permeabili ai rimedi omeopatici e naturali in genere. Certamente, le donne abituate a placare la fame nervosa con ansiolitici sono più "difficili" da curare con i rimedi dolci. Inoltre, i fiori di Bach sono efficaci anche sui soggetti più sensibili, le persone emotive che tendono a liberarsi del "materiale" sedimentato negli anni e a rendersi più vulnerabili e, dunque, anche trattabili con maggior successo in modo non invasivo» chiarisce la dott.ssa Pratelli.

Come si assumono i fiori di Bach

4 gocce 3-4 volte al dì

I fiori di Bach non sono assimilabili ai rimedi omeopatici, sono una terapia a sé e, quindi, la loro assunzione non è normalmente vincolata dall'aver appena consumato un pasto o da altre variabili esterne.

La posologia generica (che può variare, però, sotto consiglio del naturopata di fiducia) è di 4 gocce per 3-4 volte al giorno, ben distanziate tra loro. I fiori di Bach si conservano perfettamente perché contengono una piccolissima percentuale di alcol (brandy) e non interagiscono con farmaci, nemmeno se omeopatici.

Riproduzione riservata