frutta primaverile

Tutta la frutta di stagione da mangiare per il tuo benessere

La frutta primaverile è un tripudio di colore e gusto, ma non solo. Con questi frutti ti assicuri anche una riserva di energia e salute

Frutta primaverile: cosa mangiare e quali sono le proprietà

In primavera stare bene vuole dire anche mangiare meglio, lasciandosi alle spalle l'inverno insieme ai cibi ipercalorici e grassi. Da portare in tavola, per fare il pieno di benessere ed energia, tanta frutta colorata.

La frutta può essere protagonista durante l'arco della giornata in diversi momenti: a colazione, come spuntino (una dieta sana ed equilibrata prevede due spezza fame al dì, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio) e come pranzo detox quando si è esagerato a tavola il giorno precedente.

Con l'arrivo della primavera e l'inizio dell'estate si consuma più frutta perché queste sono le stagioni dell'anno che offrono le varietà più golose e succose.

Fragole, ciliegie, nespole, pesche: queste varietà di frutta primaverile non sono soltanto gustose ma rappresentano anche una riserva di salute impareggiabile, con tante proprietà necessarie al tuo benessere.

Frutta e verdura di stagione: aprile e maggio

VEDI ANCHE

Frutta e verdura di stagione: aprile e maggio

Le fragole

Con l'inizio della primavera, fanno capolino le fragole. Questi frutti, apprezzati anche dai bambini, sono una miniera di salute e fanno bene alla linea.

Infatti, la fragola ha pochissime calorie e mille virtù:

  • antiossidante,
  • rinforzante del sistema immunitario,
  • drenante,
  • antinfiammatoria,
  • regolatrice del transito intestinale.

Quest'ultima caratteristica è data dalla presenza di fibra mentre gli antiossidanti sono talmente numerosi che le fragole possono essere considerate a tutti gli effetti alimenti dall'azione preventiva nei confronti di tumori e malattie neurodegenerative.

La fragola, inoltre, svolge un importante ruolo antinfiammatorio (contiene acido acetilsalicilico) e rinforzante sul sistema immunitario grazie alla presenza di acido ellagico e vitamina C (una manciata di fragole apporta più vitamina C di un'arancia).

Una porzione di fragole fornisce anche tutti i minerali necessari al benessere: potassio, magnesio, ferro e calcio. Infine, ma non da ultimo, la fragola è un perfetto alimento anticellulite poiché, grazie al contenuto di acqua e potassio, stimola il drenaggio di liquidi e tossine in eccesso.

Potrebbe interessarti anche come Coltivare le fragole in balcone e non solo

Le nespole

La nespola è un frutto molto particolare, dal sapore un po' acidulo e non amato da tutti. Però, si tratta di una tipologia di frutta estremamente rinfrescante e ricca di benefiche proprietà.

Tra quest'ultime, spicca l'azione "curativa" sull'intestino: si tratta di un doppio beneficio, a seconda che si consumi il frutto maturo oppure più acerbo. Le nespole mature, infatti, aiutano in caso di stipsi regolarizzando l'attività del transito intestinale. Invece, la nespola più acerba esercita un effetto astringente sull'intestino.

La nespola è un frutto decisamente amico delle diete dimagranti: poche calorie a fronte di un ottimo contenuto di fibra (dall'effetto saziante, utile contro gli attacchi di fame) e vitamine (soprattutto vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina C):

Le pesche

frutta primaverile

La pesca arriva sulle nostre tavole quando la prova costume si fa imminente. Si tratta di un frutto, non a caso, alleato di linea e benessere. Innanzitutto le pesche svolgono una forte azione depurativa sull'organismo, apportando numerosi benefici alla salute e poche calorie.

Sono costituite da un acido simile a quello citrico, perfetto per favorire il detox (azione diuretica) e, quindi, l'eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso. Molto ricche di potassio e fibre, questi frutti sgonfiano l'addome e le gambe, combattendo cellulite e ritenzione idrica.

Nelle pesche troviamo molte vitamine e sali minerali, tanto che si tratta di un vero e proprio integratore naturale anti-stanchezza: vitamina A, vitamine B1 e B2, vitamina C e vitamina PP, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro e manganese.  

Le albicocche

Mangiare albicocche significa fare del bene anche alla propria bellezza. Infatti, si tratta di un frutto ricchissimo di vitamina A (benefica per la salute e la protezione di pelle e occhi), ma anche di vitamina C e di ferro, potassio e magnesio.

Inoltre, l'albicocca è un'ottima fonte di fibra e si rivela, quindi, un indispensabile alleato nella lotta alla cellulite e ai chili di troppo. Le fibre contenute nel frutto, infatti, velocizzano il transito intestinale contrastando la stipsi e limitando il tempo di contatto tra scorie e pareti dell'intestino (protezione dai tumori del colon-retto).

Consumare più albicocche prima di esporsi al sole, infine, contribuisce a favorire un'abbronzatura più sana e luminosa.

Le ciliegie

frutta primaverile

Le ciliegie sono come caramelle: una tira l'altra ed è difficile resistere. In questo caso, però, siamo di fronte a una tentazione davvero salutare e che può aiutarci a riconquistare la forma fisica desiderata.

Frutto molto ricco di potassio e magnesio, povero di calorie e fonte di fibra: per questi motivi, consumare ciliegie favorisce la diuresi e sgonfia le gambe. E l'azione anticellulite del frutto non finisce qui: anche i suoi peduncoli, infatti, possono essere utilizzati per preparare decotti sgonfianti molto efficaci nella riduzione della ritenzione idrica.

Forse non tutti lo sanno, ma la ciliegia esercita sia un'azione antidolorifica (soprattutto a livello articolare) e antinfiammatoria (grazie agli antiossidanti presenti nella polpa) sia un effetto rilassante anti-insonnia (merito del contenuto di melatonina).

Le pere

La pera è un frutto che in primavera si trova ancora molto succoso e goloso. I benefici delle pere sono numerosi, soprattutto se si desidera sgonfiare l'addome e rinforzare le ossa. Riguardo a quest'ultima caratteristica, la pera contiene molto calcio ed è quindi un alimento da inserire all'interno di una dieta preventiva dell'osteoporosi.

Allo stesso tempo, le pere sono ricchissime di fibra e aiutano la regolarità del transito intestinale. Chi soffre di stipsi e pancia gonfia può, infatti, puntare sulla pere come frutto depurativo e rinfrescante.

Infine, contengono lignina: questa fibra aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo "cattivo" nel sangue, riducendo l'assorbimento di grassi e zuccheri.

Il melone

Il melone è uno dei frutti più amati, sia come accompagnamento di pietanze salate sia come frutto rinfrescante per merende e macedonie colorate.

E' una miniera di vitamine e minerali. Nella polpa arancione del frutto troviamo un ottimo contenuto di vitamina A (che apporta benefici alla pelle e alla salute degli occhi) e vitamine del gruppo B (essenziali per il buon funzionamento metabolico).

Per quanto riguarda i minerali , nel melone sono presenti il calcio, il fosforo e il potassio. Il calcio rende il frutto un alleato nella prevenzione dell'osteoporosi mentre il potassio favorisce la diuresi, esercitando anche un effetto regolarizzatore sulla pressione arteriosa e sulla circolazione.

Cosa aspetti a preparare tante ricette con il melone? E' un frutto molto versatile, scegli le tue ricette preferite Melone: 20 ricette estive fresche e leggere

Riproduzione riservata