Dieta prima delle feste

Depurarsi prima delle feste

Meno di 30 giorni a Natale: ...e si profila all'orizzonte un periodo di pranzi e cene abbondanti, momenti conviviali, assaggi di dolci, cedimenti alcolici e così via.

Arrivare leggeri e sgonfi alle feste è il modo migliore per gustarsele a tavola senza sacrificisensi di colpa.

Tutto sta nella "preparazione", attraverso un programma detox che abbia un duplice obiettivo:
1) prima - perdere fino a 2 kg
2) dopo - non accumulare grasso

I suggerimenti del dietista e farmacista dottor Fabrizio Malipiero.

Tutte a dieta prima delle feste

Non si tratta di rinunce alimentari pre o post natalizie. Ma di consigli dietetici suggeriti dall'esperto per affrontare il periodo cenoni in linea e... godimento

Restare in linea durante le feste è una questione (anche) di equilibrio: non ha senso digiunare per poi inevitabilmente tuffarsi affamati sulla prima tavola imbandita. Meglio alternare giorni "libertini" a giorni "controllati", composti cioè da menu leggeri, a base di alimenti depuranti, come carciofi, cipolle, cicorie, bietole, zucca.

Allo stesso modo, non sortirà alcun effetto, mangiare in modo iper-calorico per una settimana intera, e poi sperare di rimediare con diete iperdrastiche oppure allenamenti estenuanti in palestra.

Da ricordare
Se adotterai un programma alimentare equilibrato, prima durante e dopo le feste, non solo non rinuncerai al sano godimento a tavola, ma perderai facilmente gli eventuali kg e cm accumulati.

Il consiglio del dietologo

Il consiglio del dietologo
Goditi le feste, ma cedi agli eccessi alimentari per non più di 3 giorni consecutivi. È bene dare al fisico il tempo di digerire.

Dolci e alcol: banditi prima delle feste

Prima delle feste: NO a dolci e alcol

Per prima cosa è bene sospendere almeno 2 settimane prima di Natale il consumo di dolci, pane e pasta preparati con farine bianche.

Solo al mattino "concedersi" una manciata di cereali o muesli e a pranzo un pugno di riso integrale.

Non riesci a rinunciare al pane? Sceglilo rigorosamente integrale o di kamut.

Banditi inoltre vino e alcolici.  

Le portate principali del programma detox pre-festivo

Le portati principali: leggere ma sazianti

Il menu detox prima delle feste prevede verdura cotta in abbondanza, sotto forma di minestre, zuppe o passati.

Va bene anche la verdura cruda, a patto di non condirla eccessivamente.

A seguire carne bianca, pesce bianco e formaggi magri. I vegetariani faranno il pieno di legumi o derivati della soia.

Frutta sì, ma non tutti i tipi sono "dietetici"

Occhio alla frutta: alcuni tipi possono alzare il tasso glicemico del sangue, scatenando il senso di fame e la voglia di zuccheri, soprattutto se consumati a stomaco vuoto. È il caso di banane, uva e cachi che, per prepararsi alle feste, è bene limitare al minimo.

Quantità di frutta consentita? Massimo 2 frutti al giorno*.

*N.B. Indicazione valida solo per un breve periodo di tempo, limitato alla preparazione alle feste.

Tisane a gogò

Affidarsi alle tisane sgonfianti

Nel pomeriggio o prima di andare a dormire, rilassarsi con tisane a base di finocchio, malva, melissa, cannella, zenzero: migliorano l'efficienza digestiva.

Il risultato? Contribuiscono ad eliminare il senso di gonfiore e favoriscono la diuresi.

Depurarsi durante le feste

In caso di pasti abbondanti

Un trucco per depurarsi è quello di bere l'acqua ricavata dalla cottura di cipolle e cicorie da assumere durante la giornata o come brodo vegetale prima del pasto principale.

Al mattino invece rigenerarsi con acqua e limone, da bere appena svegli, e mele cotte insaporite con cannella o zenzero.

Suggerimenti da mettere in pratica per tutto il periodo festivo.

Fermenti lattici per depurare l'organismo

Fermenti latici dalla funzione detox

Un suggerimento valido per depurarsi prima dei cenoni natalizi è quello di assumere i probiotici (fermenti lattici) per almeno un mese. Serve a migliorare la funzionalità digestiva e a liberare l'organismo dalle tossine.

Dolci natalizi? Meglio consumarli a colazione

E i dolci?

Il dolce che fa meno male è quello mangiato al mattino a colazione. Perché non destinare la fetta di panettone come accompagnamento al caffè latte? Dopo i pranzi e le cene luculliane meglio limitarsi a un sorbetto al limone o gelatino di frutta.

Riproduzione riservata