Sindrome dell’ovaio policistico: cos’è, sintomi e cure

La Sindrome dell'ovaio policistico è un disturbo riproduttivo che colpisce le donne in età fertile. Cause, sintomi e terapie

Settembre è il mese dedicato alla sensibilizzazione sulla Sindrome dell'ovaio policistico, un disturbo molto diffuso e conosciuto ma di difficile diagnosi, e su cui gravano ancora parecchi tabu. «La Sindrome dell'ovaio policistico colpisce tra l'8 e il 13% delle donne in età riproduttiva ed è uno dei disordini riproduttivi più comuni». A spiegarlo è la dottoressa Daniela Galliano, specialista in Ostetricia, Ginecologia e Medicina della Riproduzione, responsabile del centro PMA IVI di Roma. Purtroppo però, come spesso accade, le notizie che arrivano a noi donne su questo tipo di disturbo, sono frammentarie e spesso errate: sebbene infatti questa sindrome sia molto conosciuta, la sua diagnosi crea ancora molti dubbi. Ecco perché, insieme all'esperta, abbiamo deciso di fare il punto sulle conseguenze che questa notizia può avere sulle donne, per aiutarle a conoscersi meglio e a prendersi cura della propria salute.

La campagna #SOPnoSTOP per informare sull'ovaio policistico

«Conoscere le implicazioni che questa sindrome può avere sulla vita delle donne che ne soffrono è il primo passo per affrontarla con tranquillità», dice la dottoressa Galliano, che ha realizzato una guida, oltre a una campagna di normalizzazione attraverso l'hashtag #SOPnoSTOP, con cui condividere cause, sintomi e testimonianze. «Siamo consapevoli della mancanza di conoscenza di questo disturbo, quindi questa guida è nata per informare in dettaglio sulla SOP e per essere in grado di agire dal punto di vista medico ed emotivo».

Sindrome da ovaio policistico: cos'è

Spesso si sente parlare di ovaio policistico e subito la mente va verso la peggiore delle ipotesi. Questo è il primo mito da sfatare: una donna con sindrome dell'ovaio policistico non ha un tumore alle ovaie. Il nome SOP, infatti, deriva dalla sua descrizione di quasi cento anni fa ed è legato alla comparsa nelle ovaie di follicoli multipli di dimensioni leggermente più grandi del solito. Ma non si tratta di cisti, né tantomeno di tumori.

Ciclo mestruale irregolare: quali cause?

VEDI ANCHE

Ciclo mestruale irregolare: quali cause?

Sindrome da ovaio policistico: sintomi

«I sintomi della SOP possono variare da donna a donna ma è bene fare attenzione ad alcuni segnali . Innanzitutto le alterazioni del ciclo mestruale: le donne con sindrome dell’ovaio policistico hanno molto spesso cicli mestruali irregolari, che durano più di 35 giorni e che si manifestano con oligomenorrea (lunghi periodi senza mestruazioni) oppure, nel 40% dei casi, con amenorrea (assenza di mestruazioni). Un altro sintomo è l'aumento della peluria, soprattutto sul volto in zone come labbra, mento o guance, oppure sul corpo in aree come glutei, petto, addome. Anche l’aumento del peso corporeo e la difficoltà nel dimagrire possono essere segnali che è bene non sottovalutare», chiarisce la dottoressa Galliano.

Endometriosi e maternità: le cure per stare bene

VEDI ANCHE

Endometriosi e maternità: le cure per stare bene

La Sindrome da ovaio policistico è una malattia metabolica

Un altro "mito" da sfatare è quello per cui questa diagnosi abbia la sua origine nelle ovaie. «È una malattia metabolica che colpisce anche le ovaie attraverso la mancanza di ovulazione e, di conseguenza, può causare infertilità. Ma la sua origine è un'alterazione globale del metabolismo, con un ruolo molto importante nell'eccessiva produzione di insulina», spiega ancora la specialista, che sottolinea anche le differenze tra ovaio policistico, micropolicistico e multifollicolare.
«La sindrome dell’ovaio policistico è anche detta sindrome dell’ovaio micropolicistico, che si differenzia dall’ovaio multifollicolare per condizioni cliniche distinte. Nell’ovaio multifollicolare, a differenza dell’ovaio policistico, è presente un numero inferiore di follicoli, ma di dimensioni maggiori e sparse in tutto l’ovaio. Inoltre, a differenza dell’ovaio policistico, la donna non è interessata da complicanze come disturbi metabolici, cardiovascolari, disturbi del sonno, sbalzi d’umore e un maggior rischio di sterilità».

Vulvodinia: cos’è, come si riconosce e si cura

VEDI ANCHE

Vulvodinia: cos’è, come si riconosce e si cura

Le terapie per la Sindrome da ovaio policistico

La pillola anticoncezionale è largamente usata dai ginecologi, ma non è certo l'unico trattamento per la sindrome dell'ovaio policistico. Lo specialista infatti può consigliare terapie volte a contrastare gli effetti clinici degli squilibri ormonali, ma anche «una dieta funzionale a basso indice insulinico perché l’aumento di peso e la difficoltà a ridurlo sono alcuni dei sintomi che caratterizzano questa patologia», sottolinea ancora la dottoressa Galliano.
«È importante essere pienamente consapevoli del nostro corpo e "intervenire" attuando un corretto stile di vita, partendo proprio dalla cura dell'alimentazione e da un esercizio fisico costante. Ma non sottovalutate anche i possibili disagi emotivi della patologia, sintomi come, ad esempio, la difficoltà nel concepimento».

Fibromialgia, scoperta la causa autoimmune

VEDI ANCHE

Fibromialgia, scoperta la causa autoimmune

Le cure per l'infertilità causata dalla Sindrome da ovaio policistico

Una delle conseguenze di questa diagnosi è, infatti, proprio l'infertilità. Questo però non significa che si è sterili. Semplicemente, le donne con Sindrome da ovaio policistico possono avere difficoltà a restare incinta per anovulazione. «Le pazienti che soffrono di questa patologia possono impiegare più tempo nella ricerca della gravidanza a causa dell’assenza di ovulazione: potrebbe essere necessario ricorrere ad un trattamento di riproduzione assistita come l’inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro, a seconda del caso», conclude la dottoressa.

Riproduzione riservata