Aiuto, che stress! Impara a ascoltare il tuo corpo

Credits: shutterstock

QUESTIONE DI SONNO

Lo stress influisce sul sonno e... non solo per quanto riguarda l'insonnia! Il deficit cronico di sonno colpisce soprattutto la fascia d'età fra i 35 e i 54 anni: sono oltre 12 milioni gli italiani a dichiarare episodi di insonnia e difficoltà a riposare bene. Circa la metà afferma di svegliarsi nel cuore della notte e lamenta problemi di concentrazione causati dalla sveglia mattutina e l'incapacità di addormentarsi. Rigirarsi nel letto senza riuscire a prendere sonno non costituisce l'unico problema. Sebbene si parli maggiormente dell'insonnia esiste una tendenza opposta, altrettanto preoccupante. Dormire troppo può comunicare un disagio a livello psichico: il sonno, infatti, possiede un legame profondo con l'incoscio e parla della nostra reale qualità di vita a livello profondo. Ecco quali sono i disturbi causati dallo stress. È possibile lavorare per un approccio all'esistenza differente?

Credits: shutterstock

ASCOLTA IL TUO CUORE

Una fitta al cuore e la sensazione del respiro che manca: di frequente l'ansia appare collegata alla tachicardia. Durante i periodi di stress intenso si modifica l'attività delle ghiandole surrenali, le quali influiscono sulla frequenza cardiaca. A causa dell'eccessiva produzione di adrenalina e noradrenalina aumentano pressione e viscosità del sangue: i depositi di colesterolo si accumulano nelle arterie, sale il rischio di ipertensione, ischemia, infarto e aterosclerosi. Soprattutto quando i problemi si protraggono le conseguenze possono diventare drammatiche, perché il nostro corpo non è fatto per sopportare a lungo quella che dovrebbe essere una reazione momentanea e limitata nel tempo.

Credits: shutterstock

VIVERE NELLA PAURA

Le ricerche attuali spiegano che una forte emozione produce un effetto su cuore, polmoni, pressione sanguigna, eccitabilità cardiaca e consumo di ossigeno. Fin dalla preistoria lo stress ha costituito un salvavita, poiché ha reso possibile prendere decisioni importanti in tempi brevi, agire e farlo velocemente. La capacità di adattamento è fondamentale per la sopravvivenza. Oggi i pericoli contro cui combattiamo non hanno a che fare con animali feroci o mancanza di cibo, eppure questo non sembra rendere l'esistenza quotidiana più semplice. Il livello di ansia e preoccupazione appare in crescita costante. Dalla corsa per la carriera all'angoscia verso la precarietà, la crisi economica si riflette sul piano mentale e inonda di paura il nostro sistema, neuronale e psicologico, sociale.

Credits: shutterstock

TUTTO SULLE TUE SPALLE

La sensazione di un peso sulle spalle, un nodo in gola, la pancia che si contrae: secondo la medicina psicosomatica ciò che il nostro corpo comunica può aiutare a fare chiarezza sul periodo che stiamo attraversando e ci aiutano a trasformare un sintomo in un messaggio da ascoltare. Mal di testa e dolori cervicali sono profondamente collegati a situazioni percepite come stressanti e parlano di un carico di responsabilità che sentiamo sempre più insostenibile. La rigidità a livello muscolare può influire su  vertigini, mal di schiena e contratture; questi disturbi minano il benessere, perché tolgono energia e concentrazione, aumentando stanchezza, ansia e sofferenza. Gli studi attuali sottolineano il ruolo delle emozioni per il benessere psicofisico: corpo e mente formano un complesso unico, ecco perché la vera trasformazione inizia quando impariamo a considerarci un tutto inscindibile.

Credits: shutterstock

CHE FASTIDIO!

Sono ancora molti i misteri sul cervello umano, ma ciò che sappiamo è che lo stress prolungato incide sul processo d'invecchiamento come un veleno in grado di accelerare il processo in ogni parte dell'organismo... cuore e arterie comprese. L'epidermide è uno degli organi più delicati e facilmente presi d'attacco, perché rappresenta la nostra barriera esterna, il confine fra noi e gli altri. Quando sentiamo venir meno questa protezione ci sentiamo vulnerabili: tutto ci tocca e ferisce. Psoriasi, dermatite, herpes, eczemi, verruche: la pelle reagisce e urla la nostra ipersensibilità, un fastidio che diventa tanto più difficile da accettare quanto più è invalidante e manifesto, davanti agli occhi di chi ci guarda.

Credits: shutterstock

CHE COSA NON TI VA PIÙ?

Problemi di gastrite, mal di stomaco, nausea o innapetenza non parlano solo del nostro rapporto con il cibo, ma con la vita stessa. C'è qualcosa che non riesci a digerire? Inizia a riflettere ascoltando ciò che senti come un vero e proprio messaggio da parte del tuo inconscio: la saggezza del corpo è una conoscenza ancestrale, che si basa su un istinto antichissimo. Chi ha sperimentato un attacco di panico sa quanto può essere intensa e devastante la sensazione di morte. Il fatto che non si tratti di un reale infarto, non significa che sia tutto suggestione: la questione non è evitare il prossimo attacco o credere che il corpo ti abbia dato un messaggio errato, bensì comprendere davvero e per farlo hai bisogno di metterti in ascolto. Che senso ha per te tutto questo? Ascoltare la propria  sofferenza e farsi accompagnare in questo viaggio è ciò che ti permetterà di individuare le reali cause alla base del disagio e cambiare ciò che ti serve per ottenere una vita più felice.

Foto

Riconoscere i sintomi legati a stress e ansia è fondamentale per ritrovare benessere e serenità

Dormire troppo... e troppo poco: entrambi sono segnali che indicano uno squilibrio, lo sapevi? Situazione prolungate di stress possono influenzare il metabolismo influenzando i valori del sangue, cuore e polmoni. Quando attraversiamo un periodo difficile abbiamo bisogno di curarci di più, ecco perché la dieta, insieme all'attività fisica e alle buone relazioni, possono favorire il benessere determinando un cambiamento importante nella qualità della vita.


Riproduzione riservata