Dal freddo al caldo in tre mosse

  • 1 10
    Credits: Roman Faure

    IN UFFICIO. Nell'arco di una giornata di lavoro la temperatura cambia tante volte: si entra con il fresco del mattino e si esce per la pausa pranzo a un'ora in cui fa più caldo. Ci si sposta di stanza e si trova l'aria condizionata accesa o spenta. Insomma, chi non ha l'abitudine di lasciare golfini e scialli sulla scrivania, deve proprio vestirsi a strati.

    Ha un'aria militare il giacchino in caldo panno di lana con cintura in vita. La chiusura a zip garantisce una totale protezione dal freddo. (Sportmax Code, 180 euro, taglie dalla 36 alla 48). Gonna di taffetà al ginocchio (Kookaï, 82 euro, taglie dalla 40 alla 46). Borsa Penny Black.

  • 2 10
    Credits: Roman Faure

    AL SUPERMERCATO. Per entrare e uscire dai negozi, dove il riscaldamento o il condizionamento sono sempre al massimo, servono capi comodi e facili da mettere e togliere.

    La giacca di cashmere e lino scalda ma è leggera: si può tenere in mano o metterla sul manubrio del carrello senza che dia fastidio come un cappotto lungo (Brunello Cucinelli, 1.147 euro circa, taglie dalla 40 alla 50). Pantaloni di cotone (Gunex, 169 euro circa, taglie dalla 40 alla 50). Sciarpa Sisley. Borsa Stefanel.

  • 3 10
    Credits: Roman Faure

    Il cardigan piccolo e aderente chiuso da bottoni è invisibile: sta bene sotto lagiacca e scalda come un maglione nonostante sia sottilissimo. E sta facilmente in borsa (Rivamonti, 272 euro circa, taglie dalla S alla XL). Cintura Gunex.

  • 4 10
    Credits: Roman Faure

    Sotto il cardigan, sta bene un capo a maniche lunghe nello stesso colore, come questa maglia di cashmere leggero con scollo a barchetta (Brunello Cucinelli, 297 euro circa, taglie dalla S alla XL).

    Donna Moderna consiglia
    se ti vesti "a cipolla" in città scegli giacche e pull in lana o cashmere mischiati a lino e seta. Sono caldi ma sottili e si sovrappongono senza ingoffare.

  • 5 10
    Credits: Roman Faure

    IN MONTAGNA. Fuori fa già un freddo penetrante, in casa o nei rifugi sono già accese le stufe e i camini. E se spunta un raggio di sole, c'è ancora la voglia di mettersi in maglietta: meglio essere pronte a ogni sbalzo del termometro.

    Il gilè imbottito si indossa ai primi freddi sopra pull o giacche: ha l'interno di pile e l'esterno di tessuto tecnico. Un cappuccio nascosto è utile per riparare la testa se piove. Mentre una coulisse da stringere dà un tocco femminile (Sportmax Code, 180 euro, taglie dalla 38 alla 46). Pantaloni di fustagno (GFF Ferré, 311 euro, taglie dalla 38 alla 46). Borse Sportmax Code. Scarponcini GFF Ferré.

  • 6 10
    Credits: Roman Faure

    Il cardigan di lana a maglie grosse è la scelta più indovinata per stare al caldo fuori e dentro casa: ha un'aria country ma non è un maglione ingombrante. La linea aderente lo rende adatto anche sotto la giacca a vento quando si fa sport (GFF Ferré, 215 euro, taglie dalla 38 alla 46).

  • 7 10
    Credits: Roman Faure

    Sotto a tutto, una maglia in jersey di cotone a righe: leggera e sportiva ma con le maniche lunghe (T-Penny, 59 euro, taglie dalla S alla L).

    Donna Moderna consiglia
    sotto il gilè di piumino fai spuntare un maglione dal collo e dalle maniche colorati o decorati. Il look a strati avrà un'aria allegra.

  • 8 10
    Credits: Roman Faure
  • 9 10
    Credits: Roman Faure
  • 10 10
    Credits: Roman Faure
/5

All'inizio d'autunno non si sa cosa mettere: per evitare di sentirsi troppo o troppo    poco coperte l'ideale è vestirsi a strati. Con giacca, cardigan e sottogiacca

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te