• Home -
  • Salute-
  • Protesi al seno con grasso corporeo

Protesi al seno con grasso corporeo 

Protesi: dopo lo scandalo PIP (Poly Implant Prothese) arriva il nuovo seno con grasso corporeo. Il chirurgo plastico Egidio Riggio ci spiega di cosa si tratta, valutando i rischi e 'imponendo' di non pretendere un aumento superiore ad una misura

di Alessandra Montelli

I recenti scandali delle protesi PIP (Poly Implant Prothese) hanno fatto aumentare la ricerca di soluzioni alternative in campo estetico, favorendo l’arrivo del lipofilling che prevede il riciclo del proprio grasso corporeo, ricavato soprattutto da pancia e glutei, per trasferirlo nelle mammelle. Negli USA sono già stati effettuati centinaia di interventi di questo tipo e la percentuale di complicazioni sarebbe inferiore all’1% .
Ma il condizionale è d’obbligo. Il seno è espressione di femminilità, bellezza, maternità, ma è soprattutto una ghiandola che, purtroppo, ancora oggi provoca il maggior numero di tumori. Ogni anno in Italia si ammalano 100 donne ogni 100.000: per questo ogni tecnica e metodica chirurgica riguardante il seno andrebbe prima studiata a lungo e poi applicata in modo rigoroso, scientifico e prudente.
“Molte donne sane – spiega Egidio Riggio, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica e microchirurgia presso l’Istituto Nazionale Tumori di Milano - potrebbero avere alcune cellule tumorali dormienti, ancora non invasive, che magari rimangono tali per anni o per sempre, oppure no. Per questo motivo è importante prestare fede a un principio ideale di salute della donna in ogni operazione al seno eseguita - estetica o ricostruttiva che sia - selezionando la tecnica chirurgica meno invasiva e impiantando il materiale più sicuro, senza lasciarsi corrompere dalle mode passeggere e dai facili guadagni, che possono girare rovinosamente nel mondo della medicina e della chirurgia estetica. In passato sono venuto a conoscenza di chirurghi che hanno inserito le protesi senza accorgersi che le mammelle erano già colpite dal tumore! La scarsa preparazione, la superficialità e la mancanza di scrupoli rappresentano una gramigna difficile da sradicare nel nostro settore”.

Per tanti anni c’è stato un veto della Società americana di chirurgia plastica contro il lipofilling al seno per il rischio di interferenza con la prevenzione dei tumori. Solo dal 2000 si è cominciato, prima in America e poi in Europa - e con il supporto di studi clinici - a trattare le donne già operate di tumore, ma con non più di 100-200cc di grasso, limite entro il quale forse non si corrono rischi.
“Purtroppo in campo estetico – continua il dottor Riggio - ci sono chirurghi che arrivano a “imbottire” le mammelle a dismisura con oltre 1 kilo di grasso per lato. Non solo, adesso è di moda parlare di trapianto di cellule staminali, più che di lipofilling, ma in realtà le staminali adulte presenti nel grasso rappresentano solo l’1-5% del totale. Non ci sono inoltre studi scientifici seri, in grado di rassicurare sulla possibilità che queste cellule stimolino la crescita dei tumori negli anni successivi.”

Anche in questo caso, come in quello delle protesi al silicone, è necessario affidarsi a chirurghi altamente qualificati e pensare che la salute viene prima di tutto, anche di un bel seno. I rischi ci sono e vanno sempre valutati in profondità.


“I rischi potenziali sono di due tipi – avverte Riggio – quelli benigni, noti da tempo ai chirurghi e proporzionali alla quantità di grasso inserito, e nella zona del seno da riempire che se sbagliato può produrre cisti, granulomi, macrocalcificazioni e deformazione. E rischi sconosciuti, ovvero non ancora studiati, che concernono però quei lipofilling dove si concentrano volutamente fattori di crescita e cellule staminali.”

Il risultato è naturale e non ci sono cicatrici, ma l’aumento senza rischi è di una taglia, bisogna inoltre essere consapevoli che, come spiega il dottor Riggio, “ non si può prevedere, prima di due mesi dall’impianto la quota di grasso che sopravvive nella nuova sede. Può esserci bisogno di una ripetizione per arrivare a una misura definitiva. Invece, che il risultato possa essere più simmetrico che con le protesi è una sciocchezza. E’ poi importante evitare metodi non tradizionali - come l’utilizzo di cellule staminali potenziate - dietro ai quali c'è tanta propaganda a scopi commerciali da parte di aziende e medici. Per quanto mi riguarda, a tutela delle mie pazienti, non li utilizzerò finche non vedrò dati scientifici seri e pubblicati. Resta il fatto che, per quanto riguarda un aumento evidente del seno, le protesi al silicone restano la miglior soluzione se sono di ottima qualità, robuste, con gel molto coesivo, meglio se di forma anatomica”.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
salute/protesi-seno$$$Protesi al seno con grasso corporeo
Mi Piace
Tweet