Fare il bagno in modo sostenibile

Così danneggiamo il mare: cosa evitare di fare quando fai il bagno

Con l'arrivo dell'estate si torna nelle spiagge: ma come evitare di danneggiare l'ecosistema e fare il bagno in modo sostenibile?

Estate, tempo si bagni in mare; ma che impatto hanno le nostre vacanze sull'ecosistema e soprattutto come fare il bagno in modo sostenibile?

La risposta è sì, a patto di fare attenzione ad alcuni dettagli molto importanti che possono aiutarci a non danneggiare il mare e vivere le ferie in modo più responsabile.

Bagno in modo sostenibile? Si può!

Anche in spiaggia possiamo comportarci in modo sostenibile e lasciare l'ecosistema più pulito di come lo abbiamo trovato; tra plastica e creme solari, sono tante le attenzioni che dobbiamo avere per tenere un approccio più green anche al mare.

Ecco alcuni suggerimenti e consigli per poter vivere le ferie senza rinunciare al relax e al divertimento e al contempo salvaguardando l'ambiente.

5 abitudini green da portare in spiaggia

VEDI ANCHE

5 abitudini green da portare in spiaggia

La scelta del costume da bagno

Un aspetto a cui magari non si presta attenzione, ma molto importante per fare il bagno in modo sostenibile è la scelta del costume; sembra strano ma è proprio così.

Secondo alcuni report diffusi del Parlamento Europeo, infatti, gli indumenti sintetici possono rilasciare ogni anno fino a 0,5 milioni di tonnellate di microfibre nei mari e costituire il 35% delle micro-plastiche disperse nell'ambiente.

Meglio allora scegliere costumi da bagno realizzati con materiali naturali o in modo il più sostenibile possibile, assicurandoci che non rilascino micro-plastiche dannose nel mare.

Lo stabilimento? Sì ma sostenibile

 Anche la scelta dello stabilimento in cui passare le giornate in spiaggia è importante e va fatta con attenzione.

Dalla raccolta differenziata, al risparmio idrico ed energetico, da sempre associazioni come Legambiente stilano ogni anno una lista di stabilimenti balneari che si sono distinti per in termini di salvaguardia del territorio.

Scegliere di prenotare ombrellone e lettino in uno di questi (in particolare in quelli con la bandiera blu di Legambiente) è sicuramente un primo passo per fare il bagno in. modo sostenibile!

Un altro aspetto molto importante riguarda proprio il risparmio idrico e la protezione del mare; è molto importante ridurre al minimo i consumi di acqua potabile ed di inquinare gli scarichi con i saponi e detergenti nelle docce.

5 cose dannose per l’ambiente che fai in spiaggia, senza accorgertene

VEDI ANCHE

5 cose dannose per l’ambiente che fai in spiaggia, senza accorgertene

Attenzione alla crema solare

Un occhio di riguardo va anche alla scelta della protezione solare: creme idratanti, schermi protettivi, olii abbronzanti possono essere dannosi per l'ecosistema una volta che ci immergiamo in acqua.

Secondo i report della World Tourist Organization infatti, solo nei mari tropicali vengono rilasciate ogni anno dalle 6.000 alle 14.000 tonnellate di creme che raggiungono le barriere coralline e ne distruggono il delicatissimo ecosistema.

Le sostanze a cui fare attenzione quando scegliamo la crema solare sono sei - avobenzone, oxybenzone, octocrylene, homosalate, octisalate e octinoxate - e recenti studi hanno scoperto che sono dannose anche per l'uomo, perché rischiano di rimanere in circolo nel nostro corpo molto a lungo.

Alcune località come la Tailandia e le Hawaii, proprio per questo motivo, hanno bandito dalle loro spiagge l'utilizzo di creme solari.

Pranzo al sacco senza plastica

Un altro grande classico delle vacanze in spiaggia è il pranzo al sacco sotto l'ombrellone: anche qui ci sono alcuni accorgimenti da tenere a mente per comportarsi in modo (quasi) irreprensibile dal punto di vista della sostenibilità.

Quando portiamo con noi in spiaggia degli snack o il pranzo al sacco è bene evitare se possibile contenitori in plastica, soprattutto se usa e getta e preferire invece contenitori in vetro o riutilizzabili.

Inoltre materiali come il vetro conservano il cibo meglio e più a lungo e aiutano ad evitare l'accumulo e la produzione di rifiuti non necessari; anche posate, piatti e bicchieri usa e getta vanno usati il minimo indispensabile e quando possibile portiamo una borraccia da casa, per minimizzare l'uso di bottigliette d'acqua in plastica che finiremmo con il buttare dopo l'utilizzo.

App per conoscere e vivere mare e spiagge

VEDI ANCHE

App per conoscere e vivere mare e spiagge

I rischi per l'ambiente

Queste attenzioni non sono da sottovalutare: l'impatto delle vacanze al mare ogni anno è durissimo per l'ambiente e tutti dobbiamo fare la nostra parte.

Un esempio? Il Programma ambientale delle Nazioni Unite ha recentemente riportato che il 14% di tutti i rifiuti solidi globali è prodotto ogni anno solo dall'industria turistica, con i turisti occidentali che producono in media tra l'1 e i 2 chilogrammi di rifiuti ogni giorno, al di là della destinazione prescelta.

Il turismo è anche un settore che consuma moltissime risorse idriche, poiché molti servizi e location – come spa, idromassaggi e piscine – richiedono forniture continue di acqua pulita. La cosa paradossale è che molti complessi si trovano in realtà in paesi a basso reddito, in cui il la scarsità d'acqua è un problema costante per la stragrande maggioranza della popolazione autoctona.

Certo non è facile cambiare radicalmente le proprie abitudini, in particolare in vacanza, ma bastano davvero pochissimi accorgimenti per vivere in serenità le ferie e fare il bagno in modo sostenibile e rispettando l'ambiente, evitando comportamenti dannosi per l'ambiente marino.

Dalla scelta del costume da bagno, alla crema solare, fino allo stabilimento e al pranzo al sacco, tutti possiamo contribuire a un piccolo cambiamento per proteggere l'ecosistema e l'ambiente.


 

Questi sono i modi migliori per riciclare i vecchi costumi da bagno

VEDI ANCHE

Questi sono i modi migliori per riciclare i vecchi costumi da bagno

Come riutilizzare e dare nuova vita agli ombrelloni da spiaggia rotti

VEDI ANCHE

Come riutilizzare e dare nuova vita agli ombrelloni da spiaggia rotti

Riproduzione riservata