Le erbe aromatiche: cosa conviene coltivare

Le erbe aromatiche: cosa conviene coltivare

Danno sapore ai piatti, fanno bene alla salute. Sono le virtù di queste profumatissime piante. Scopri qui le varietà che ti conviene coltivare

Erbe aromatiche: le varietà più originali

Salvia, rosmarino, maggiorana, erba cipollina... Al posto delle solite aromatiche, quelle che conosciamo tutti, quest’anno prova a coltivare in terrazzo varietà più originali. Sono belle da vedere e, soprattutto, molto gustose per la tavola. Te ne proponiamo tre, facilissime da coltivare. Basta scegliere l’esposizione giusta.

Il timo lemon al sole

Rispetto alla specie classica, nel timo citriodoro le foglioline sono verdi e giallo oro. È sufficiente sfiorarle e si sprigiona un profumo intenso che evoca quello dei fiori e della scorza del limone. La stessa fragranza che si sprigiona a contatto con i cibi: basterà qualche rametto per aggiungere un tocco speciale alla pasta, con il vantaggio che, qualunque sia il condimento, sarà più digeribile.

Se vuoi che si mantenga sano, sostituisci il vaso di plastica con uno di terracotta e bagna spesso ma poco. E poi, coltivalo in pieno sole: avrà un profumo molto intenso e crescerà più compatto.

La stevia alla mezz'ombra

La Stevia rebaudiana, diventata oggi di moda come dolcificante a zero calorie, è un delizioso cespuglietto con i rami legnosi carichi di foglioline verde intenso che puoi acquistare in vivaio o al Garden. Coltivarla è facile e, così, avrai a portata di mano la tua personale fonte di dolcezza. Bastano poche foglioline fresche di stevia, per esempio, per rendere più salutari le tue cipolline in agrodolce.

Sul balcone, scegli un angolino esposto al sole per mezza giornata (l’ideale è quello del mattino). Per farla crescere più folta, però, ricorda di tagliare le cime dei rametti ogni due settimane, fino a giugno.

Il basilico rosso all'ombra

Rispetto alle varietà verdi, il basilico Red Robin (simile al Tulsi indiano) ha le foglie seghettate di un sorprendente color rosso violaceo che formano un cespuglietto scenografico, alto 50 centimetri. Dal profumo ancora più intenso rispetto a quello classico, questa varietà ha un sapore altrettanto gustoso. Da sfruttare per portare in tavola una pasta al pesto rosso! Una vera sorpresa. Che fa anche bene alla salute: secondo la medicina Ayurvedica, gli oli essenziali di cui sono ricche le foglie del basilico rosso aiutano a combattere i radicali liberi e riducono lo stress.

Per evitare che le foglie si ustionino e diventino marrone, coltivalo in un angolo luminoso ma protetto dal sole diretto. E non dimenticare di bagnare il terriccio (solo quello) a giorni alterni, soprattutto d’estate.

Riproduzione riservata