Prevenzione incendi boschivi: divieto di accendere falò

Prevenzione incendi boschivi: 5 norme base da rispettare

Dai sì e no dell'accensione di falò e barbecue al numero da chiamare per avvisare i vigili del fuoco tempestivamente: ecco 5 "norme antincendio” fondamentali per prevenire gli incendi boschivi.

Cresce sempre di più la voglia di montagna degli italiani. Secondo l’indagine "Confommercio Confturismo-SWG", sulla propensione a viaggiare da parte degli italiani, circa 1 su 4 (il 23% contro il 18% di maggio 2019) dei nostri connazionali mira alle alte vette, ritenute più sicure anche per il “distanziamento sociale".

Boschi e aree verdi, in montagna, come le pinete, al mare, sono sì luoghi di svago che però richiedono cautele particolari: bisogna infatti sapere come agire correttamente per ridurre il rischio incendi e per rispettare l’habitat naturale, continuando a conservare il più possibile intatti questi polmoni verdi di inestimabile valore.

Secondo quanto diffuso a inizio 2020 dalla Sigea (Società Italiana di Geologia Ambientale) dai dati raccolti dall’European forest fire information system (Effis) emerge che in Italia nel 2019 sia andata in fumo una superficie di oltre 20.395 ettari e che dal 1980 al 2017 le superfici interessate dal fuoco sono state pari a 5 milioni e 600 mila campi di calcio!

La distruzione del patrimonio forestale non ha riflessi “solo” di natura ambientale, ma anche economica: prevenire un incendio costa in media otto volte in meno che spegnerlo. Partiamo quindi da 5 "norme antincendio” fondamentali che ognuno di noi può rispettare.

1. Non accendere falò nei boschi

Come ricorda PEFC Italia (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes), ente promotore della corretta e sostenibile gestione del patrimonio forestale, nel vademecum per tutelare boschi, non bisogna mai accendere un fuoco al di fuori degli spazi sicuri appositamente predisposti e segnalati.

Peraltro, anche in tali luoghi, va posta estrema attenzione ad ogni fase della combustione: fai dunque attenzione ai colpi di vento che potrebbero spostare le braci del barbecue e disperderle sul terreno e, infine, al termine dell’utilizzo, assicurati che il fuoco sia completamente spento e quindi inoffensivo.

2. Non lasciare rifiuti sul tuo percorso

Oltre ad inquinare luoghi incontaminati, i rifiuti rappresentano, in molti casi, purtroppo, un perfetto combustibile o, nel caso delle sigarette, una miccia letale per gli incendi.

Ricordati quindi sempre di non abbandonare rifiuti e anzi, di raccogliere quelli che trovi nei boschi e, per questo, porta con te, nelletue passeggiate un sacchetto da utilizzare per trasportare i “reperti” trovati sino al primo cassonetto disponibile.

3. Dimentica le lanterne volanti

Sono tante le persone che vogliono stupire amici e parenti alla fine di una festa. Quando cala la notte e il cielo si riempie di stelle, non di rado si vedono spuntare le lanterne volanti. Poetiche? Sì, ma molto pericolose tanto che molti comuni si son trovati costretti a vietarle.

Pensa che a Capodanno 2020 in uno zoo in Germania molti animali sono morti proprio per colpa di un incendio partito da una lanterna lanciata per festeggiare il nuovo anno. Una massima recita tutto quello che va in cielo prima o poi ricade per terra…

4. Parcheggia solo nelle aree predisposte

Infine, bisogna fare molta attenzione anche a dove parcheggiamo i nostri veicoli: il semplice calore della marmitta, una volta entrato in contatto con la vegetazione secca, potrebbe innescare un incendio. Per questo è fondamentale lasciare i veicoli nei parcheggi predisposti.

Per evitare danni al patrimonio boschivo e più in generale a tutta la flora, anche agli amanti del campeggio è consigliato fermarsi e pernottare solo in aree attrezzature o comunque dove è permesso.

5. Vedi un incendio? Chiama i vigili del fuoco

Se, nonostante tutti gli accorgimenti, dovresti trovarti di fronte ad un incendio, mettiti immediatamente in sicurezza allontanandoti dal luogo interessato dalle fiamme e chiama i Vigili del Fuoco (115).

Qualora non ti fosse possibile abbandonare l’area colpita dall'incendio posizionati con le spalle al vento e cerca di raggiungere la zona già bruciata dove è più difficile essere nuovamente raggiunti dal fuoco.

Fai in modo che le uniche scottature dell’estate siano dovute al troppo sole, anzi, evita anche quelle! Con la giusta protezione solare, ovviamente amica del Pianeta.

Cambiamenti climatici: 6 paradisi a rischio per cui dobbiamo “lottare”

VEDI ANCHE

Cambiamenti climatici: 6 paradisi a rischio per cui dobbiamo “lottare”

Riproduzione riservata