Come realizzare il burro di karité

Il burro di karité apporta numerosi benefici alla nostra pelle: ha proprietà emollienti, lenitive e antiossidanti. Ecco come realizzare in casa dei trattamenti al burro di karité.

Il burro di karité è una sostanza ricavata dai semi del Butyrospermum Partii, un maestoso albero diffuso in Africa Centrale. La sua estrazione avviene mediante un metodo naturale ed artigianale: i frutti, una volta essiccati al sole, sono separati dalla polpa ed asciugati in appositi forni: quindi, vengono tritati per ottenere l’impasto grezzo, ammorbiditi con acqua e bolliti a lungo.

Le proprietà dell’estratto sono molteplici: vanta virtù emollienti, rigeneranti, lenitive, antiossidanti e cicatrizzanti e, per questo, è particolarmente diffuso in campo dermatologico e cosmetologico. Ideale per mantenere inalterata la naturale elasticità della pelle, incrementa la formazione di elastina e collagene, mitiga gli arrossamenti cutanei ed ottimizza la circolazione sanguigna dei capillari.

Ottimo anche per la prevenzione delle rughe, dona compattezza al derma, non unge ed è di facile assorbimento. In questo tutorial, volgiamo illustrarvi il semplice procedimento per realizzare in casa dei trattamenti al burro di karité: vi basterà seguire attentamente i passi della guida, per un risultato ottimale. Ecco come fare.

Burro di karitè: come usarlo sulla pelle e quali sono i benefici

VEDI ANCHE

Burro di karitè: come usarlo sulla pelle e quali sono i benefici

Occorrente

  • Per la crema idratante protettiva: 25 g di olio di mandorle (o di Jojoba), 15 g di burro di karitè, 1 cucchiaino di cera d’api, 35 g di acqua, 10 gocce di olio essenziale della profumazione desiderata (facoltativo)
  • Per la maschera per capelli: 1 cucchiaino di burro di karitè, 1 cucchino di olio di mandorle, 1 cucchiaino di olio di Jojoba, 15 gocce di olio essenziale della profumazione preferita
  • Per la protezione solare: 50 g di burro di karitè, 100 ml di olio di cocco, 20 ml di Aloe Vera in gel, 10 ml di olio di calendula

Crema idratante protettiva

In una terrina, versate l’olio di mandorle, il burro di karité e la cera d’api e fate sciogliere a bagnomaria; montate il composto con le fruste e incorporatevi, a filo, l’acqua precedentemente intiepidita, fino ad ottenere una crema densa e compatta. Se gradite un leggero profumo, potete incorporare alcune gocce di olio essenziale, dell’essenza desiderata.

Trasferite il tutto in un vasetto di vetro a chiusura ermetica e conservate in frigorifero per un massimo di 2 mesi. Potete impiegare questo trattamento sia per il corpo, che per il viso: proteggerà la pelle dal freddo, dal sole e dagli arrossamenti cutanei, oltre a donare tonicità e morbidezza e a prevenire rughe, smagliature ed altri inestetismi. In alternativa all’olio di mandorle, potete usare quello di jojoba, nella medesima quantità.

Come fare un burrocacao al karité

VEDI ANCHE

Come fare un burrocacao al karité

Maschera per capelli

Questo rimedio è un vero toccasana per donare lucentezza a capelli secchi, sfibrati ed opachi. Mescolate tutti gli ingredienti in una ciotola e scaldateli a bagnomaria: quindi, aggiungete le gocce di olio essenziale e fate raffreddare. Stendete l’impacco su tutta la lunghezza dei capelli e massaggiate la cute per qualche minuto, con la punta delle dita: infine, avvolgete la capigliatura in una cuffia, o nella pellicola trasparente, e lasciate in posa per 2 ore, dopodiché sciacquate con abbondante acqua tiepida ed asciugate.

Come fare una maschera per capelli secchi e rovinati

VEDI ANCHE

Come fare una maschera per capelli secchi e rovinati

Consigli

  • Una volta aperto, conservate il burro di karitè a temperatura ambiente, in un luogo buio e fresco, così da poterlo mantenere anche per 24 mesi.
Riproduzione riservata