Come curare la pelle dai 20 ai 30 anni

Marina Vacth, 23 anni

In questo decennio la pelle è al massimo del suo splendore: elastica, liscia, compatta. L’antirughe non serve ancora. Ci vuole, però, un idratante fluido. «L’ideale è una BB cream che in un gesto uniforma il colorito, opacizza e  mantiene il livello di idratazione al suo livello ottimale» suggerisce Magda Belmontesi, dermatologa.

Il Punto Debole «Anche se i valori ormonali sono nella norma, si possono avere problemi di brufoli» spiega l’esperta. «Per tenere sotto controllo gli sfoghi cutanei è importante curare molto bene la pulizia con un gel specifico a risciacquo».

L’ingrediente star  È l’acido salicilico: esfolia delicatamente la pelle e favorisce il turn over cellulare. Lo trovi soprattutto nei prodotti di pulizia del viso.

Il gesto in più  Fai uno scrub almeno una volta alla settimana alternato a una  maschera astringente all’argilla verde, per pulire l’epidermide in profondità eliminando anche gli eccessi di sebo.

C’è una crema per ogni età

Da ragazza ti basta idratare. Crescendo devi misurarti con i radicali liberi e il calo degli ormoni. La buona notizia? le armi antiinvecchiamento a tua disposizione funzionano

 

Quanti anni ha la tua pelle? 20, 30, 40, 50 o 60? I consigli dei  dermatologi su come curare la pelle del tuo viso in base alla tua età

Come curare la pelle dai 30 ai 40 anni

Cristiana Capotondi, 33 anni

Iniziano a vedersi i primi segni di espressione causati dalla mimica facciale.

Il punto debole  Le rughette del contorno occhi sono quelle che si formano prima. Se sei miope metti sempre gli occhiali. «Se hai la pelle olivastra fai attenzione anche alle discromie: spuntano ora le prime macchie scure da photoaging» avvisa Magda Belmontesi. Controlla che la tua crema da giorno racchiuda sempre un filtro Uv (mai sotto il 30).

L’ingrediente star  È la vitamina C. Ora più che mai è importante aiutare la pelle a contrastare l’attacco dei radicali liberi, e la sua azione antiossidante ti aiuta a farlo. Ha anche un’azione schiarente che  assicura un colorito luminoso.

Il gesto in più  Se la pelle è spenta e grigia si può chiedere al medico un peeling chimico. A base di acido glicolico, cogico e salicilico, svolge un’esfoliazione profonda che stimola la produzione di collagene e  restituisce luminosità

Come curare la pelle dai 40 ai 50 anni

Naomi Watts, 45 anni

Le rughe ora si notano di più e, purtroppo, restano lì anche quando smetti di sorridere o strizzare gli occhi.

Il Punto Debole
La pelle è più secca e i pori appaiono dilatati. «È il momento di agire su un doppio fronte» dice la dermatologa. «Di giorno usa una specialità a base di acido ialuronico arricchita di filtri UV e, perché no, con effetti botox-like, per  istendere le rughe. La sera, invece, affidati a un prodotto studiato per riparare i danni cellulari: la tua pelle inizia a faticare a fare tutto da sola. Perfetto un siero a base di vitamina A che favorisce anche il turn over cellulare.

L’ingrediente top  È l’acido ialuronico, da inserire sia nel programma cosmetico quotidiano sia nelle cure extra.

Il gesto in più  «Un trattamento Skin Booster è l’ideale» suggerisce l’esperta. «Si tratta di microiniezioni di acido ialuronico stabilizzato che bilanciano l’idratazione in profondità e facilitano gli scambi di ossigeno e di nutrienti  proteggendo la pelle dai danni dei radicali liberi. Puoi fare tre sedute a distanza di 15 giorni».

Come curare la pelle dai 50 ai 60 anni

Julianne Moore, 53 anni

In questa fascia di età, oltre al photoaging, si fa notare anche l’invecchiamento vero e proprio. Tutta colpa del calo degli estrogeni.

Il Punto Debole  L’ovale inizia a perdere definizione. E le rughe sono più marcate, in particolare quelle ai lati del naso. L’arma segreta è un antietà globale che lavori su più fronti e, soprattutto, sia in grado di compensare le carenze ormonali.

L’ingrediente top  È la soia. I suoi estratti, infatti, sono ricchi di isoflavoni che stimolano la produzione di collagene e ridensificano la struttura cellulare. «Non devono mancare poi le ceramidi» avvisa il dermatologo Antonino Di
Pietro. «Costituiscono più del 50 per cento dei lipidi presenti nella pelle e sono fondamentali per l’idratazione e per preservare la naturale barriera protettiva. Purtroppo, con il passare del tempo diminuiscono».

Il gesto in più
«Consiglierei un trattamento filler a base di acido ialuronico riassorbibile oppure un Lasy-Peel che stimola la pelle a rinnovarsi totalmente» risponde lo specialista.

Come curare la pelle oltre i 60 anni

Sigourny Weaver 64 anni

La pelle appare svuotata e si avverte uno scivolamento dei tessuti che ora risentono anche della forza di gravità.

Il Punto Debole  Il labbro superiore perde gran parte del suo turgore. Qui si forma anche il cosiddetto codice a barre, la  tipica trama di piccole rughe verticali.

L’ingrediente top  Sono i peptidi, sostanze in grado di stimolare la formazione delle fibre di sostegno dell’epidermide. «E la carnitina» aggiunge Magda Belmontesi. «Utile a sollecitare la  produzione di collagene dall’interno». Attenzione anche alla texture delle creme: ora deve essere molto corposa per contrastare la mancanza di estrogeni. Lo squilibrio ormonale è infatti responsabile della disidratazione tipica della  pelle a questa età.

Il gesto in più  «L’approccio più completo è il Face Balance» dice l’esperta. «Si tratta di una serie di trattamenti combinati (botulino e filler) che lavorano in sinergia per dare freschezza a tutto il viso, ma senza  gonfiare». Per le labbra, invece, è perfetta la tecnica Overlap, iniezioni a base di acido ialuronico e aminoacidi che distendono le piccole rughe all’istante e aiutano la produzione di collagene.

Per le pelli più giovani

Per la pelle giovane, la maschera Anti-Blemish Solutions di Clinique (31 euro) a base di argilla.

A destra, Effaclar Gel Moussant Purifiant di La Roche-Posay (da 15,50 euro) che elimina le impurità.

Per le prime rughe

A sinistra, racchiude vitamina C stabile e attiva Advanced Active Radiance Serum di Murad (139 euro).

A destra, Blue Therapy Eye di Biotherm contrasta le rughe del contorno occhi (42 euro).

Antietà dopo gli "anta"

Da sinistra, Cellular Anti-Age Crema Notte di Nivea ha una formula all’acido ialuronico ed estratto di magnolia che aiuta la pelle a rigenerarsi durante il sonno (15,99 euro).

Racchiude un complesso plurivitaminico Siero Multiattivo di L’Erbolario (28,50 euro).

Per le rughe più marcate

A sinistra, Superlative Elisir Antirughe Ristrutturante e Nutriente di Korff con omega 3 e 6 compensa gli squilibri ormonali (72 euro).

A destra, migliora il metabolismo cellulare Age Perfect Siero D’Oro di L’Oréal Paris (25 euro) arricchito con particelle dorate.

Per le pelli più mature

A sinistra, Xpert Raffermissant Crema Collo e Décolleté di Singula Dermon (45 euro) grazie ai peptidi agisce sulle strutture di sostegno della pelle.

A destra, Premium Sérum di Lierac contiene acido ialuronico concentrato e, in più, estratti di fiori neri rigeneranti (105 euro, in farmacia).

Riproduzione riservata
dmbeauty

2.444 posts 403k followers

Make up your life

Beauty cards