hair look

5 trucchi per realizzare delle perfette acconciature anti-pioggia

L’autunno e la pioggia non sono proprio amici dei capelli ma con questi piccoli trucchi puoi sfoggiare acconciature favolose in qualunque condizione meteo.

L’autunno può essere una stagione bella e affascinante sotto molti aspetti ma sicuramente non è amica dei capelli. Oltre al cambio di stagione che li rende opachi, spenti e tendenti alla caduta, ci si mettono pioggia, vento e umidità a peggiorare la situazione.

Se nei giorni in cui il tempo da il peggio di sé ti sembra impossibile sfoggiare acconciature quanto meno accettabili non abbatterti, ne esistono alcune molto semplici da eseguire e che sembrano create apposta per combattere l’odioso effetto frizz, ovvero il crespo fuori controllo.
Ecco i trucchi per realizzare al meglio le acconciature anti pioggia più cool.

Coda di cavallo

La coda di cavallo è un’acconciatura talmente comune che a volte tendiamo a dimenticarcene ma la realtà è che in tantissimi casi può trasformarsi in vero e proprio salvavita, come in quello di una giornata uggiosa che non sai proprio come gestire.

Le versioni che puoi scegliere sono infinite: alta, bassa, ponytail e laterale non importa, sono tutte super valide per contrastare l’umidità.

Gli unici accorgimenti che devi tenere è di vaporizzare sulla chioma un prodotto anti crespo prima di tirare i capelli, e una buona lacca fissante una volta completata la coda, da chiudere con un elastico piuttosto stretto.

Una variante che puoi prendere in considerazione se ti piacciono i look baby è quella dei codini laterali.

Trecce

Altro super classico salva situazione è la treccia, anzi le trecce, visto che i modi per farle sono davvero infiniti e a seconda di quale scegli il look finale può prendere un mood più o meno classico.

Le più piccole e che partono dalla parte alta della testa sono indubbiamente più sbarazzine e adatte a ragazze molto giovani, mentre una treccia unica, posteriore o laterale che sia, è perfetta una giornata in ufficio.

Tutte però sono in grado di difendere egregiamente dalla pioggia. Prima di iniziare usa una soluzione anti crespo su tutta la lunghezza e a treccia ultimata fissala con un elastico resistente.

Top Knot

Forse questo nome ti è sconosciuto ma in realtà si tratta solo di un altro modo per definire lo chignon alto, un’acconciatura molto semplice da eseguire e che si sposa benissimo sia con i look più formali da lavoro sia con quelli free, come ad esempio un pomeriggio tra amiche.

L’unico requisito richiesto è che i tuoi capelli siano lunghi o almeno medi. Non importa se ricci o dritti, tanto devono essere tirati e qualunque forma si adatta a questa operazione.

Spazzola la tua chioma e dopo aver nebulizzato su tutta la lunghezza un prodotto anti crespo, legala in una coda alta. Una volta fissata con un elastico attorciglia la coda stessa intorno all’elastico e fissare il tutto con forcine e un po’ di lacca.

Di questa acconciatura esiste anche una versione meno classica, ovvero il top knot intrecciato. I primi passaggi sono gli stessi dello chignon ma dopo aver fatto la coda devi realizzare una treccia con i capelli liberi, per poi arrotolarla e fissarla al capo.

Messy Bun

Questa acconciatura estremamente versatile è tra le più amate dalle star del calibro di Meghan Markle o Kendall Jenner perché si realizza in un attimo e rimanda quell’immagine di spettinato-curato sempre molto di tendenza.

A questi punti a favore si aggiunge il fatto di essere una soluzione anti pioggia perfetta, visto che essendo l’effetto spettinato quello da ricercare, qualche capello in più fuori posto causato dal meteo avverso si mimetizza molto facilmente.

Prima di procedere con la realizzazione di questa acconciatura pettina bene i capelli, così da sciogliere eventuali nodi e riuscire a raccoglierli senza difficoltà.

Realizza una coda ma fai fare all’elastico un giro in meno del solito, in modo da lasciare i capelli morbidi e creare un bun. Se vuoi dare un po’ di volume in più lavora le ciocche con i polpastrelli ma stai attenta, movimenti bruschi potrebbero rovinare il lavoro svolto fin qui.

Una volta raggiunto un risultato che ti soddisfa fissa il tutto con le immancabili forcine e la preziosissima lacca, senza la quale l’effetto fiz sarebbe pericolosamente in agguato.

Per quanto riguarda l’altezza non esiste una regola precisa, scegli tu a seconda della tua preferenza estetica.

Effetto bagnato

Se i tuoi capelli sono corti non credere che l’unica soluzione contro la pioggia sia indossare un cappello. Esistono acconciature perfette anche per te: che ne dici di un wet look?

Se tanto la prospettiva è quella di bagnarsi o comunque di risentire enormemente dell’umidità nell’aria, tanto vale giocare in anticipo e sfoggiare un look effetto bagnato.

Potenzialmente si tratta di un’opzione replicabile da tutte ma i tagli che lo supportano meglio sono quelli corti o super corti come i pixie cut o i bob di varie lunghezze.

Per realizzarlo ti basta pettinare i capelli all’indietro e poi distribuire su di essi una buona dose di gel, facendoti aiutare con un pettine a denti non troppo stressi. Parti qualche centimetro dopo la radice e insisti sulle punte.

Riproduzione riservata