social network

Come usare LinkedIn per formarsi e saperne di più sul proprio lavoro

LinkedIn non serve solo per trovare lavoro ma anche per migliorarsi nel proprio settore e apprendere conoscenze specifiche

LinkedIn è il social network per trovare lavoro. Spesso quando si sente parlare di questa piattaforma digitale la si liquida così e nonostante sia un’esattezza, tale definizione rischia di essere limitativa, visto che LinkedIn serve a questo ma anche a molto altro, ovviamente sempre in ambito lavorativo. Ad esempio, può rivelarsi particolarmente indicato anche a chi un lavoro ce l’ha già ma intende migliorarsi ed essere sempre più preparato.

Cos’è LinkedIn

Anche se non dimostra affatto i suoi anni perché in continuo aggiornamento con nuove funzioni e contenuti, LinkedIn ha ormai vent’anni, essendo nato nel 2002. Da allora, chiunque cerchi lavoro o voglia entrare in contatto con professionisti dei settori più disparati ha creato un account e iniziato ad usarlo, anche perché nonostante i numerosi tentativi di imitazioni, LinkedIn rimane il social network lavorativo migliore in circolazione. Inoltre, la sua longevità ne fa anche il più grande al mondo e il più ricco di contenuti e nominativi.

L’uso primario fatto dalla maggior parte delle persone consiste nel creare la propria pagina personale, nella speranza di attirare l’attenzione di qualche recluter o datore di lavoro. Ovviamente questo è il primo passo da compiere e il profilo deve essere fatto nel modo migliore possibile, completo di foto, descrizione di testa che spieghi in modo chiaro chi si è e che lavoro si faccia, esperienze pregresse, competenze e motivazioni. Tutto questo però non basta.

Credere che LinkedIn sia solo una sorta di curriculum online è infatti sbagliato perché le potenzialità di questa piattaforma virtuale sono molte di più e, soprattutto, non si esauriscono nel momento in cui un lavoro lo si trova.

Come usare LinkedIn per trovare lavoro

VEDI ANCHE

Come usare LinkedIn per trovare lavoro

Come usare LinkedIn per migliorarsi

Un’altra peculiarità del social network del lavoro è di mettere in contato persone dello stesso ambito lavorativo, che probabilmente in altri modi non avrebbero mai l’opportunità di conoscersi, ma che attraverso la rete possono cogliere l’occasione per creare network, progetti comuni o anche solo condividere le proprie esperienze arricchendosi a vicenda.

Il modo più immediato per sfruttare LinkedIn per migliorarsi sul posto di lavoro è proprio questo: stringere rapporti virtuali, e perché no, in un secondo momento reali, con persone che operino nel proprio ambito e dai quali si crede di poter imparare qualcosa. Non limitarti, quindi ad aggiungere o accettare le richieste di contatto solo di amici e conoscenti ma apriti anche agli sconosciuti.

Il passo iniziale per muoversi in questa direzione, ovviamente, è digitare sulla barra di ricerca un nome completo se si cerca una persona in modo specifico, oppure una professione o un campo lavorativo, in caso non si abbia un obiettivo mirato.

10 cose che devi ricordare quando usi qualsiasi social network

VEDI ANCHE

10 cose che devi ricordare quando usi qualsiasi social network

Quello che apparirà dopo aver cliccato “cerca” sarà un elenco di nomi più o meno noti, dei quali scrutare i profili e i contenuti postati da cui trarre ispirazioni, idee o semplicemente nuove nozioni che possano consentire di svolgere al meglio il tuo lavoro.

Dopo questa fare preliminare, se qualcuno ti incuriosisce più di altri non avere timore di contattarlo, i social network servono proprio a questo, a far parlare tra di loro le persone. In questo caso un colloquio con una persona che reputi competente nel tuo ambito professionale non potrà che accrescere la tua competenza o fugare eventuali dubbi specifici. Inoltre, potrai scoprire che magari anche il profilo in questione fosse alla ricerca di un collega con il quale scambiare qualche dritta.

Come si fa a guardare un profilo LinkedIn in modo del tutto anonimo?

VEDI ANCHE

Come si fa a guardare un profilo LinkedIn in modo del tutto anonimo?

Come usare LinkedIn per formarsi

Creare una rete di contatti e attingere dalle esperienze altrui per migliorare la propria preparazione è il metodo più semplice e immediato per sfruttare le potenzialità del working social per eccellenza ma ovviamente non è la sola. La piattaforma, infatti, offre anche un sacco di opzioni extra che potrebbero sfuggire a un occhio meno attento ma che possono davvero rappresentare opportunità da cogliere al volo. Una sezione sottovalutata ma utilissima è Linkedin Learning.

Come intuibile dal nome stesso, si tratta di una segmento specializzato nella formazione online che accompagna passo dopo passo nella ricerca del lavoro ideale e nel miglioramento della propria professione in caso un lavoro lo si abbia già ma si intenda progredire.

Quello che dovresti (e non dovresti) pubblicare su LinkedIn

VEDI ANCHE

Quello che dovresti (e non dovresti) pubblicare su LinkedIn

Accedendo a LinkedIn Learning è possibile visualizzare i titoli di diversi corsi online strutturati e tenuti da docenti specializzati, ai quali partecipare per aumentare le proprie competenze professionali, ma anche le skills secondarie, divenute sempre più richieste e determinanti per fare la differenza in ufficio e non solo.

Dedicare del tempo all’individuazione delle lezioni che fanno al proprio caso e poi frequentarle aiuta a migliorarsi e a trovare nuovi stimoli, sia che si sia alla ricerca di nuove opportunità lavorative, sia nel caso la propria ambizione sia solo quella di rimanere aggiornati sulle ultime novità e gli sviluppi del settore.

La formazione puntuale, infatti, è sempre un ottimo strumento per rimanere al passo e nonostante sia spesso sottovalutato, LinkedIn è tra i luoghi migliori nei quali trovare nuovi spunti o colmare lacune.

5 modi per rendere il tuo profilo LinkedIn più che un semplice CV

VEDI ANCHE

5 modi per rendere il tuo profilo LinkedIn più che un semplice CV

Quali sono le cose che è meglio non fare su LinkedIn?

VEDI ANCHE

Quali sono le cose che è meglio non fare su LinkedIn?

Riproduzione riservata