C’è una casina piccola così con tante finestrelle colorate, cantava Lucio Dalla. Ma quando l’aria diventa incandescente e la colonnina di mercurio schizza verso l’alto, è necessario correre ai ripari, e giocare ad aprire e chiudere a seconda delle correnti e delle ore del giorno. Quando l’appartamento ha dimensioni ridotte, e magari non si dispone di impianto di condizionamento, bisogna ingegnarsi con i modi per mantenere fresca la casa piccola.

Uso degli elettrodomestici ridotti al minimo, piante che hanno la funzione da filtro dei raggi solari, piccoli ballatoi che riparano i muri nelle ore più calde, e tessuti naturali e chiari per schermare porte e finestre.

Tapparelle e coibentazione

Uno dei modi per mantenere fresca la casa piccola, è quella di giocare con finestre e tapparelle. Nel vero senso della parola. In linea di massima, vale la stessa regola, a prescindere dall’esposizione dell’appartamento: si abbassano le tapparelle o si chiudono le persiane nelle ore più calde del giorno, in modo da creare ombra e riparare la casa dai raggi solari, mentre si spalancano al mattino presto e nelle ore serali, un paio di ore dopo il tramonto. Durante i picchi d’afa, all’ora di pranzo, chiudete anche le finestre: può sembrare un controsenso, visto che già la casa è piccina, ma servirà a non far entrare aria umida e soffocante all’interno.

Con questi piccoli accorgimenti la temperatura in casa può abbassarsi addirittura fino a 6 gradi.  Se la camera da letto è esposta a sud, potreste avere la necessità di tenere le finestre anche di notte. Aprite invece le finestre a partire dalle 22.00, nei mesi estivi, e per tutta la notte, se potete, ma anche nelle prime ore del mattino fino alle 9:00. In questo modo la zona notte si rinfrescherà in breve tempo e naturalmente senza aria condizionata o ventilatore.

Se avete un piccolo appartamento, magari una mansarda o la zona notte su un soppalco sottotetto, il consiglio è quello di fare un modesto investimento per il futuro. Come? Facendo coibentare la vostra casa così da avere temperature ideali sia d’estate che d’inverno. Si tratta di una soluzione parecchio efficace, anche se costosa.

Qualche rimedio più semplice ed economico? Dipingere di bianco il tetto: soluzione tattica che consente ai raggi del sole di riflettere diminuendo così il calore in casa. Puoi anche creare una galleria del vento nel tuo piccolo appartamento semplicemente posizionando in maniera tattica i ventilatori a fare di corrente d’aria. Oppure mettere davanti al ventilatore una bacinella contenente del ghiaccio. L’effetto brezza marina è assicurato.

Terrazzini e mini ballatoi

Tra i modi per mantenere fresca la casa piccola, c’è quello di pensare agli esterni in maniera funzionale e anti caldo. Se possedete un terrazzino, un balcone o un ballatoio esterno, anche di dimensioni risicate, sarà più semplice. Specie se sul lato più esposto e assolato della casa, arredatelo di verde! La scelta migliore è quella di mettere piante e rampicanti, che aiuteranno a schermare dai raggi del sole, e ad assorbire parte del calore, impendendo che arrivi in casa. Dove possibile, montate delle tende o un ombrellone da balcone: in questo modo ricaverete un avamposto ombreggiato alle finestre di casa.

Tessuti anti caldo

Colori e tessuti possono fare la differenza e sono uno dei modi per mantenere fresca la casa piccola. E farla sembrare anche più grande. Per le tende da interno, preferite il bianco, che aiuta a riflettere i raggi solari. Anche i pavimenti, dovranno essere liberi da tappeti -così la casa sarà più fresca e sembrerà più spaziosa- e tavoli e tavolini senza runner o tovaglie. I tessuti assorbono molto calore durante il giorno, che tendono a rilasciare.

Tra i tessuti, la scelta dovrà ricadere sul cotone. In questo periodo dell’anno, quando le temperature salgono, è sicuramente la scelta migliore, in quanto traspira più facilmente e resta più fresco.

Ventilatori & Co.

La casa è piccola, quindi servono pochi elementi di ingombro che limitino lo spazio giù modesto che si ha a disposizione. In assenza di un sistema di condizionamento -ideale in caso di appartamenti piccoli open space, in cui è sufficiente installare uno split soltanto per rinfrescare tutta la casa- scegliete un ventilatore funzionale ed efficace. Le pale al soffitto consentono di risparmiare spazio, mentre i ventilatori a colonnina, portatili, sono comodi da spostare di stanza in stanza. Entrambi garantiscono consumi molto bassi rispetto a un condizionatore medio. In estate regolate il ventilatore a soffitto in senso antiorario, selezionando la velocità massima, in modo da godere di un refrigerio prolungato.

Elettrodomestici e luci

Uno dei modi per mantenere fresca la casa piccola è quello di evitare di usare troppi elettrodomestici che producono calore, e spegnere le luci, approfittando della luce diurna. No al forno acceso, che surriscalderebbe i vostri piccoli ambienti, ed evitare di cucinare cibi che richiedono lunghi tempi di cottura. Meglio utilizzare il microonde che consente anche un minor dispendio di corrente elettrica e un risparmio in bolletta.