Ci siamo, l’estate è arrivata e oltre alle lunghe giornate di sole e le vacanze tanto agognate ha portato anche il caldo e temperature che spesso fatichiamo a sopportare, quel caldo che se durante il giorno teniamo a bada bevendo molta acqua di notte non ci lascia riposare a dovere. Nell’attesa che tornino le temperature più miti possiamo trovare alcuni escamotage che rinfrescheranno una stanza velocemente, i più facili ve li segnaliamo noi! In questo articolo ti sveliamo come rinfrescare la stanza anche se non hai l’aria condizionata.

Rinfrescare la stanza senza aria condizionata

Per svariati motivi non tutti hanno l’aria condizionata, quindi come regolarsi per poter rinfrescare la stanza in maniera facile e veloce? Due metodi semplici sono sicuramente il ventilatore a soffitto e il ventilatore a piantana. Entrambi sono ottime soluzioni per ogni stanza della casa e assicurano la giusta ventilazione per un riposo sereno ma anche per la convivenza diurna.

Per chi possiede il ventilatore a soffitto, basterà farlo partire un paio di ore prima di entrare nella stanza in senso antiorario, questo permetterà di spingere l’aria calda verso l’alto conseguentemente l’aria più fresca circolerà più velocemente rinfrescando l’ambiente. Solitamente questi dispositivi hanno più velocità, quindi regolare la velocità massima per le prime due ore e abbassarla al minimo per le ore restanti in cui si alloggerà nella stanza aiuterà il corpo ad adattarsi a temperature diverse e riposare durante la notte.

Anche il ventilatore a piantana è un validissimo sostituto dell’aria condizionata, che sia da tavolo o a pianta alta è dotato di una parte che ruota e dirige l’aria, basterà poggiare davanti alle ventole un recipiente contenente del ghiaccio per avere un graditissimo soffio di aria fresca.

Rinfrescare una stanza piccola

Rinfrescare una stanza piccola è più semplice. I metodi sono sempre gli stessi, ma ci vorrà meno tempo per raggiungere una temperatura accettabile. Iniziate con il tenere le finestre aperte e con il riparare la stanza dalla luce solare, usando tapparelle e tende. Accendi poi il ventilatore e goditi la fresca arietta che genera. 

Afa e salute mentale: il caldo aumenta l'aggressività

Come rinfrescare la stanza da letto

Consiglio validissimo per la camera da letto ma anche per ogni altra stanza della casa è prendere l’abitudine di scollegare i dispositivi elettronici o in ogni caso tenerli lontani dalla stanza in cui si soggiorna. Dalla tv al caricabatterie dal lettore dvd alle lampade notturne, sono una fonte di calore inaspettata.

Se non amate gli accessori elettrici, per la camera da letto è utilissimo il coprimaterasso termoregolante, rinfrescante grazie ai filati tecnici usati e al cotone, abbinati a copricuscini termoregolatori vi assicureranno notti serene e alla giusta temperatura. Una buona alternativa è quella di mettere direttamente le lenzuola e il cuscino avvolti in una pellicola, in freezer per alcune ore e estrarli prima di andare a dormire.

Come rinfrescare una mansarda

Vivere in una mansarda d’estate, senza aria condizionata, può essere complicato perché il caldo diventa davvero soffocante. La prima mossa da fare è quella di utilizzare gli apparecchi elettrici il meno possibile: spegnete i dispositivi elettronici, non usate il forno e l’asciugatrice e accendete le lampade solo se necessario perché anche queste emettono calore. Ricordate che anche se li tenete in stand-by, questi apparecchi consumano energia e producono quindi calore. Utilizzate coperture in tessuti freschi: sui divani, sul letto e sulle sedie evitate i tessuti sintetici. Aggiungete poi delle piante, in particolare vicino alle finestre: in questo modo si creerà una barriera naturale che proteggerà la vostra mansarda dal caldo esterno. 

Tieni lontano il sole dalle finestre

Usare pellicole riflettenti o oscuranti per vetri è facilissimo e pur bloccando il calore del sole non ne tengono lontana totalmente la luce. Le pellicole si applicano direttamente sul vetro grazie al leggero strato adesivo, non richiede il cambio della finestra perché basterà ritagliare a misura la pellicola per le finestre interessate.

Le pellicole riflettenti sono fogli formati da due strati di poliestere puro al cui centro viene inserito un foglio di metallo atomizzato. Il poliestere trattiene il calore mentre il metallo lo riflette; quindi avrete una stanza con vetri leggermente oscurati al sicuro da sguardi indiscreti e al contempo più fresca.

Anche tenere le tende o i tendoni umidi aiuta a regolare le temperature di una stanza, nebulizzando leggermente la stoffa otterremo una sensazione di calore ridotto.

Le piante sono un valido aiuto nel tenere lontano il caldo

Finestre e verande, balconi o terrazze sono purtroppo esposti al sole durante l’arco della giornata e nel periodo estivo possono diventare davvero calde; tutto questo calore viene assorbito dai muri e rilasciato nelle ore serali e notturne.
Da sempre le piante verdi e fiorite sono uno schermo naturale al calore. Abbelliscono l’ambiente e regalano ossigeno ma in questo caso specifico la loro naturale esuberanza è un sostegno nello schermare il calore, come ad esempio le piante rampicanti o il bambù schermano e assorbono il calore inoltre sono molto belle a vedersi. Anche piante di uso comune in cucina, basilico, rosmarino, menta oltre a profumare e tenere lontane le zanzare sono un valido espediente per assorbire il calore.

Come "ripulire" la tua vita in 31 giorni: compra piante per la casa

Rimedi naturali per rinfrescarsi

Forse non ci avete pensato, ma anche noi stessi possiamo essere un valido sostegno nella lotta contro il caldo; ad esempio regalarci una doccia tiepida prima di andare a dormire regolerà la temperatura corporea, così come massaggiare su tutto il corpo ma soprattutto sui piedi una crema idratante rinfrescante.

Avete presente la borsa dell’acqua calda? Una variante estiva è la borsa del ghiaccio. Se non ne abbiamo una in casa, basterà mettere nel congelatore una bottiglia di acqua di plastica e usarla avvolta in un canovaccio di cotone vicino ai piedi, terrà freschi per molte ore.

Questi sono i 5 metodi che ti consigliamo per rinfrescare la stanza in modo rapido e naturale anche se non hai installato l’aria condizionata; questi metodi green ti aiutano a tenere sotto controllo le bollette ma senza rinunciare al comfort perché sappiamo quanto sia complicato affrontare le giornate più torride in città.

Apparecchi per rinfrescare l’ambiente

La tecnologia fortunatamente va in soccorso di chi, per svariati motivi, non ha installato in casa un condizionatore fisso. Sul mercato, infatti, esistono valide alternative all’aria condizionata. Oltre ai già citati ventilatori da soffitto (le classiche ‘pale’) e ai ventilatori a piantana, infatti, potete optare per un condizionatore portatile: per posizionare il ‘pinguino’ sarà sufficiente posizionare il tubo dell’apparecchio in uno sfogo esterno, come per esempio una finestra. I condizionatori portatili sono certamente più rumorosi e meno pratici di quello fisso, ma rendono la temperatura immediatamente più piacevole. Ci sono poi anche condizionatori fissi senza unità esterna: questi ultimi si attaccano al muro e non hanno il motore esterno, bensì interno. Infine, potete optare per un deumidificatore portatile: questo apparecchio riduce l’umidità dell’aria e la rinfresca.

Migliore alternativa al condizionatore

La migliore alternativa al condizionatore è il raffrescatore evaporativo. Questo innovativo apparecchio è un alleato ecologico ed efficiente contro il caldo. Il raffrescatore utilizza l’evaporazione dell’acqua per rinfrescare l’aria della stanza e abbassare la temperatura. Per farlo funzionare bisogna riempire il serbatoio di acqua: in questo modo il raffrescatore rilascia una piacevole aria fresca. I più moderni sono dotati di timer e oscillazione.