Emma Stone è Cruella De Vil

Crudelia è arrivata: 5 cose che non sai sul film targato Disney+

Finalmente esce Crudelia: pronta a conoscere i dettagli più curiosi della nuova versione del personaggio interpretato da Emma Stone?

Ci sono cattive davvero indimenticabili e Crudelia è sicuramente una di queste. Prima, ci ha pensato Glenn Close a interpretare in carne e ossa la terribile villain de La carica dei 101.
Adesso è il momento di conoscere da vicino la "nuova" Cruella, quella punk interpretata da Emma Stone.

Quando esce il film al cinema e in streaming

Con la fine di maggio, arriva finalmente Crudelia, che ha una "doppia"distribuzione.
La pellicola, infatti, esce al cinema nelle sale italiane dal 26 maggio (salvo disponibilità dei cinema).
Poi, da venerdì 28 maggio, il film sarà disponibile in streaming su Disney+ con Accesso VIP* (che richiede un abbonamento attivo e un pagamento aggiuntivo per Accesso VIP).

La storia del film

Il film con Emma Stone si basa sul romanzo della scrittrice inglese Dodie Smith del 1956 intitolato La carica dei 101 e, naturalmente, sul classico d’animazione della Disney del 1961 La carica dei cento e uno.
A scrivere la sceneggiatura di Crudelia sono stati un team di autori, tra cui Tony McNamara, cineasta australiano che, come sceneggiatore, ha firmato un altro film con Emma Stone, cioè La Favorita (2018) diretto da Yorgos Lanthimos.

Come probabilmente hai già sentito, con Cruella facciamo un viaggio indietro nel tempo rispetto a La carica dei 101. Il film, infatti, racconta le origini del personaggio, raccontandone la storia che è ambientata nella Londra anni Settanta. Estrella è un’orfana con il sogno di diventare stilista.

Il personaggio al cinema

La prima Crudelia del cinema è apparsa nel film d’animazione La carica dei cento e uno del 1961. La stessa versione del personaggio classico, ma in versione live-action, è stata interpretata da Glenn Close nelle due pellicole La carica dei 101 – Questa volta la magia è vera (1996) e nel sequel La carica dei 102 – Un nuovo colpo di coda (2000).

Emma Stone raccoglie dunque un’eredità piuttosto impegnativa nel ruolo di Crudelia. Tuttavia, il personaggio della Stone è più giovane di quello interpretato dalla Close, per cui il rischio di un confronto (difficile, entrambe sono ottime attrici) è evitato.
C’è anche una curiosità su Glenn Close, che figura tra i produttori esecutivi del film Disney.

De Mon o De Vil?

Nella pellicola Crudelia scopriamo che il vero nome del personaggio è Estrella, che poi assume quello di Cruella (nella versione originale, in riferimento al termine inglese «cruel», cioè crudele) come stilista.

Nelle pellicole d’animazione, il suo cognome è De Mon, mentre nel nuovo film il cognome – mutato da un equivoco con il nome di un’auto – è De Vil. Sia nella versione italiana sia in quella originale, si gioca sulle parole «demonio» e «devil» (in inglese significa diavolo).
L’allusione del nome viene poi enfatizzata con la sua casa di campagna Hell Hall, nella quale compare anche la parola Hell, ovvero «inferno».

Damiano e Victoria dei Måneskin nel cast vocale

Nel film Crudelia ci sono anche loro, i Måneskin, che hanno appena trionfato all’Eurovision Song Contest 2021 con il brano Zitti e buoni con cui avevano già conquistato il Festival di Sanremo.
Prima ancora di questi (ulteriori) successi, era stato annunciato che Damiano David e Victoria De Angelis, rispettivamente cantante e bassista del gruppo, fanno parte del cast di voci della versione italiana del live action Disney con dei camei d’eccezione.

Damiano David e Victoria De Angelis

Per la precisione, Victoria presta la voce a una fashion reporter – non l’amica d’infanzia di Cruella, la giornalista Anita Darling, interpretata da Kirby Howell-Baptiste e doppiata da Letizia Scifoni – che commenta in televisione le gesta della stilista in ascesa.

Il cantante dei Måneskin, Damiano, ha invece un doppio cameo: sua è la voce di Jeffrey (Andrew Leung), l’assistente della Baronessa von Hellman. È inoltre protagonista del cameo musicale di Artie (John McCrea), il proprietario di un negozio di abbigliamento vintage di Portobello Road, che entra nella vita di Estella in un momento cruciale. Impossibile non riconoscere la voce inconfondibile di Damiano in alcuni versi di I Wanna Be Your Dog del gruppo rock The Stooges, il brano che Artie interpreta durante una sfilata.

La colonna sonora e le musiche

La colonna sonora del film è stata curata da Nicholas Britell, compositore statunitense che è stato candidato all'Oscar e al Golden Globe per la Migliore colonna sonora originale del film Moonlight (2016) e nel 2019 per quella di Se la strada potesse parlare.
In realtà, ci sono due versioni della colonna sonora: un album con le musiche originali di Britell e una con la colonna sonora, entrambi contengono la canzone di Florence + The Machine.

Il brano di Florence + The Machine

Si intitola Call me Crulla il brano interpretato da Florence + The Machine all’interno del film, nella colonna sonora originale e nell’album con le musiche originali.
La stessa Florence Welch ha commentato così la sua esperienza con Cruella: «Alcune delle prime canzoni che ho imparato a cantare erano Disney. E i cattivi spesso avevano i pezzi migliori. Quindi contribuire a creare e interpretare un brano per Crudelia è la realizzazione di un sogno d’infanzia. Sono davvero grata a Nicholas Britell e a Disney per avermi concesso così tanta libertà creativa e per avermi dato fiducia con la meravigliosa follia di Cruella».

 La scaletta della colonna sonora

Crudelia è ambientato nella Londra anni Settanta, proprio durante la rivoluzione punk rock, per cui l’obiettivo di Britell era ricreare l’estetica del rock nella Londra degli anni Sessanta e Settanta, quindi ci sono parecchi brani celebri di quel periodo (e non solo).

La scaletta delle canzoni del film, infatti, è così composta:

  • Call me Cruella di Florence + The Machine
  • Bloody Well Right di Supertramp
  • Whisper Whisper di Bee Gees
  • Five to One di The Doors
  • Feeling Good di Nina Simone
  • Fire di Ohio Players
  • Whole Lotta Love di Ike And Tina Turner
  • Livin’ Thing (2012 Version) di Electric Light Orchestra (ELO)
  • Stone Cold Crazy (2011 Remaster) di Queen
  • One Way Or Another di Blondie
  • Should I Stay Or Should I Go di The Clash
  • I Love Paris di Georgia Gibbs
  • Love Is Like A Violin di Ken Dodd
  • I Wanna Be Your Dog di John McCrea
  • Come Together di Ike And Tina Turner
Riproduzione riservata