La Santa Sede alla Biennale di Venezia con la Vatican Chapels

di

DonnaModerna.com consiglia

La Santa Sede la prima volta alla Biennale Architettura di Venezia. Scopri il Padiglione Vatican Chapels, tra sperimentazione e spiritualità

È stato inaugurato venerdì 25 maggio nei giardini dell’Isola di San Giorgio a Venezia, alla presenza del cardinale Ravasi: il Padiglione Vatican Chapels alla Biennale Architettura è una vera e propria sorpresa. In passato, la partecipazione del Vaticano alla manifestazione datava 2013 e 2015.

Il padiglione Vatican Chapels è stato ideato da Francesco Dal Co e si ispira nitidamente e apertamente alla Cappella nel bosco. Quest’ultima costruita nel 1020 nel Cimitero di Stoccolma dall’architetto Gunnar Asplund. È anche possibile visionare progetto e disegni originali dell’opera all’inizio di questo percorso esplorativo, così da avere un continuum visivo e di contenuto ideale. Gli architetti Francesco Magnani e Traudy Pelzel sono proprio gli autori del padiglione che ospita i disegni di Gunnar Asplund per la “Skogskapellet”.

Il tema della cappella come riferimento e la natura come luogo

Il Vatican Chapels è un padiglione-percorso: un itinerario alla scoperta di dieci cappelle costruite da dieci architetti diversi. Una mostra diffusa che, attraverso l’arte e l’architettura, diventa anche un pellegrinaggio spirituale. Guidato, ma non troppo poiché permane una sensazione di libertà visiva. L'elemento di libertà esiste anche grazie alla natura incontaminata che è qui protagonista. Il padiglione infatti si apre sull’acqua, come se emergesse dalla laguna.

  • 1 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 2 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 3 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 4 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 5 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 6 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 7 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 8 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 9 10
    Credits: Stefano Bonomelli
  • 10 10
    Credits: Stefano Bonomelli

Un addio ai canoni e due elementi comuni

Ogni cappella è diversa, poiché è stata lasciata libertà di espressione e sperimentazione agli architetti e sono stati in buona parte abbandonati alcuni canoni architettonici tradizionali legati all'architettura ecclesiastica. Sono presenti, però, due elementi comuni a ogni cappella ovvero l’altare e il leggìo.

Due elementi evidentemente altamente simbolici, che creano un perfetto continuum nel pellegrinaggio spirituale emettendo quasi un segnale di riconoscimento per i fedeli e per i visitatori in generale. Una sorta di rassicurazione visuale di significato. 

Universalità come trait d’union

I linguaggi espressivi che emergono trovano riferimenti geografici diversi, ma non solo. Questi linguaggi tanto differenti tra loro, infatti, parlano molto anche di sperimentazione: Australia, Giappone, Sud America sono soltanto alcune delle “tappe” itineranti in grado di creare una mappa architettonica universale ideale che ruoti attorno a una concezione della Chiesa Cattolica altrettanto universale.

Nomi importanti e piacevoli scoperte tra gli architetti che hanno progettato il padiglione: Andrew Berman (USA), Francesco Cellini (Italia), Javier Corvalàn (Paraguay), Eva Prats e Ricardo Flores (Spagna), Norman Foster (UK), Teronobu Fujimori (Giappone), Sean Godsell (Australia), Carla Juacaba (Brasile), Smiljan Radic (Cile) ed Eduardo Souto de Moura (Portogallo).

Il catalogo del padiglione è stato curato dallo stesso Francesco Dal Co, con testi di Gianfranco Ravasi, Francesco Dal Co ed Elisabetta Molteni. Edito da Electaarchitettura, è già disponibile.

Il padiglione Vatican Chapels resterà aperto al pubblico fino al 25 novembre 2018, per scoprirne le particolarità sfoglia la gallery.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te