bambino da oculista

Dovrebbe essere una cosa normale portare il bambino dall’oculista per controllare che tutto vada bene e intercettare in tempo eventuali problemi. Eppure, secondo un’indagine Federottica, il 70 per cento dei genitori italiani non lo ritiene indispensabile.

Emilio Campos, direttore di Oftalmologia al Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna ed esperto in pediatria oftalmica, spiega perché, come e quando è importante controllare gli occhi.

Quando portare il bambino dall’oculista

Per vederci chiaro sulla salute dei suoi occhi servono due visite: quando compie 1 anno e prima che cominci la scuola

Bambini e visite mediche: è molto importante quella dal dentista, prevenire è meglio che curare!

Come scoprire se al bimbo serve una visita dall'otorino

Le visite oculistiche dei bambini

Gioca d’anticipo  Fino a 7 anni la vista dei bambini è plastica. Vuol dire che se c’è uno strabismo o un vizio di refrazione come l’ipermetropia si può intervenire e risolverlo. Dopo quell’età il difetto è più difficile da curare e può diventare irreversibile.

Le visite da fare sono almeno tre: la prima è prevista alla nascita dalla prassi della sala parto, le altre due (intorno all’anno e prima dell’ingresso alla scuola primaria) devi prenotarle tu.

Attenzione ai segnali di un problema alla vista

In genere ci si accorge a scuola dei problemi alla vista. Ma se fai attenzione puoi scoprirli prima: per esempio, tuo figlio ha mal di testa dopo aver giocato con il tablet? Prenota un controllo. Un altro test facile è il cinema in 3D: se ha difficoltà a vederlo può esserci un difetto.

Il giorno della visita dall'oculista

Rivolgiti a un oftalmologo che si occupa di bambini o a un centro specializzato: senza camice, con l’atteggiamento e gli strumenti adatti, il medico sa come entrare in sintonia con il bambino.

Preparalo al fatto che gli metteranno delle gocce magiche negli occhi: per un paio d’ore vedrà il mondo in modo strano, come un pesce nell’acquario. Tieni conto che potrebbero esserci reazioni cutanee sul viso: sono normali e temporanee.

Dall'oculista per la congiuntivite

Un errore comune  Nel caso di infiammazioni come la congiuntivite molti genitori vanno in farmacia. Attenzione: la cura va indicata dal pediatra o dall’oculista e usata solo per il periodo prescritto. Prolungarla o ripeterla a distanza di mesi può anche provocare danni.

Riproduzione riservata