Quando il nonno si ammala: vivere le emozioni con i bambini

Credits: Shutterstock
1 5

«Ci accorgiamo che il tempo è passato solo quando ci è realmente sfuggito dalle mani. Quando i nostri occhi cominciano a guardare le cose in modo diverso, solo allora ci rendiamo conto che siamo noi a essere diversi. Semplicemente siamo invecchiati» scrive la giornalista Manuela Donghi, conduttrice radiofonica e televisiva, in Visto con i tuoi occhi, prima pubblicazione edita da Giuliano Ladolfi Editore. La storia è quella di una ragazza che intreccia la sua vita a quella di un gruppo di anziani e impara a vivere le emozioni attraverso una prospettiva nuova: la vita che scorre e che a volte finisce, perché tutti siamo destinati a varcare la soglia da cui non si può fare ritorno. Saper affrontare il discorso sulla morte e sull'invecchiamento con i bambini è fondamentale, perché i piccoli osservano il mondo intorno a loro: censurare le emozioni significa bloccarle, al contrario esprimere i nostri sentimenti, le paure e riflettere insieme agli adulti costituisce una risorsa, una lezione sul morire e soprattutto sul vivere.

/5

Come aiutare i piccoli fra gioia e paura

Educare alle emozioni costituisce una risorsa per bambini e adulti, perché aiuta ogni persona a entrare in contatto con il proprio mondo interiore. Grazie alla meditazione e all'ascolto di sé diventiamo più coraggiosi, troviamo una nuova forza, ci arrendiamo al flusso incessante della vita.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te