Specializzati nell’orlo rapido

/5

Secondo le ultime ricerche, la piccola sartoria è un settore in ascesa. Ecco le strade per chi vuole aprire la propria attività

Quello delle riparazioni veloci e degli orli agli abiti è un settore in forte ascesa. Lo sostiene uno studio dell'Osservatorio per l'imprenditorialità femminile (www.osservatoriodonna.igol.it), nato in collaborazione con il ministero per le Pari opportunità. Il perché è molto semplice: negli ultimi due anni, a causa della scarsa disponibilità economica, l'acquisto di vestiti nuovi è diminuito di quasi il 12 per cento e si preferisce dare "un'aggiustatina" a quelli vecchi. Se si ha dimestichezza con ago e filo, quindi, questa è un'occasione da prendere al volo. Le possibilità sono due: aprire un proprio laboratorio artigianale, oppure legarsi a una catena di sartoria rapida in franchising.

Nel primo caso bisogna aver frequentato una scuola di taglio e cucito riconosciuta dalla Regione (in genere dura due anni) o aver fatto un apprendistato di almeno due anni presso una sartoria. Dopodiché ci si può iscrivere all'albo dell'Associazione nazionale sarti-stilisti della Confartigianato (tel. 0670374213, www.confartigianato.it/sarti), aprire la partita Iva e mettere su il proprio laboratorio artigianale. Questo, per legge, deve misurare circa 40 metri quadri, avere un camerino di prova e posto sufficiente per l'asse da stiro e le macchine da cucire. Con una preparazione di questo tipo si possono fare orli e riparazioni, ma anche confezionare abiti interi.

Chi non ha frequentato una scuola di sartoria, ma ha passione e predisposizione per i lavori di ago e filo, può comunque avviare un'attività in franchising. L'unica a offrire questa opportunità in tutta Italia è la società  Orloexpress (tel. 022156751, www.orloexpress.com). All'inizo bisogna seguire uno stage di formazione e avere una cifra di circa 35.000 euro per l'arredamento e le macchine da cucire. Ovviamente i guadagni dipendono da tante variabili, dalla mole di lavoro alla posizione del negozio, ma in genere si parte da un fatturato di circa 90 mila euro lordi all'anno.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te