Casa Savoia apre alle donne: Vittoria erede designata

La svolta arriva dopo mille anni: l’erede al trono (si fa per dire) sarà una donna, la 16enne Vittoria. L’annuncio è arrivato congiuntamente da Vittorio Emanuele e Emauele Filiberto: «Addio legge Salica»

Un po' strano e forse persino un tantino anacronistico parlare di trono in Casa Savoia, visto che non c'è nessun trono a cui ascendere perché è stata proclamata la Repubblica qualche "annetto" fa. Ma in tempi di Megxit anche i più nostalgici monarchici italiani si sono chiesti in questi giorni quale sarebbe la situazione oggi se al posto di Mattarella e Conte ci fossero a governare Vittorio Emanuele di Savoia o il figlio Emanuele Filiberto. Quel che è certo è che, con la Legge Salica in vigore fino ad oggi, Emanuele e la moglie Clotilde avrebbero dovuto mettersi al lavoro per "onorare" i sudditi con un erede maschio. Ma non ora. Anche il Casato dei Savoia si è adeguato al resto dei "Regni" europei per non vedere finire in fumo i propri sogni dinastici.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images


Dopo mille anni di storia, infatti, Vittorio Emanuele ha voluto aprire le porte alle donne di un Casato che ha comunque le sue regole e le sue tradizioni, e ha detto «Addio legge Salica. Oggi sarà comunicato per scritto alle sorelle dopo una telefonata in serata, alla Consulta dei senatori del regno e agli Ordini dinastici, un cambio delle regole di successione che era tempo di aggiornare». Quindi, dopo Emanuele Filiberto, la prima in linea di successione al "trono che non c'è" è sua figlia Vittoria di 16 anni. Il figlio di Re Umberto II spiega che «la decisione è stata meditata e non è frutto di particolari circostanze o urgenze, la società va verso la parità tra i sessi e la stragrande maggioranza delle case reali sono andate in questa direzione».

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images


Vittoria, come racconta il papà, è una grande amante dell'arte e della moda e i suoi sogni ora sono quelli di dedicarsi a queste due grandi passioni - la piccola Luisa invece è attratta dall'esercito e vorrebbe frequentare l'Accademia Militare la Nunziatella - e la priorità resta lo studio. Ma un giorno chissà. Magari Vittoria non idosserà mai la Corona ma dovrà con impegno vegliare sulle sorti di un casato con mille anni di storia e portare avanti le charities che continua a sostenere. E poi ci sono i rapporti con gli altri reali da mantenere vivi come quelli con Spagna, Belgio, Svezia, Norvegia, con il Principato di Monaco e l'Inghilterra.

Diffile pensare che qualcuno voglia "fuggire" da tutto questo!

Riproduzione riservata