Inge Feltrinelli, una vita da romanzo

20 09 2018 di Annarita Briganti
Credits: Ansa

È morta Inge Schönthal Feltrinelli, la regina dell’editoria internazionale, icona della cultura del ‘900. Aveva 88 anni e una vita da romanzo

Ci sono due storie di Inge, come la chiamavano tutti, anche quelli che non erano mai stati a una delle sue famose e ambite cene milanesi. C’è la Inge "pubblica" la fotoreporter che convinceva chiunque a posare per lei e che nel 1958 ha incontrato Giangiacomo Feltrinelli, l’editore miliardario, che aveva pubblicato il Dottor Zivago sfidando la censura sovietica. E c'è la Inge "privata" nata nel 1930 nella Bassa Sassonia da padre ebreo. Entrambe le storie sono da romanzo.

La leggenda vuole che, con Giangiacomo, fu colpo di fulmine. I due si conobbero tramite amici comuni, lei bellissima, corteggiata da tutti, un sorriso contagioso e la predilezione per i vestiti colorati, lui impegnato politicamente. Passarono tutta la notte su una panchina, due anni dopo si sposarono, ebbero un figlio, Carlo Feltrinelli. Giangiacomo morì negli anni del terrorismo, mentre cercava di mettere una bomba su un traliccio dell'Enel. Inge, donna fortissima, mandò avanti da sola la casa editrice di famiglia per poi consegnarla in ottima salute al figlio Carlo.

Nella sua carriera di fotografa e di editore ristrasse Picasso. Frequentò Hemingway. La loro foto insieme sta facendo il giro della rete. Incontrò Fidel Castro. AccompagnòDoris Lessing a comprarsi un vestito per la cerimonia di consegna del Premio Nobel della Letteratura.

Credits: Ansa/Matteo Bazzi
Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con lo scrittore Antonio Tabucchi a Venezia nel 1994

Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con lo scrittore francese Daniel Pennac a Mantova in occasione del Festival della letteratura. Era il 2008

Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con Giulio Einaudi e la scrittrice Isabella Bossi Fedrigotti. Era il 1994 durante la cerimonia per Il Campiello

Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con il poeta Edoardo Sanguineti a Venezia

Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con il regista spagnolo Luis Bunuel. Siamo a Venezia nel 1967, in occasione della Mostra del Cinema

Credits: Mondadori Portfolio

Un primo piano di Inge Feltrinelli nel 2002

Credits: Mondadori Portfolio

Inge Feltrinelli con Marta Marzotto nel 2011 all'inaugurazione della mostra milanese dedicata a quest'ultima: "La Musa Inquieta. Vita, arte e miracoli di Marta Marzotto"

Foto

La Inge privata è emersa solo nell’ultima parte della sua esistenza. Il padre, ebreo, fuggi in America durante il nazismo. Lei venne affidata a un ufficiale della cavalleria tedesca. «Andavo a scuola in bicletta, passavo davanti ai campi di prigionia. Sentivo la puzza di morte, ma i genitori dei miei amici borghesi erano tutti nazisti e nessuno faceva niente» ha dichiarato. Dopo la guerra tentò di riavvicinarsi al padre, ma lui la respinse.  

Amava leggere più di ogni altra cosa al mondo. «I libri sono tutto. I libri sono la vita» diceva. Era impossibile resistere al suo fascino. La ricorderemo per la sua brillantezza di spirito, per il suo coraggio, le sue giacche arancioni. «Era un misto di Audrey Hepburn e Leslie Caron» per dirla con le parole di Carlo Feltrinelli.

Riproduzione riservata