Nudes serie tv

Nudes, la serie tv in cui i teenager si mettono a nudo

Nudes, disponibile su RaiPlay, è la serie teen del momento. Ecco perché te la consigliamo

Dieci puntate in streaming per raccontare la linea d’ombra che si oltrepassa in quel momento dell’adolescenza in cui si cambia per sempre. Nudes, disponibile su RaiPlay, è la serie teen del momento, innovativa e sorprendente. Ecco tutto quello che c’è da sapere. E perché non dovresti perderla.

I protagonisti di Nudes

La storia ruota attorno alle vite di 3 giovani, Vittorio (Nicolas Maupas), Sofia (Fotinì Peluso) e Ada (l’esordiente Anna Agio, 14 anni), che si trovano alle prese con la diffusione online di foto private a sfondo sessuale. Al loro fianco numerosi altri interpreti, in gran parte alla loro prima esperienza in una serie.

1 di 6 - Una scena da Nudes
2 di 6
3 di 6 - Una scena da Nudes
4 di 6
5 di 6 - Una scena da Nudes
6 di 6

L’origine

Nudes, prima serie originale prodotta da Bim (del gruppo Wild Bunch) con RaiPlay, è un remake dell’omonimo format norvegese che nel 2019 ha vinto il più prestigioso premio tv nel suo Paese. I 10 episodi da 20 minuti l’uno, diretti da Laura Luchetti (che aveva avuto successo internazionale grazie a Fiore gemello), sono girati in Emilia Romagna, fra Casalecchio di Reno, San Giovanni in Persiceto e Bologna. E il brano originale della serie, Un po’ come noi, fa parte dell’album OK, terzo lavoro di Gazzelle.

La trama

Le biografie e le reazioni dei ragazzi mostrano 3 sfaccettature diverse dello stesso fenomeno e rivelano quanto, nei giovanissimi, il pensiero e il giudizio su alcune cose, compresi il rapporto con il proprio corpo e le relazioni sentimentali, siano ancora acerbi. E quanto un’azione compiuta con leggerezza possa avere esiti devastanti.

Il punto di vista

Raccontare il revenge porn, fenomeno diffusissimo fra i giovani, non è una novità assoluta per le serie. Ma lo è farlo dalla prospettiva degli adolescenti. Oltre all’uso improprio dei telefonini, la serie illustra anche un abuso di alcol per compensare disagi relazionali e psicologici. Il taglio molto realistico fa sì che lo spettatore si trovi a vivere le stesse esperienze emotive dei protagonisti sullo schermo.

La vergogna è il nuovo male degli adolescenti

VEDI ANCHE

La vergogna è il nuovo male degli adolescenti

Perché noi genitori dovremmo guardare “Euphoria”

VEDI ANCHE

Perché noi genitori dovremmo guardare “Euphoria”

Rocco Siffredi: «Ragazzi, il sesso non c’entra col porno»

VEDI ANCHE

Rocco Siffredi: «Ragazzi, il sesso non c’entra col porno»

Riproduzione riservata