Peng Shuai: il mistero della tennista scomparsa (e riapparsa a Pechino)

La star del tennis cinese è apparsa in un video che la mostra a un torneo dopo delle pressioni internazionali per ottenere informazioni sulla sua salute. È la prima apparizione dopo che la campionessa ha accusato l'ex vice premier di violenza sessuale

Continua il mistero della due volte campionessa di doppio del Grande Slam Peng Shuai: la star del tennis cinese è infatti apparsa in due video che la mostrano a un torneo a Pechino. Si tratta della prima apparizione pubblica dopo che la giovane aveva accusato l'ex vice premier Zhang Gaoli di violenza sessuale lo scorso 2 novembre - la Shuai aveva affermato di essere stata costretta a fare sesso durante una relazione extraconiugale durata diversi anni. Ovviamente il tutto è stato immediatamente censurato dalla Tv cinese.

In uno dei due video twittati da Hu Xijin, l'editore del quotidiano ufficiale del partito comunista, il Global Times, la tennista è in piedi in uno stadio tra un gruppo di ospiti i cui nomi vengono annunciati tra il fragore degli applausi. Un giornalista dello stesso Global ha poi twittato un altro video che mostra Peng Shuai che firma autografi per i bambini in quello che sembra essere lo stesso stadio. Ma restavano molti dubbi sull'autenticità dei filmati e il capo dell'Associazione di tennis femminile, Steve Simon, ha confermato che le clip non bastavano ad assicurare che la Peng stesse davvero bene. «Non è chiaro se sia libera e in grado di prendere decisioni e intraprendere azioni da sola, senza coercizioni o interferenze esterne», ha detto Simon.

Queste ultime apparizioni erano prontamente arrivate a seguito di una protesta internazionale soprattutto da parte di Francia e Gran Bretagna, sostenuta anche da parte delle superstar del tennis mondiale, e delle Nazioni Unite (sui social è diventato virale l'ashtag #dovepengshuai, #whereispeng). Nel frattempo i giornalisti dei media statali cinesi si sono affrettati a rilasciare una raffica di filmati che pretendono di mostrare che tutto vada bene per la Peng. E poche ore fa la campionessa ha parlato in videoconferenza con il presidente del Comitato Olimpico Internazionale rassicurandolo sulle sue condizioni «Sto bene e sono al sicuro ma voglio il rispetto della mia privacy», ha detto.

Solo stamattina, il ministro degli esteri francese, Jean-Yves Le Drian, aveva dichiarato a proposito: «Aspetto solo una cosa, che Peng Shuai parli. Se le autorità cinesi vogliono fare chiarezza, devono permetterle di parlare, di dire dove si trova, come vive e quello che fa. Se le viene impedito, se c’è stata un’evidente scomparsa, saremo costretti a trarne delle conseguenze diplomatiche».
Ma la risposta arrivata rassicura solo in parte i Governi internazionali che in queste ore si stanno spendendo per la sua sicurezza.

Getty Images
1 di 10
Getty Images
2 di 10
Getty Images
3 di 10
Getty Images
4 di 10
Getty Images
5 di 10
Getty Images
6 di 10
Getty Images
7 di 10
Getty Images
8 di 10
Getty Images
9 di 10
Getty Images
10 di 10
Noi, abusate dai nostri allenatori

VEDI ANCHE

Noi, abusate dai nostri allenatori

Rosemarie Aquilina, la giudice che ha difeso le ginnaste Usa

VEDI ANCHE

Rosemarie Aquilina, la giudice che ha difeso le ginnaste Usa

Riproduzione riservata