donna lavora computer

730 precompilato, come si fa e scadenze

A partire dal 23 maggio è possibile accedere al 730 precompilato. Ecco come si fa la dichiarazione precompilata, i documenti da preparare e le date

Dichiarazione dei redditi 2022

Inizia tardi, quest'anno, la stagione della dichiarazione dei redditi. Solo dal 23 maggio è stato infatti possibile accedere al 730 precompilato messo a disposizione dell'Agenzia delle entrate, un rinvio che farà slittare in avanti buona parte del calendario fiscale.

730: cosa portare in detrazione

VEDI ANCHE

730: cosa portare in detrazione

730 precompilato: dallo Spid alle carte

Intanto, per usufruire del servizio serve lo Spid, oppure il Pin dell'Inps, la Carta d'identità elettronica o la Carta nazionale dei servizi. Una volta procuratasi l'identità digitale bisognerà inoltre raccogliere tutti i documenti, mettendo da una parte quelli che certificano le entrate, dall'altra le ricevute dei versamenti e dei pagamenti per le spese detraibili fatti dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021.

SPID: cos’è, come funziona, come si chiede

VEDI ANCHE

SPID: cos’è, come funziona, come si chiede

730 precompilato: dal 23 maggio

A partire dal 23 maggio si può finalmente avere accesso alla dichiarazione dei redditi già compilata dall'Agenzia delle entrate (info730.agenziaentrate.it/). In questa prima fase non è possibile però intervenire sul documento, ma solo verificare i dati e controllare che tutto corrisponda.

Nel database del sito sono infatti già presenti tutte le informazioni comunicate al Fisco da altri soggetti, per esempio le certificazioni uniche fornite dal datore di lavoro, gli altri redditi, le detrazioni per i figli a carico e la stragrande maggioranza delle spese detraibili sostenute durante l'anno passato, da quelle sanitarie a quelle scolastiche e universitarie, dagli interessi sui mutui ai versamenti fatti per gli acquisti legati ai vari bonus detraibili. Nel sistema sono caricati anche i contributi previdenziali e i premi assicurativi versati. Cliccando sulla voce "visualizza i tuoi dati", si trova l'elenco delle voci contenute, aprendole una a una si può verificare che le informazioni corrispondano a quelle raccolte.

Tutti i bonus che puoi chiedere nel 2022

VEDI ANCHE

Tutti i bonus che puoi chiedere nel 2022

Modifica dal 31 maggio e invio entro il 30 settembre

Dal 31 maggio è disponibile la funzione "modifica e invio". La scadenza ultima per farlo è il 30 settembre 2022. Arrivare alla dichiarazione dei redditi è semplice: una volta selezionata dal menu del sito la scelta "730" viene visualizzato il documento completo, che può essere accettato così com'è.

È questo, infatti, il vero vantaggio della dichiarazione dei redditi precompilata: si può approvare il resoconto dell'Agenzia delle entrate senza aggiungere nulla, con l'assicurazione che quelle informazioni non saranno più soggette a controlli. Le uniche verifiche che l'Agenzia potrà avviare riguarderanno il possesso dei requisiti per fruire di bonus e sconti fiscali (per esempio, se si ha realmente la residenza nell'immobile su cui si hanno le agevolazioni "prima casa").

Hai sbagliato il 730? Ecco come correggerlo

VEDI ANCHE

Hai sbagliato il 730? Ecco come correggerlo

Se modifichi il 730 precompilato

Se i dati non tornano, o mancano redditi o spese da portare in detrazione (come per esempio le attività sportive dei figli), si può modificare il modello 730 seguendo le istruzioni dal sito. Molto utile è la funzione "Cerca i campi della dichiarazione", che inserendo una o più parole, per esempio "cedolare secca", indica le caselle dove inserire il relativo dato. In questo caso, naturalmente tutti i campi modificati potranno essere per i prossimi cinque anno oggetto di controlli da parte del Fisco.

Dichiarazione dei redditi 2022: le scadenze e le novità

VEDI ANCHE

Dichiarazione dei redditi 2022: le scadenze e le novità

730: l'annullamento una sola volta entro fine giugno

Se ci si accorge dopo l'invio che qualcosa nel 730 precompilato è sbagliato, c'è la possibilità di annullare la dichiarazione dei redditi accedendo direttamente al sito della precompilata, e cliccando dall'albero del menu la voce: "Annulla 730 inviato". L'annullamento del 730 precompilato può essere fatto solo una volta, e in linea di massima il termine ultimo è a fine giugno, anche se quest'anno la data non è stata ancora confermata.

I rimborsi nella prima busta paga utile

Se, in base ai redditi e alle detrazioni, dal 730 emerge che il contribuente è a credito o in debito con il Fisco, i rimborsi o l'addebito arrivano nella prima busta paga utile. Il conguaglio viene infatti fatto in base alla data di consegna della dichiarazione dei redditi. Viene da sé che chi ha sostenuto durante l'anno tante spese detraibili, per esempio ha ristrutturato casa o acceso un mutuo, ha tutto l'interesse a consegnare la dichiarazione dei redditi il prima possibile.

Se hai sbagliato il 730 c'è tempo fino al 25 ottobre

E se ci accorgiamo che la dichiarazione dei redditi è incompleta o c'è un errore? Può essere corretta entro il 25 ottobre, presentando al Caf o da un professionista abilitato una dichiarazione integrativa. Entro il 30 novembre è invece possibile inviare un Modello Redditi correttivo del 730.

Chi paga gli errori nella dichiarazione dei redditi?

VEDI ANCHE

Chi paga gli errori nella dichiarazione dei redditi?

Arriva la precompilata per le piccole imprese

VEDI ANCHE

Arriva la precompilata per le piccole imprese

Riproduzione riservata