donna stazione con mascherina

Bonus trasporti 2022: cos’è e chi può chiederlo

A settembre arriva il bonus trasporti pubblici, con lo scopo di aiutare le famiglie contro l'aumento del carburante. Come funziona, chi può chiederlo, quando, come

Bonus trasporti 2022

Dopo il bonus da 200 euro e quello da 550 euro, un altro bonus: arriva a settembre il bonus trasporti, pensato per mitigare l’impatto del caro energia sulle famiglie.

Perché il bonus trasporti

Lo scopo è contrastare l’aumento del prezzo dei carburanti e si rivolge a studenti e lavoratori che usano i mezzi di trasporto pubblico. La misura è stata introdotta nella seconda versione del Decreto Aiuti 2022, e prevede un fondo di 79 milioni di euro.

Arriva il bonus da 550 euro: come ottenerlo

VEDI ANCHE

Arriva il bonus da 550 euro: come ottenerlo

Cos’è il bonus trasporti

Il bonus da 60 euro per i trasporti pubblici è un contributo erogato una tantum, quindi si può richiedere una volta sola, a studenti e lavoratori titolari di un abbonamento per i servizi di trasporto pubblico. Potrà essere riconosciuto una sola volta fino a dicembre 2022. 

A chi spetta il bonus trasporti

Possono richiedere il bonus trasporti solo coloro che hanno dichiarato un reddito personale ai fini IRPEF inferiore ai 35.000 euro. Devono anche avere già attivi o sottoscrivere abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, quindi per i servizi di trasporto ferroviario nazionale.

Il bonus psicologo: domande dal 25 luglio. Ecco come

VEDI ANCHE

Il bonus psicologo: domande dal 25 luglio. Ecco come

Qual è l’importo del bonus trasporti pubblici 

Il bonus copre il 100% delle spese per l’acquisto o il rinnovo di abbonamenti per i trasporti pubblici, ma non può superare il limite dei 60 euro.

Come funziona il bonus trasporti pubblici da 60 euro

Se l’abbonamento costa di più, sarà necessario pagare la differenza. Il bonus trasporto è nominativo, cioè vale per la persona titolare dell’abbonamento ai mezzi pubblici ed è utilizzabile per l’acquisto di un solo abbonamento. Inoltre, non è cedibile.

Bonus trasporti e Isee

Il bonus trasporti non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva nel calcolo finale dell’indicatore ISEE né a fini previdenziali o assistenziali. 

Come utilizzare il bonus trasporti

Il bonus trasporti è spendibile presso un solo gestore dei servizi di trasporto pubblico e deve essere utilizzato entro il mese di emissione presentandolo alle biglietterie del gestore selezionato. Il servizio di trasporto, a sua volta, accede al portale verificandone la validità e in caso positivo rilascia l’abbonamento richiesto registrando sul portale l’utilizzo del bonus, con l’importo effettivamente utilizzato.

Come richiedere il bonus trasporti 

Per richiedere il bonus trasporti pubblici da 60 euro si dovrà utilizzare la piattaforma www.bonustrasporti.lavoro.gov.it” che sarà attivata prima di settembre 2022. 

Quando si può ottenere il bonus trasporti 

Per ottenere il buono sconto per i trasporti bisogna aspettare che esca ufficialmente il decreto attuativo: sarà emanato nei prossimi 60 giorni. Da quel momento - cioè dalla data di pubblicazione del decreto attuativo - e fino al 31 dicembre 2022 sarà possibile ottenere il bonus.

Bonus patente 2022: cos’è e chi ne ha diritto

VEDI ANCHE

Bonus patente 2022: cos’è e chi ne ha diritto

I bonus più convenienti e più richiesti dalle donne

VEDI ANCHE

I bonus più convenienti e più richiesti dalle donne

Riproduzione riservata