Donna volante auto automobile

Polizza Rc auto: come risparmiare

Devi stipulare l'assicurazione per l'automobile? Qui trovi i consigli giusti per risparmiare sulla polizza Rc auto e i check che dovresti fare periodicamente

Assicurazione auto: polizze più care

Per assicurare un'automobile ad aprile 2022 sono serviti in media 443,07 euro, quasi il 4% più rispetto a gennaio (i dati arrivano dall'Osservatorio Rc auto di Facile.it). E non è la sola cattiva notizia. Secondo il colosso statunitense di consulenza strategica Bcg, da inizio pandemia a oggi il costo di un sinistro automobilistico è aumentato in Europa del 4% ogni anno. Quanto all'Italia, nel 2022 è attesa una crescita del costo medio tra il 4,5% e il 7%. Costi che potrebbero scaricarsi direttamente sui consumatori, traducendosi in un ulteriore aumento dei premi.

Rc auto: usa i comparatori

Come fare per risparmiare sull'Rc auto? «Non è semplice, perché parliamo di un prodotto complesso», premette Massimo Treffiletti, responsabile del settore assicurativo di Konsumer Italia. «L'ideale, per selezionare il prodotto giusto, sarebbe rivolgersi a un broker fisico, che spieghi le offerte nel dettaglio, ma se si cerca la tariffa più bassa, allora bisogna affidarsi a un comparatore online. Per l'Rc auto noi consigliamo il preventivatore ufficiale dell'Ivass, una garanzia in fatto di trasparenza, ma se si cerca una polizza più completa, per esempio con furto e incendio, servono i comparatori privati».

Polizze Rca famiglia: risparmi in vista? Sì, forse

VEDI ANCHE

Polizze Rca famiglia: risparmi in vista? Sì, forse

Rc auto: non fermarti al preventivo

Qualunque comparatore Rc auto si decida di usare, la scelta sul preventivo non è un'operazione di pochi secondi, avverte l'esperto: «Se guardiamo solo la cifra finale, siamo giustamente portati a scegliere la proposta meno cara, invece dobbiamo valutare l'offerta e le clausole, perché una copertura in più o in meno può fare la differenza. A volte per un risparmio di pochi euro si rischia di spendere molto di più in caso di incidente».

Un esempio? «Alcune compagnie, a fronte di uno sconto di 10 o 20 euro,  impongono all'assicurato di recarsi in caso di sinistro dal carrozziere convenzionato. Ma se ci si trova in un'altra città, o semplicemente si dimentica questa clausola, si rischia una penale che arriva al 10% del danno, quindi occhio a questo aspetto».

La lente va messa anche sulle cosiddette "clausole di rivalsa", clausole contrattuali che consentono alle  compagnie di chiedere all'assicurato, in alcuni casi, il rimborso dei danni indennizzati. «Alcune società prevedono per esempio la possibilità di rivalsa in caso di un alcoltest positivo. Significa che anche un bicchiere di vino può costare caro», aggiunge Treffiletti.

Autostrade: parte il Cashback con targa

VEDI ANCHE

Autostrade: parte il Cashback con targa

Cosa non può mancare nel pacchetto assicurazione

Per evitare brutte sorprese, meglio anche accertarsi che la tariffa comprenda il “Bonus protetto”: «Ce lo si può giocare una sola volta, ma tutela l'automobilista nel caso in cui provochi un incidente. Il bonus non fa scattare il malus, e cioè il salto indietro di due classi, e il premio resta congelato».

Le voci che fanno risparmiare sull'assicurazione

Effettuati questi controlli, si può andare “a caccia” delle opzioni che fanno abbassare la tariffa dell'assicurazione. Occhio però: non convengono a tutti. Se si sceglie la "guida esclusiva”, per esempio, si può far scendere il prezzo di qualche punto percentuale (in genere dal 5 al 15% massimo), ma in questo caso a poter usare l'auto è un solo componente della famiglia. Lo stesso vale per l'opzione “guida esperta”, che vincola il proprietario a far usare il veicolo solo da persone con esperienza, in genere over 26, pena il rischio, in caso di sinistro, di dover pagare i danni di tasca propria.

Rc auto: il check annuale e l'aggiornamento

Sono molte le cose da ricordare. Per questo, un trucco utile per risparmiare a ogni rinnovo dell'assicurazione senza fare errori, è fare un check delle coperture e delle condizioni del contratto: «è sufficiente prendere il contratto che abbiamo stipulato e leggerlo attentamente,  e poi confrontarlo con i nuovi preventivi», consiglia Treffiletti. «In questo modo possiamo aggiornare le condizioni in base alla nostra situazione familiare. Per esempio, se nostro figlio appena maggiorenne non usa più la nostra auto perché ne ha una sua, possiamo inserire l'opzione “guida esperta”. Inoltre, è anche un modo per ricordarci di aggiornare il valore del bene assicurato. Con il passare degli anni le auto perdono di valore, ma spesso questo parametro non viene modificato. Invece è fondamentale, perché con il calare di questo elemento scende anche il premio annuale».

RC Auto: regole più severe in caso di incidenti

VEDI ANCHE

RC Auto: regole più severe in caso di incidenti

In caso di incidente stradale

E se abbiamo provocato un incidente? Come evitare l'aumento di premio e il declassamento? Fino a ieri ci si accordava con l'altro automobilista, impegnandosi a ripagare direttamente il danno senza coinvolgere le compagnie assicurative. «Ma è rischioso, ed esiste un'alternativa sicura, grazie al servizio messo a disposizione da Consap, la concessionaria di servizi assicurativi pubblici», spiega Treffiletti. « Dopo avere fatto regolare denuncia alle compagnie, si può attivare attraverso il sito dell'ente la procedura di rimborso del sinistro, nella cosiddetta “stanza si compensazione” (https://www.consap.it/stanza-di-compensazione/rimborso-del-sinistro/procedura/)».

È sufficiente compilare un modulo inserendo i numeri di targa delle auto interessate e i nomi delle rispettive società assicurative, con la data dell'incidente. Il calcolatore ci farà sapere l'importo esatto del danno, e a quel punto potremo fare i nostri calcoli, per capire se conviene procedere con l'iter classico oppure risarcire a nostre spese la compagnia. «Se per esempio il danno è di 250 euro, e il tuo premio è già di 500 euro all'anno, e rischia di salire di altri 100, ti conviene saldare subito, ed evitare il declassamento. Il rimborso viene versato direttamente a Consap, che a sua volta gira la somma alla compagnia».

Scopri se sei beneficiaria di una polizza dormiente

VEDI ANCHE

Scopri se sei beneficiaria di una polizza dormiente

Assicurazione per le casalinghe: come funziona e le novità

VEDI ANCHE

Assicurazione per le casalinghe: come funziona e le novità

Riproduzione riservata