Arriva la Barbie Bebe Vio (e non è marketing)

06 12 2019 di Annaleni Pozzoli
Credits: Roberto Zecchillo

La Mattel ha dedicato una Barbie alla campionessa paralimpica di scherma per celebrare i 60 anni di storia dell'iconica bambola. L'obiettivo? Ispirare e incoraggiare tutte le bambine a credere nelle loro capacità e a non rinunciare ai loro sogni

È nata la Barbie Bebe Vio, con tanto di protesi e sedia a rotelle. E fa già parlare di sé. Persino il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l'ha citata nel suo discorso in occasione della Giornata internazionale della disabilità: «Questo dimostra che i successi sportivi hanno una ricaduta sulla vita sociale e quotidiana. Questa Barbie indurrà molti bambini e ragazzi a impegnarsi nello sport e questo è fondamentale per tutti i nostri concittadini con disabilità, senza disabilità o con disabilità non apparente» ha detto il Presidente.

La Mattel ha dedicato una Barbie alla campionessa paralimpica di scherma per celebrare i 60 anni di storia dell'iconica bambola. L'obiettivo? Ispirare e incoraggiare tutte le bambine a credere nelle loro capacità e a non rinunciare ai loro sogni. Se la Barbie Bebe Vio ha un valore simbolico, perché è One of a kind, cioè in copia unica, quest'anno l'azienda ha lanciato negli Usa una bambola in sedia a rotelle e una con la gamba protesica.

Sono solo operazioni di marketing (o un eccesso di politically correct) oppure una bambola può davvero servire a combattere il pregiudizio sulla disabilità e aiutare l'inclusione? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Giada Morandi, educatrice, anche lei in carrozzina, dottoressa in psicologia e coordinatrice dell'ambulatorio ginecologico Fior di Loto di Torinouno dei pochissimi in Italia accessibili alle donne con disabilità.

«Una bambola da sola non basta ad abbattere gli stereotipi» risponde l'esperta. «E certo non può favorire l'integrazione: la percezione che i bambini hanno dei loro coetanei disabili è influenzata ovviamente dalla famiglia e dalla scuola. Ma può essere un punto di partenza per sensibilizzare i genitori a parlare di disabilità. E non solo. Può aiutare le bambine e le ragazze con disabilità a sentirsi rappresentate. La mancanza di rappresentazione parte dall'assenza di pensiero. E questo si traduce in discriminazione. Le ragazze con disabilità non sono e non si sentono riconosciute come donne. Vedere che, come nella vita, anche nei giochi ci sono bambine e donne come loro le fa sentire meno sole, meno invisibili».

In questo senso la Barbie in carrozzina o con la protesi può favorire l'inclusione. È una considerazione simile che ha spinto un gruppo di mamme inglesi, qualche anno fa, a promuovere il progetto #toylikeme per chiedere alle aziende produttrici di giocattoli di mettere sul mercato anche giochi e bambole disabili.

Credits: Roberto Zecchillo

Lo stesso bisogno di identificarsi e di sentirsi rappresentate lo vivono anche le adulte con disabilità. Lo sanno bene al Comune di Torino che nella locandina della Campagna contro la violenza sulle donne È tutta un'altra storia scelgono di pubblicare la foto anche di una ragazza in sedia a rotelle.

Piccoli gesti che possono contribuire a cambiare la percezione culturale della disabilità, soprattutto al femminile. «Nell'immaginario di un bambino è importante ci sia l'idea che una donna in carrozzina faccia parte della normalità» conclude la psicologa. «È un modo per allenare i normodotati a contemplare l'esistenza della disabilità e a concepirla come una delle possibili condizioni della vita. Così quel bambino, crescendo, magari diventerà un architetto che progetterà spontaneamente case senza barriere architettoniche».

Riproduzione riservata