Cos’è la Dieta Pesco-Mediterranea

Parte dalla Mediterranea “classica”, ma con una maggiore quota di prodotti ittici e con l’aggiunta del digiuno intermittente. Ecco in cosa consiste e quali sono i vantaggi

Sui benefici della Dieta Mediterranea, in termini di salute e qualità della vita, non ci sono dubbi. Non a caso è stata premiata da US News & World Report come la migliore del 2021, insieme alla Dash, specifica per l’ipertensione. Ma ne esiste una nuova “variante” che si annuncia come ancora più vantaggiosa per la salute: si tratta della Dieta Pesco-Mediterranea.

Come dice il nome stesso, è arricchita di prodotti ittici, ma anche un’altra caratteristica: prevede un digiuno intermittente. Ecco in cosa consiste.

Cos’è la Dieta Pesco-Mediterranea

A elogiare i benefici di questa “versione” del classico regime alimentare dei Paesi mediterranei è uno studio appena pubblicato sul Journal of the American College Cardiology, che ne sottolinea gli effetti positivi soprattutto per contrastare le malattie cardiovascolari. Prevede una base comune a quella “classica”, quindi con un consumo di verdure e frutta, olio di oliva, ma anche noci e in più prodotti ittici, in particolare frutti di mare. A ciò si aggiungerà, però, anche un “digiuno intermittente”, ossia un consumo degli alimenti in una finestra temporale di 8-12 ore, in modo da lasciare le altre 12-14 ore senza pasti.

Le cose da sapere sul digiuno (o “fasting”)

VEDI ANCHE

Le cose da sapere sul digiuno (o “fasting”)

Pro e contro

Uno dei motivi per i quali si caldeggia un maggior consumo di pesce è la presenza di Omega 3 che, come confermano diversi studi, ha una forte componente cardioprotettiva. «È vero e prevedere una certa quantità di pesce non è sbagliato, ma non dovrebbero superare certi limiti previsti dalle Linee Guida per una sana alimentazione del ministero della Salute e dalle indicazioni dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ne consigliano il consumo 2/3 volte alla settimana» chiarisce Luca Piretta, gastroenterologo e nutrizionista dell’Università Campus Bio-Medico di Roma.  

Digiuno: cosa succede nell’organismo quando non si mangia

VEDI ANCHE

Digiuno: cosa succede nell’organismo quando non si mangia

Occorre più pesce?

«Più che aumentarlo sarebbe consigliabile una giusta distribuzione nell’arco della settimana, in quantità corrette - aggiunge l’esperto - I motivi sono due: mantenere una certa variabilità nell’alimentazione, senza che un alimento prevalga su altri, ed evitare il rischio di bioaccumulo di metalli pesanti che possono essere contenuti nel pesce. I benefici del pesce riguardano sia la presenza di Omega 3, che sono degli antinfiammatori naturali e sono ricchi di acidi grassi buoni che abbassano trigliceridi e colesterolo, sia il fatto che sono un’ottima fonte di Vitamina D e calcio e proteine nobili. Non va dimenticata l’importanza del tipo di cottura, che può inficiare la qualità dei cibi». Insomma, consumare più pesce non è un via libera alle fritture.

Attenzione alle app per il digiuno

VEDI ANCHE

Attenzione alle app per il digiuno

Quali pesci privilegiare?

«Sicuramente il pesce azzurro è il più ricco di Omega 3 e quello con il minor quantitativo di eventuali metalli pesanti, rispetto ai pesci di grossa taglia, come invece i salmoni. Consiglierei, quindi, tutti quei prodotti del Mediterraneo come sardine, sgombri, alici, ecc. e, con minor frequenza, tonno e altri cosiddetti “pesci bistecca”, spesso comodi perché già in tranci».

Perché il digiuno intermittente

«È stato dimostrato che il digiuno intermittente, eseguito regolarmente, riduce il tessuto adiposo intra-addominale e la produzione di radicali liberi. Ciò suscita potenti risposte cellulari che migliorano il metabolismo del glucosio, riducono l’infiammazione sistemica e possono anche ridurre i rischi di diabete, CVD, cancro e malattie neurodegenerative» così riporta lo studio. In pratica dopo un digiuno notturno di 12 ore, i livelli di insulina sono generalmente bassi e le riserve di glicogeno si sono esaurite. Il corpo, quindi, inizia a bruciare gli acidi grassi delle cellule adipose, utilizzandoli come “carburante”, invece del glucosio. «Ciò migliora la sensibilità all’insulina – spiegano i ricercatori - Il consumo limitato nel tempo non è più efficace per la perdita di peso rispetto alla restrizione calorica standard, ma sembra migliorare la salute».

Digiuno per perdere peso o per restare in salute?

«Il digiuno può anche abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca a riposo e migliorare l’equilibrio autonomo con una maggiore variabilità della frequenza cardiaca» si legge nello studio. Il dottor Piretta però precisa: «Dipende da cosa si intende per digiuno intermittente: se si tratta del semplice riposo notturno di 8/12 ore, va bene, anzi è adatto a tutti e consigliato insieme al fatto di non cenare dopo le 20/21. Diverso è se si parla di un digiuno superiore alle 12 ore, fino alle 16, perché questo spesso comporta la rinuncia a un pasto, che sia la cena o la colazione. Questa, invece, non dovrebbe mai essere saltata, sia per salvaguardare i ritmi circadiani, sia per avere il giusto apporto calorico».

Dieta mima digiuno contro il tumore al seno

VEDI ANCHE

Dieta mima digiuno contro il tumore al seno

«Il digiuno intermittente stretto può essere seguito in particolari casi, in soggetti con requisiti specifici e che hanno obiettivi mirati, per un breve periodo, ma non ci sono evidenze scientifiche sui benefici nel lungo periodo, che invece abbiamo con la Dieta Mediterranea, come stile di vita» chiarisce l’esperto nutrizionista. «Se serve perdere peso può dare risultati, ma è poco sostenibile e non è un sistema educativo salutare. Perdere peso e dimagrire non è la stessa cosa, e il peso non è un parametro di salute generale, a meno che non si tratti di casi di obesità» conclude Piretta.

Riproduzione riservata