Il 2019 è l’anno della luna

07 01 2019 di Vera Caprese
<p>Una scena del film "First man - Il primo uomo", <span>con Ryan Gosling nei panni dell’astronauta Neil Armstrong</span></p>

Una scena del film "First man - Il primo uomo", con Ryan Gosling nei panni dell’astronauta Neil Armstrong

A luglio si celebreranno i 50 anni del leggendario sbarco. Ma in giro per le città, non solo italiane, si moltiplicano già gli eventi moon oriented

Ad aprire l’ultima edizione del Festival del Cinema di Venezia, a settembre, è stato "First man - Il primo uomo", il kolossal con Ryan Gosling nei panni dell’astronauta Neil Armstrong. Poi è arrivato lo stilista Paco Rabanne che ha riproposto il mitico vestito con i dischi, vera icona della “space age”. Ma sono solo due dei tanti eventi legati a un compleanno importante, i 50 anni dello sbarco sulla Luna, che si celebreranno a luglio 2019.

LA LUNA È L’UNICO SATELLITE NATURALE DELLA TERRA. INTORNO AD ALTRI PIANETI GIRANO MOLTI PIÙ CORPI CELESTI. MARTE NE HA DUE, NETTUNO 14 E GIOVE ADDIRITTURA 67

Gli eventi dedicati alla luna

Adesso in calendario si moltiplicano iniziative e appuntamenti a tema. Chi pensa che si tratti solo di revival sbaglia: «La Luna non rappresenta solo un obiettivo raggiunto, ma oggi più che mai è la base per nuovi scenari e progetti che ne rinnovano il fascino » spiega Chiara Simoncelli, curatrice della mostra "La Luna. E poi?" appena inaugurata al Museo Civico di Rovereto. «Solo qualche mese fa Donald Trump ha annunciato il proposito di creare una base lunare per le missioni su Marte, la Nasa mira a costruire una mini-stazione nell’orbita lunare e il vulcanico Elon Musk è già al lavoro per realizzare viaggi spaziali».

Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto

La mostra "La Luna. E poi?" appena inaugurata al Museo Civico di Rovereto

Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Credits: Dalla mostra "La Luna. E poi?" - Museo Civico di Rovereto
Foto


Nella mostra di Rovereto, accanto a cimeli e documenti d’archivio, ci sono veicoli spaziali attualissimi, come il modello da cinque metri della Sojuz, l’unica sonda in grado oggi di trasportare gli astronauti sulla Stazione spaziale internazionale. «Da non perdere le postazioni di realtà virtuale» sottolinea Simoncelli. «Grazie ai visori 3D, si può sperimentare l’emozione di essere lanciati verso la luna sul razzo Saturn V, ma anche capire cosa significa vivere e lavorare in una casa permanente nello spazio, l’ISS».

Ma la fascinazione umana per “l’astro d’argento” non si esaurisce con l’aspetto tecnico-scientifico. «Con la sua misteriosa luminosità, la luna ha catalizzato l’attenzione degli uomini fin dall’antichità» nota Simoncelli. «Come riflette la luce del sole, allo stesso modo rispecchia quello su cui tutti noi ci interroghiamo: così, di volta in volta, diventa simbolo di magia, di romanticismo e della scoperta dell’ignoto».

Ed è proprio l’esplorazione dei suoi diversi significati il focus di un’altra mostra "The Moon: From Inner Worlds to Outer Space" in corso a Copenaghen (fino al 20 gennaio, www.louisiana.dk) che riunisce opere d’arte, letteratura, musica e design, tutti dedicati alla luna.

Un’opera esposta nella mostra "The Moon: From Inner Worlds to Outer Space" in corso a Copenaghen (www.louisiana)


Spettacoli “spaziali” sono stati al centro anche della Festa di Roma, organizzata dal Comune in occasione del Capodanno 2018 (www.comune.roma.it): ventiquattro ore di eventi e performance con oltre mille artisti provenienti da 46 Paesi, per celebrare i 50 anni dello sbarco.

L’appuntamento più spettacolare dell'evento di Roma è stato "Museum of the moon", l’installazione itinerante dell’artista inglese Luke Jerram (foto sotto): una dettagliatissima scultura della massa sferica, del diametro di sette metri, permette di guardare la superficie lunare da distanza ravvicinata e, allo stesso tempo, di venire illuminati dal chiaro di luna.

"Museum of the moon", l’installazione spettacolare dell’artista Luke Jerram


In omaggio all’anniversario dell’allunaggio e al tradizionale legame della luna con il mondo contadino sarà “moon oriented” anche la prossima edizione della rassegna enologica "Wine & The city", a Napoli (dal 9 al 18 maggio), con incontri e performance a tema.


I LIBRI DEDICATI ALLA LUNA

Vuoi rivivere la magia dell’uomo sulla Luna? Il photo-book "Apollo VII-XVII" (teNeues, in alto) ripercorre le spedizioni del programma spaziale con oltre duecento immagini, tratte dall’archivio della Nasa. 

Per i più piccoli c’è "Quando la luna ero io" (di Luigi Garlando, Solferino Editore): il racconto, attraverso gli occhi di una bimba di 9 anni, della mitica estate del ’69, per scoprire la magia e l’importanza dell’avvenimento.

Foto
Riproduzione riservata