Ayayi prima influencer completamente digitale Cina
Ayayi, la prima influencer completamente digitale “nata” in Cina: nel giorno di lancio ha conquistato subito 40.000 follower.

Ayayi, la prima influencer al 100% digitale

L'opinione di Michela Murgia

Due eventi apparentemente scollegati sono comparsi negli stessi giorni sui media a margine delle notizie principali, presentati entrambi come fossero curiosità di cui sorridere. Il primo è che la Norvegia ha deciso di imporre ai marchi commerciali che lavorano sul suo territorio l’obbligo di dichiarare i ritocchi fotografici, per non rafforzare un ideale irrealistico di perfezione che spinge le persone più giovani, soprattutto le ragazze, verso l’insicurezza di sé, i disturbi alimentari e un ricorso crescente e sempre più precoce alla chirurgia estetica. Il secondo evento invece è di segno opposto: in Cina è stata creata e lanciata la prima influencer totalmente digitale, Ayayi, una bellissima ragazza che - pur non esistendo - ha conquistato 40.000 follower nella sola giornata di presentazione.

Ayayi, oltre a essere iperrealistica, è dotata di intelligenza artificiale ed è in grado di interagire online con gli esseri umani in una forma più evoluta di quella dell’assistente virtuale Siri. Il lancio dell’identità digitale, che viene definita “meta-umana”, non è avvenuto su un social network, ma direttamente su una piattaforma di e-commerce, perché il suo scopo è quello di orientare i consumi dei follower. Non è il primo esperimento orientale in questa direzione: l’influencer digitale Lil Miquela su Instagram ha più di 3 milioni di follower, ma Ayayi ha una maggiore precisione nei tratti ed è quindi più ingannevole, al punto che molti utenti non hanno capito subito di avere a che fare con un personaggio non reale.

Gli influencer digitali hanno il vantaggio – se così lo vogliamo chiamare – di non invecchiare e non avere scomode imprevedibilità: non appaiono mai meno che perfetti, non fanno gaffes, non creano scandali e soprattutto sono sempre al lavoro, garantendo interazione con gli utenti 24 ore su 24 in modo così evoluto da poter commentare persino i meme, i video e altri contenuti generati dai fan.

Mentre la Norvegia cerca di disinnescare il meccanismo della finzione dichiarandola, la Cina lavora perché ciò che è finto appaia sempre più verosimile, fino a rendere inutile chiedersi dove finisca l’artificialità e cominci il reale. È sin troppo facile dichiarare inquietudine davanti a un’evoluzione tecnologica che imita l’umanità per ingannare gli umani e verrebbe la tentazione di giudicarla come una devianza pericolosa, ma questo non sarebbe utile a capirla.

Come tutte le domande profonde, quella della caduta delle differenze tra virtuale e reale può trovare eco, se non risposta, nella letteratura: per esempio, in Klara e il sole (Einaudi), del premio Nobel Kazuo Ishiguro, dove lo scrittore inglese affronta senza giudizio lo snodo della sostituibilità persona/macchina. La domanda non è se Ayayi esista o no, ma se noi siamo sicuri che gli account dove creiamo i nostri alter ego digitali - tutti con la frase giusta, i filtri a ogni foto e una vita presentata solo al meglio - non siano altrettanto virtuali di un soggetto che la virtualità almeno la dichiara.

Ayayi influencer digitale Cina
Ayayi, la prima influencer completamente digitale.

Michela Murgia, l'autrice di questo articolo, è una scrittrice. Il suo ultimo libro è Stai zitta (Einaudi)

Tasnim Ali, influencer di TikTok con il velo

VEDI ANCHE

Tasnim Ali, influencer di TikTok con il velo

Cerchi lavoro? Prendi un aperitivo

VEDI ANCHE

Cerchi lavoro? Prendi un aperitivo

Riproduzione riservata