verdure e cereali

La dieta ormonale restart: come funziona

Gli ormoni giocano un ruolo cruciale anche sulla fame e il peso, oltre che su stress e benessere. Ecco come sfruttarli per mantenere o recuperare la linea con la dieta restart

Che gli ormoni giochino un ruolo centrale nell’equilibrio dell’organismo è noto, ma che possano essere protagonisti anche quando si parla di alimentazione, dieta e soprattutto gusti è uno dei campi di studio più nuovi. Proprio sul gradimento e apprezzamento di alcuni cibi o la ricerca di alcuni sapori invece che altri, infatti, si concentra la dieta ormonale restart, che sottolinea il legame con deficit e assetti ormonali. 

L'equilibrio degli ormoni alla base della dieta restart

La chiave per restare in forma e in salute, dunque, sarebbe quella di trovare i cibi più giusti per ristabilire un equilibrio venuto meno, che non permette di assimilare alcuni nutrienti nel modo corretto o porta a mangiare alimenti dannosi per la linea e il benessere generale. Un esempio dell’importanza degli ormoni verrebbe anche da segni di invecchiamento precoce come i capelli bianchi: «Dobbiamo ristabilire il nostro equilibrio ormonale, perché ci sono 30enni che hanno già i capelli bianchi a causa dei livelli di melatonina sballati e c’è chi ingrassa solo in certi punti, di nuovo per colpa di uno squilibrio ormonale» spiegano Enrico De Nobili, direttore del Longevity Medical Center di Merano e Margherita Enrico, giornalista scientifica, autori di La dieta del restart ormonale.  

Dieta ormonale: meno chili, più energia

VEDI ANCHE

Dieta ormonale: meno chili, più energia

I principi della dieta ormonale restart  

Alla base della dieta restart c’è l’idea di riequilibrare il metabolismo tramite l’azione degli ormoni che «accompagnano e stimolano lo sviluppo del corpo» premette De Nobili. «Ogni ormone ha la caratteristica di comunicare solo con le cellule dotate di recettori specifici, ha quindi compiti selettivi; l’insulina, ad esempio, serve a tenere sotto controllo la glicemia, la leptina ci dà il senso di sazietà, la melatonina aiuta ad avere un sonno ristoratore, gli ormoni tiroidei regolano il nostro metabolismo, testosterone, estrogeni e progesterone permettono lo sviluppo e la funzione sessuale e infine il cortisolo prodotto nella giusta quantità ci fornisce l’energia necessaria ad affrontare le sfide quotidiane. Effettuare il restart ormonale significa educare le persone ad una corretta alimentazione, a praticare una costante attività fisica e alla gestione dello stress» spiega l’esperto.  

Cosa mangiare in base alla tipologia fisica (e agli ormoni)

VEDI ANCHE

Cosa mangiare in base alla tipologia fisica (e agli ormoni)

La dieta ormonale va abbinata a ginnastica e meditazione

In cosa consiste, quindi, la dieta? «Grazie a un percorso alimentare di 28 giorni suddiviso in 5 fasi, abbinato a una costante attività fisica, alla ginnastica ormonale tibetana e alla meditazione, si risincronizzano i nostri principali ormoni affinché possano funzionare in armonia tra loro, come i componenti di un coro o di un’orchestra. L'obiettivo è ridarci forza e vitalità, restituirci un aspetto più giovane, aiutarci a gestire il peso e il nostro assetto metabolico, migliorare il sonno, l’umore e la sessualità» prosegue l’esperto di nutrizione. «Sotto controllo medico, sarà inoltre possibile favorire il riequilibrio ormonale grazie a tutta una serie di integratori specifici sotto forma di fitoterapici o di micronutrienti quali vitamine e minerali. Una volta che tutte queste cose diventano un’abitudine, si entra in un circolo virtuoso».  

Quando gli ormoni influiscono sull’alimentazione (e viceversa) 

Il rapporto tra ormoni e cibo, quindi, è molto stretto come spiega ancora De Nobili: «Un’eccessiva produzione di insulina, legata al consumo eccessivo di zuccheri e carboidrati raffinati, comporta una continua sensazione di fame e appetito, soprattutto verso pasta, pane, biscotti e bevande zuccherate che, quando in eccesso, comportano un apporto calorico superiore al necessario e quindi al sovrappeso. Nel caso poi della cosiddetta ‘sindrome da stanchezza surrenalica’ (dovuta a minor cortisone e aldosterone), la tendenza è quella di ricercare cibi salati» spiega De Nobili.  

La camminata metabolica per dimagrire e tonificarti

VEDI ANCHE

La camminata metabolica per dimagrire e tonificarti

Ormoni e metabolismo dipendono anche dall'area geografica 

Oltre agli ormoni in sé, a influenzare l’equilibrio del metabolismo sono anche le origini geografiche e quindi il cibo che caratterizza un certo territorio: «Diversi studi hanno evidenziato che ad esempio in Italia trasferirsi da una città del nord a una del sud può portare a un maggiore consumo di carboidrati (pane, pasta, pizza), aumentando quindi la produzione di insulina e il rischio di sovrappeso. Nelle popolazioni asiatiche invece la percentuale di sovrappeso è tra le più basse, ma quando per motivi migratori la popolazione si trasferisce in aree occidentali, modificando e adeguando la dieta al nuovo contesto sociale, aumenta il consumo di cereali raffinati e di grassi saturi. Ciò comporta che la produzione di insulina e leptina (ormone della sazietà) venga alterata e aumenti di gran lunga il rischio di sovrappeso» chiarisce l’esperto in medicina Anti-Aging.  

Carboidrati e proteine: quando e a che ora

Di recente alcuni studi hanno sottolineato l’importanza dell’orario dei pasti, individuando ad esempio un rapporto diretto tra la cena a tarda sera e il rischio di ingrassare. A questo proposito anche la dieta ormonale restart presta particolare attenzione alla suddivisione dei pasti nell’arco della giornata: «I carboidrati complessi, soprattutto derivati da cereali o pseudo cereali non contenenti glutine (riso venere, quinoa, grano saraceno, amaranto, ecc.) e in versione integrale, vengono raccomandati nella dieta del restart ormonale, ma vanno consumati a colazione o a pranzo, mai a cena, dove vengono invece consigliate le proteine. In questo modo silenziamo la produzione di insulina e favoriamo la produzione notturna di glucagone e GH (ormone della crescita) che sono noti per il loro effetto brucia-grassi. È importante consumare abbondanti porzioni di verdure crude o cotte condite con olio evo e semi oleaginosi, il cui effetto è quello di ritardare, in caso di consumo di carboidrati, il loro assorbimento e quindi di evitare i picchi di insulina, aumentando nello stesso tempo il senso di sazietà» spiega De Nobili. «Per avere un buon sonno è poi raccomandato cenare presto e poco, possibilmente alle 19 e mai oltre le ore 20, per permettere alla digestione di completarsi prima di coricarsi a letto».  

Mangiare tardi fa ingrassare: ecco perché

VEDI ANCHE

Mangiare tardi fa ingrassare: ecco perché

La dieta del restart ormonale porta benessere a 360 gradi 

Riassumendo, quindi, «Un’alimentazione scorretta, con carboidrati raffinati, cibi pronti, insaccati e formaggi, assieme alla sedentarietà e all’eccessivo stato di stress, a prescindere dall’età, comporta l’alterazione non solo del profilo metabolico, ma anche di quello ormonale» conferma l’esperto in nutrizione clinica, che conclude: «Il nostro obiettivo è che non ci si limiti a seguire i 28 giorni del percorso, ma che si crei la consapevolezza che i consigli alimentari, le raccomandazioni ad una attività fisica costante e alle metodiche di gestione dello stress siano i pilastri di un circolo virtuoso che porta salute e benessere duraturi». 

Riproduzione riservata