Sophie Katirai
Sophie Katirai

Mi trucco con Instagram! Grazie ai filtri di make up

La mania dei filtri di make up che correggono, esaltano e giocano con il viso è ufficialmente esplosa in chat. Piccola guida per conoscerli

La più brava al mondo è Sophie Katirai. E forse pure la più secchiona. Un anno e mezzo fa decise di dedicare almeno 4 ore al giorno, ogni giorno, per studiare la creazione di nuovi filtri Instagram, la loro distribuzione, la loro promozione (instagram.com/sophie/). Da allora l’influencer di Dubai laureata in graphic design ne ha creati più di 35, usati nelle loro stories da Kylie Jenner, Hailey Bieber, Dua Lipa e dalle sorelle Hadid.

Suo è il filtro forse più popolare della quarantena: Butterfly Pretty, farfalle di tutti i colori che si appoggiano sul volto al centro dello schermo e battono le ali. A decine di migliaia lo hanno scelto per presentarsi al mondo nell’unico modo possibile negli scorsi 2 mesi: quello virtuale. Perché è come se il lockdown avesse accelerato un processo già in corso da tempo: la definizione dei filtri di realtà aumentata che troviamo sui social e sulle app come una nuova forma di make up.

Dua Lipa
Dua Lipa

Cerca i filtri di make up sui social

Già disponibili su Snapchat e su Instagram dal maggio 2018, i filtri sono esplosi un anno fa, quando Zuckerberg ha reso possibile la loro creazione a tutti gli utenti. Da allora, influencer, creativi e artisti hanno iniziato a sfornarne a centinaia e a condividerli con la community.

Su Zoom è comparso il pulsante “Touch up my appearance”, con cui puoi ritoccarti l’aspetto in diretta durante le videocall. Su piattaforme come Skype o Google Hangouts puoi applicare i filtri di Snapchat. E sugli store sono sbarcate app di makeup virtuale come YouCam o Facetune.

Hailey Bieber
Hailey Bieber

Prova direttamente i filtri di make up

Puoi scurire il volto, schiarirlo, metterci sopra fondotinta, eyeliner, ciglia più lunghe. E tutto questo è ancora niente. Tra gli artisti dei filtri ci sono già 2 correnti, che potremmo chiamare realista e futurista. La prima riproduce virtualmente i classici strumenti di trucco (mascara, rossetto, ecc.) che tutto sommato non alterano il volto, ma lo esaltano in modo virtuale.

La seconda, di gran lunga più interessante, considera i filtri e la realtà aumentata come un’opportunità senza precedenti con la quale puoi esprimere la tua individualità alterando il tuo aspetto: potrai rivoluzionare la gravità, crea-re forme mai viste in natura, applicarci colori mai arrivati in profumeria, legare il tuo volto a oggetti inediti. Sarà un trucco nuovo, virtuale, ma non meno presente nelle nostre vite. Tanto vale prepararci.

Farfalle e ritocchi

Le influencer come Sophie Katirai li inventano, le celeb li lanciano e noi cominciamo a usarli: il circolo dei filtri di make up virtuale funziona così.

Un selfie per la tua pelle: il dermatologo è in chat

VEDI ANCHE

Un selfie per la tua pelle: il dermatologo è in chat

Sei sempre in videochat? Punta sugli occhiali

VEDI ANCHE

Sei sempre in videochat? Punta sugli occhiali

Riproduzione riservata