pickleball sport tennis

Pickleball, il tennis facile che si gioca ovunque

Il pickleball deriva dal tennis e si gioca ovunque, perfino nel cortile di casa. Negli States sono impazziti per uno sport tanto facile quanto divertente. Che ora arriva in Italia

Il tennis piace sempre di più ma solo se è “in miniatura”. L’ultima tendenza si chiama pickleball, spopola già negli States e da noi un campetto è appena stato inaugurato sull’Isola d’Elba. Sì, la parola campetto non è usata a caso, perché il terreno di gioco ricorda quello regolamentare ma è ridotto a un terzo della grandezza. E le somiglianze con lo sport di Federer e Nadal finiscono qui.

«La racchetta è una pala corta, tutta in fibra di carbonio o grafite, la pallina è di plastica dura e forata» spiega Zelindo Di Giulio, presidente dell’Associazione italiana pickleball, che si prepara ad ospitare, dal 27 al 29 agosto in Abruzzo, i primi Italian Open di questa disciplina (www.pickleballitaly.org).

Getty Imagesc
1 di 6 - Il campione del mondo di pickleball è, ovviamente, americano: Ben Johns, 22 anni.
2 di 6 - Il pickleball piace alle star americane, da Ellen Degeneres (qui nella foto) a Kim Kardashian (nella foto successiva), che lo alternano spesso al caro vecchio al tennis.
Instagram
3 di 6 - Kim Kardashian, anche lei fan del pickleball.
Getty Imagesc
4 di 6 -  In Italia, sui campi da padel, si sfidano anche grandi atleti, primo fra tutti Francesco Totti.
5 di 6 - I primi centri dedicati al pickleball in Italia sono nati a Frascati, Napoli e in provincia di Pescara. Ma se cerchi singoli campetti dove metterti alla prova, guardati intorno perché cominciano a spuntarne ovunque. Qui nella foto, quelli di Bologna.
6 di 6 - Tropical mood e un grip adatto ai principianti per la racchetta Sweet Pickle.

Il pickleball è adatto anche ai non sportivi

A vederlo così, sembra una specie di gioco con i racchettoni che ricorda il piacere e la spensieratezza delle sfide sulla battigia. «In effetti» continua Di Giulio «l’approccio è molto semplice, adatto non solo agli sportivi». In Europa, al momento, gli appassionati sono 13.000 ma negli Stati Uniti se ne contano già oltre 4 milioni e mezzo. Kim Kardashian si diverte a giocarlo anche nel suo reality di famiglia Keeping up the Kardashians, e su un campo da pickleball Bill Gates ha conquistato la (ormai ex) moglie Melinda. «Negli States i campetti sono diffusi quanto quelli da basket e tutti hanno sempre una racchetta nello zaino o in borsa, così quando si ritrovano in quattro sotto casa si mettono a giocare» racconta l’esperto. «Non serve una forma fisica perfetta perché la palla viaggia a un terzo della velocità, quindi è più facile da prendere. E visto che il campo è più piccolo si corre meno».

Poche regole e tanto divertimento

A questo si aggiunge il fatto che le regole da imparare sono pochissime: chi batte manda la palla in diagonale dall’altra parte e chi risponde deve prima farla rimbalzare: se sbaglia, il punto va all’avversario, altrimenti c’è il cambio battuta, come nella vecchia pallavolo. Questo però non vuol dire che sia poco impegnativo. Gli scatti continui richiedono un bel dispendio energetico. In più, stare piegati sulle gambe fa lavorare tanto i muscoli. Una cosa è certa: le partite possono essere così divertenti e adrenaliniche da creare dipendenza. Ellen De Generes ha dichiarato di essere ormai ossessionata dal pickleball, a tal punto da non riuscire a fermarsi neanche quando è stanca e sente che il mal di schiena è dietro l’angolo!

Giocare a ping pong mantiene giovane il cervello

VEDI ANCHE

Giocare a ping pong mantiene giovane il cervello

Il successo del padel

A far ben sperare per il futuro di questo nuovo sport in Italia è la felice evoluzione di un’altra disciplina, il padel, partito in sordina ed esploso negli ultimi 2 anni: qui la pallina da tennis non va solo rilanciata all’avversario, si continua a giocare anche quando viene respinta dalle pareti di vetro che circondano il campo. Il risultato sono evoluzioni e sfide all’ultimo respiro che hanno conquistato vip come Fiorello, Claudia Gerini e Francesco Totti, che si è fatto il campo nel giardino di casa.

Adesso è persino nata una start up, per organizzare in pochi clic partite in tutta Italia e diffondere ovunque club dedicati con campi, spazi per il benessere e angoli per lo smartworking dove nascono amicizie e relazioni professionali sul terreno della comune passione sportiva. Per presentare Z Padel, così si chiama la start up, in piazza Gae Aulenti, a Milano, sono arrivati 2 campi temporary che ogni giorno vengono letteralmente presi d’assalto (si può giocare fino al 23 agosto, prenotando su zpadelclub.com). Ed è ormai padel mania anche in tantissime altre città: a Roma basta una passeggiata lungo il Tevere per vedere tantissimi campi azzurri chiusi da vetri. In tutta Italia ce ne sono adesso oltre 3.000: erano appena 70 solo 4 anni fa.

Stasera tutti a Wimbledon: come giocare a tennis in casa

VEDI ANCHE

Stasera tutti a Wimbledon: come giocare a tennis in casa

Gli “sport minori” derivati dal tennis

Ma come si spiega il successo repentino di questi “sport minori” derivati dal nobile e antico tennis? «Sono intuitivi e coinvolgenti» spiega Elisabetta Bianchi, giocatrice di pickleball, che sta studiando il progetto per portarlo anche nelle scuole. «Quando cominci a giocare a tennis per la prima volta, prendi una palla su 100 e servono mesi di allenamento per disputare una partita. Nel pickleball, invece, su 10 palle al massimo ne perdi una e appena prendi le misure, tempo qualche giorno, puoi già sfidarti nelle partite e divertirti». Non è poco in un’epoca di feedback immediati e interazioni veloci.

«A padel possono giocare tutti» aggiunge Gaia Brunelli, giornalista sportiva di Sky (che ha acquistato i diritti del World Padel Tour) e coautrice di Quel fenomeno del Padel (Gribaudo). «Attira i ragazzi che oggi hanno più difficoltà di concentrazione ma anche le donne che, dopo i 40, a meno che non vengano da una storia sportiva, sentono di non avere molte alternative ai soliti yoga e Pilates. Tante mie amiche si sono rimesse in gioco provando di nuovo il brivido dell’agonismo. Per me è un’incredibile valvola di sfogo, una fonte di autostima costante. Il suono della pallina sui vetri è come una musica straniante che mi fa entrare in un’altra dimensione. Concentrandomi sulla coordinazione e i riflessi, svuoto la mente da tutto il resto e penso solo a divertirmi».

Il wave walking è lo sport dell’estate: a passo di marcia nell’acqua

VEDI ANCHE

Il wave walking è lo sport dell’estate: a passo di marcia nell’acqua

Il metabolismo è andato in lockdown? Riattivalo così

VEDI ANCHE

Il metabolismo è andato in lockdown? Riattivalo così

Riproduzione riservata