La Quinoa

La Quinoa

La Quinoa è una pianta erbacea tipica del Sud America, della quale si consumano soprattutto i semi ricchissimi di proteine (ben 14 grammi su 100 di prodotto!!!) . E’ considerata come uno pseudo-cereale, in quanto non contiene glutine,  per tal motivo è indicata come principale sostituto di pasta e riso nelle diete per la celiachia. Se abbinata ad ortaggi e verdure di stagione, in insalate e piatti freddi, costituisce una pietanza Veg completa con elevati valori nutrizionali. Ideale da consumare in spiaggia oppure in ufficio. Inoltre, il suo notevole contenuto proteico funge da attivatore ed acceleratore del metabolismo.

7 alimenti Veg iperproteici che non conoscevi

La dieta Vegana è fonte di benefici per corpo e mente, tuttavia è consuetudine cadere in errore fra chi segue questa filosofia alimentare non fornendo all’organismo tutti gli elementi di cui ha bisogno. I nutrienti più trascurati sono le proteine. Ecco sette alimenti vegetali iperproteici.

Il latte di soia : un'alternativa

Il latte di soia è una bevanda vegetale che addirittura rappresenta un pasto per le popolazioni orientale. Mediamente, in una normale tazza di latte di soia sono contenuti ben 7 grammi di proteine di origine vegetale. In alternativa al latte vaccino e caprino non solo per chi segue una dieta Vegana, ma anche per i sempre più numerosi intolleranti al lattosio. Notevoli , sono anche, le sue proprietà nutrizionali: privo di colesterolo, ma ricco di grassi insaturi ed amminoacidi essenziali. Un bicchiere di latte di soia a merenda è un’abitudine sana. Il suo sapore naturalmente dolce lo rende piacevole al palato, rinfrescando i caldi pomeriggi estivi.

Albicocche.... anche disidratate

Le albicocche sono dei frutti che appartengono alla stessa famiglia delle ciliegie, di fatti, anche per loro vale il detto : “una tira l’altra”! Tra le innumerevoli proprietà benefiche di queste piccole bacche vellutate è sicuramente da annoverare il loro ruolo nel preservare la vista, in quanto ricche in carotenoidi e vitamina A. Fonte di proteine vegetali, ne possono contenere fino a 5 grammi, per ogni porzione da 200. Per uno spuntino "spezza fame", associatele a tre noci, i cui oli essenziali sposano perfettamente gli effetti salubri delle albicocche. Comode da tenere in borsa, sono anche le albicocche disidratate.

Le alghe

Proprie dell’antica cultura orientale, le alghe stanno sempre di più facendosi strada tra le nostre tavole come condimenti, addensanti, integratori ed alimenti veri e propri. Classificate come uno dei prodotti più nobili per il loro contenuto in vitamine, minerali ed antiossidanti , ne esistono di diverse varietà: Kanten, Arame, Nori, Spirulina. Quest’ultima è una micoralga di acqua dolce le cui proprietà nutrizionali e terapeutiche sono da attribuire alla sua particolare composizione di calcio, ferro e beta-carotenoidi. Venduta essiccata, sottoforma di polvere viene usata come condimento, o di integratori in compresse, contiene una quantità di proteine  pari a circa il 65% del suo peso. Il risultato? Un effetto energizzante!

Dal frumento, al Bulgur

Il bulgur  è un prodotto di origine Turca, ottenuto cuocendo a vapore i semi di frumento di grano duro, successivamente essiccati e macinati grossolanamente. Essendo un derivato del frumento integrale, ne conserva le caratteristiche nutrizionali soprattutto come ottima fonte di fibre , queste svolgono un’azione benefica e anticancro sull’ intestino. Se è pure vero che,  da una parte,  le modalità di cottura del bulgur ne riducono il contenuto in vitamine del gruppo B (quindi idrosolubili), dall’altra, ne stabilizzano la consistenza  determinando un aumento della percentuale proteica. La spezie come il Curry  ed il peperoncino, ne amplificano i benefici. E’ un piatto unico da gustare freddo, oppure condito come un vero e proprio risotto.

Anacardi? Si, grazie!

Gli anacardi vengono catalogati come frutta secca, possiedono il 35% in peso in proteine, cioè circa 15 grammi su cento di alimento. Il loro elevato contenuto energetico in termini di calorie, ci tiene alla larga dal consumarli, si rischia di abusarne soprattutto durante gli aperitivi, tra una chiacchiera e una risata. Tuttavia dalle giuste dosi se ne può trarre beneficio. Sette anacardi in abbinamento a del succo di pompelmo che ne brucia i grassi in eccesso, è un aperitivo bilanciato, sfizioso e soprattutto Veg!  

Le fave

Le fave , tra i legumi, sono quelli con il più alto contenuto proteico, ovvero 27 grammi su 100 di prodotto edibile. Ancora una volta, i popoli asiatici, vantano il primato in ambito produttivo. Le diverse varietà si alternano nelle nostre cucine in accordo con il susseguirsi delle stagioni, a partire dalla primavera. In vendita sia fresche che essiccate, sono anche molto versatili nella preparazione. Inibiscono il senso di fame e per questo consigliate a chi segue dei regimi alimentari controllati. Un’insalata di fave, avocado e frutti rossi è un contorno particolare dagli effetti nutraceutici naturali, adatto a solleticare il palato degli ospiti e nutrire di benessere il nostro organismo.

Riproduzione riservata