L'acqua di mare ha tanti benefici

Vi stupirà scoprire i mille benefici di una vacanza al mare. Certo, ogni vacanza regala benessere, direte voi. Ma noi stiamo parlando, in modo particolare, di tutte le proprietà dell'acqua di mare che non tutti conoscono. O che, nella maggior parte dei casi, tendiamo a scordare.

L’acqua marina è la più completa acqua minerale esistente in natura perché possiede quasi tutti gli elementi presenti anche nel nostro organismo, come la vitamine E, alcuni microorganismi che rilasciano sostanze antivirali e antibatteriche e poi ancora potassio, magnesio, ferro e iodio.

Ma in che modo ci aiutano questi elementi presenti nell'acqua marina?

Al mare come alla Spa: i benefici di sabbia e acqua

A volte basta davvero poco per un benessere psico-fisico a 360 gradi: una manciata di sabbia e qualche goccia di acqua di mare e il gioco è fatto.

 

Le proprietà dell'acqua marina

Il primo e grandissimo potere dell'acqua di mare è quello di abbassare la pressione sanguigna. Ma vanta, grazie alla presenza massiccia del sale, proprietà antibatteriche e disinfettanti; non solo, stimola il metabolismo e il funzionamento della tiroide, favorisce la circolazione, aiuta la respirazione, tonifica i muscoli e infine è ideale contro reumatismi e dolori articolari.

E, se ancora tutto ciò non vi basta, l’acqua del mare è in grado di favorire il drenaggio dei liquidi, grazie ad un processo di osmosi. Ecco perché stare immersi a lungo può essere un vero e proprio toccasana.

E il tutto senza accennare agli innumerevoli benefici per la pelle!

Pelle rivitalizzata con l'acqua di mare

Tanti vantaggi anche per la pelle non solo del corpo ma anche del viso: l'acqua marina ha infatti un’azione vitalizzante, detergente e soprattutto antibatterica. Non bisogna dimenticare che le sue infinite proprietà intervengono contro i batteri e contro le infiammazioni della pelle.

Grazie alla presenza di sodio, rame e zolfo, chi soffre di disturbi dermatologici, come acne, eczema, la psoriasi e alcuni tipi di eritemi può trarre giovamento da lunghe permanenze in acqua: persino la pelle più impura al mare grazie a sale e sole si asciuga e migliora.

Le virtù della sabbia

Ma l'aiuto al nostro benessere in una vacanza al mare non ci arriva solamente dall'acqua, ma anche dalla sabbia.

Approfitta del naturale idromassaggio che puoi avere stando semplicemente seduta sulla battigia: non c’è niente di meglio che lasciarsi cullare da un dolce massaggio che aiuta il tuo corpo a rilassarsi e mette a contatto la tua pelle direttamente con la sabbia.

Devi infatti sapere che la pelle a contatto con la sabbia riesce perfino ad assimilare i sali minerali dei piccoli granelli e i residui organici delle alghe. Un vero e proprio toccasana!

La sabbia: uno scrub naturale

La sabbia è un fantastico scrub naturale: è infatti in grado di eliminare le cellule morte e allo stesso tempo accelera il processo di rinnovamento della pelle (mi raccomando solo del corpo perché sarebbe troppo aggressiva se utilizzata per un'esfoliazione del viso).

Quando siete distese in spiaggia prendete l'abitudine di passarvi piccole manciate di sabbia su gambe e braccia con movimenti costanti e circolari, dal basso verso l'alto.

E per finire le sabbiature

La classica sabbiatura che si basa sulla capacità dei granelli di cedere calore senza ustionare e sull'azione dei sali dell’acqua marina ha virtù eccezionali soprattutto per chi soffre di reumatismi o artrite.

Ti basta scavare una buca profonda circa dieci centimetri distendersi all'interno ricoprendo il corpo con uno strato di due o tre centimetri di sabbia (lasciando ovviamente la testa fuori dalla sabbia) e restarci per non più di 10 minuti alla volta.

Con qualche accortezza da seguire nei momenti che precedono e seguono la sabbiatura: bevi almeno mezzo litro di acqua prima di iniziare la sabbiatura e, una volta finito resta all'ombra per almeno una ventina di minuti (il doppio del tempo passato sotto la sabbia) avvolte in un asciugamano. Infine, un tuffo in acqua è perfetto per completare il tuo percorso benessere.

Riproduzione riservata