I funghi medicinali

Forse nella nostra tradizione Occidentale i funghi non sono sempre stati visti proprio come elisir di benessere, ma nel lontano Oriente, quella dei funghi medicinali è una tradizione davvero millenaria. Pensate che il primo utilizzo di questo tipo di medicina sembra risalire addirittura a oltre 5mila anni fa. E così, mentre Cina e Giappone hanno fatto largo uso di questo tipo di 'cura', noi li abbiamo tenuti a distanza ritenendoli persino pericolosi per la nostra salute. Salvo poi accorgerci, grazie a numerosi e consolidati studi scientifici, che dispongono di incredibili proprietà terapeutiche.

Ne abbiamo parlato con un'esperta, la naturopata Giuliana Adami, che ci ha raccontato quali sono i benefici di questi medicinali.

Funghi medicinali: rimedi millenari per la salute

Già migliaia di anni fa in Oriente alcune specie di funghi erano conosciute per le loro rinomate proprietà terapeutiche. Scopriamo tutti i benefici per il nostro benessere.

Più di 5mila anni fa, in Oriente (parliamo soprattutto di Cina e Giappone), alcuni funghi erano conosciuti e utilizzati per le loro ottime proprietà terapeutiche. Pensate che alcune specie erano considerate vere e propri elisir di lunga vita tanto che solo alcune 'personalità' erano autorizzate a farne uso. E, a quanto pare, il loro grande potere curativo è arrivato fino a nostri giorni.

Sfoglia la gallery per scoprire quali sono i funghi medicinali ideali per la nostra salute.  

Le proprietà dei funghi medicinali

"Esistono più di 14mila specie di differenti funghi in natura e il 5% possiede proprietà medicinali. Questo significa che sono circa 7mila i funghi che potremmo definire terapeutici", spiega Giuliana Adami che spiega come alcuni componenti siano trasversali a moltissimi funghi. "Alcune proprietà interessano molte specie", continua l'esperta, "grazie ad esempio alla fortissima presenza di polisaccaridi e in modo particolare di betaglucani, sono in grado di rinforzare e riequibrare il sistema immunitario. Non solo: hanno una grande azione anti-infettiva, prebiotica, antiossidante ed epatoprotettiva". Sono inoltre ricchi di vitamine e sali minerali e per questo fonte di benessere psicofisico.

Reishi, il fungo dell'immortalità

Il Reishi, che in Cina è addirittura soprannominato il fungo dell'immortalità e venerato come uno dei più importanti elisir, ha la funzione di stimolare il sistema immunitario e aumentarne le difese. "In questo periodo quindi, ma durante tutti i cambi di stagione in genere", spiega l'esperta, "si possono sfruttare le sue capacità toniche ed energizzanti".

Ma questo fungo ha anche altre proprietà: "È infatti in grado di trattare problematiche delle vie respiratorie, disturbi gastrici ed è ipoglicemizzante, riesce cioè a regolare la quantità di zucchero nel sangue, e quindi utile per coloro che hanno un diabete di tipo 2", sottolinea la naturopata.

Maitake, il più potente

Il Maitake, molto conosciuto e utilizzato in Giappone, "grazie alle potentissime proprietà dei polisaccaridi contenuti in esso può diventare un validissimo supporto durante le cure chemioterapiche alleviando e aiutando a contrastarne gli effetti collaterali", continua Giuliana Adami.

Il leggendario Shiitake

Un altro fungo dalle proprietà curative leggendarie, oltre che il più conosciuto e diffuso, è senza dubbio lo Shiitake, tanto che viene spesso utilizzato anche in cucina perché grazie al suo sapore gustosi, si presta a numerose cotture e ricette.

"Lo Shiitake", racconta l'esperta, "è ricco di sali minerali, vitamine del gruppo B, aminoacidi e minerali come il potassio, il fosforo, il magnesio, il calcio, il ferro e molti altri. È in grado non solo di abbassare la pressione e tenere a bada i livelli di colesterolo, ma è anche un ottimo alcalinizzante tanto che riportando in equilibrio il pH riesce a curare l'uricemia alta e, di conseguenza, la gotta".

Dove trovare e come assumere i funghi medicinali

"I funghi", conclude la naturopata, "si possono trovare sotto forma di integratori in tutte le farmacie ed erboristerie ed è utile assumerli dalle 2 alle 3 volte al giorno. La loro efficacia è stimolata dall'utilizzo di vitamina C a cui vanno sempre abbinati. Il mio consiglio è naturalmente sempre quello di evitare comunque il 'fai-da-te' e affidarsi alle mani di un esperto e, nei casi di altre patologie in corso, di chiedere sempre il parere del medico curante e, in nessun caso, interrompere la consueta terapia".

Riproduzione riservata