Gambe leggere in primavera, cosa mangiare

Come dare il benvenuto alla primavera se non con gambe scattanti e toniche? Invece, finito l'inverno, spesso ci si porta in dote anche una pesantezza insopportabile agli arti inferiori. Per non parlare di cuscinetti, ritenzione idrica o vera e propria cellulite.

Per riconquistare velocemente la leggerezza perduta, è bene modificare lo stile di vita a cominciare dalla dieta: no a sodio (sale, salumi, alimenti precotti e conservati) e alcol, sì a cibi sgonfianti e tanta acqua.

In più: infusi drenanti, attività fisica aerobica (nuoto, corsa, camminata, bicicletta) e idroterapia.

Gambe in forma: cosa mangiare

Festeggia la primavera con gambe leggere e toniche: ti diciamo cosa e come mangiare (e bere) per sconfiggere pesantezza e gonfiori.

Scorpacciate di mirtilli

Sprint alla circolazione

Le gambe gonfie non sempre sono anche "grasse", anzi spesso questo tipo di silhouette (appesantita a livello degli arti inferiori) è dovuta a un microcircolo rallentato e alla ritenzione di liquidi nei tessuti. Quindi, ripristinare la corretta circolazione venosa è senza dubbio la prima strategia da seguire: attività fisica costante, postura corretta, abbigliamento comodo e che non stringa, calzature adeguate (né piatte né a spillo) e alimenti ad hoc. Tra questi ultimi, non possiamo dimenticare i mirtilli.

Il mirtillo è un vero e proprio toccasana per la salute e la bellezza delle gambe (e non solo): ricco di preziosi acidi organici (malico, citrico), antiossidanti come gli antociani, minerali e vitamine (soprattutto C e A), questo piccolo frutto protegge i capillari.

Ma non solo, gli antociani agiscono beneficamente anche sulle infezioni delle vie urinarie e quindi si rivelano efficaci per esempio in caso di cistite.

Asparagi anticellulite

Depurati per bene

Per debellare la ritenzione idrica e dare una mano alla lotta contro la cellulite, fai il pieno di asparagi. Questi ortaggi primaverili, infatti, si dimostrano eccezionali nel favorire la diuresi e, dunque, l'eliminazione dei liquidi in eccesso (trattenuti proprio nei tessuti).

Quindi, perché non approfittare della primavera per gustare più asparagi? Sono ottimi cucinati in ogni modo, se soffri di cellulite però meglio evitare gli abbinamenti con formaggi o salumi preferendo il classico uovo al tegamino oppure risotti preparati con riso integrale, brodo vegetale e olio (senza burro né dado).

Ciliegia drenante

Polpa e peduncoli

Gustare un frutto goloso e sgonfiare le gambe: puoi con le ciliegie. E della ciliegia si utilizza tutto: i peduncoli, infatti, possono essere usati per preparare decotti drenanti estremamente efficaci contro ritenzione idrica e cellulite.

Invece, per quanto riguarda polpa e buccia, la ciliegia contiene: fibre, vitamine e minerali benefici come il potassio (dall'effetto drenante). Non mancano, poi, antiossidanti come i flavonoidi, che vanno a contrastare la produzione e l'azione dei radicali liberi. Infine, alla ciliegia sono riconosciuti anche un'azione sedativa e un effetto antidolorifico-antireumatico.

Vite rossa per la circolazione

Potere agli antiossidanti

La salute e la bellezza delle gambe sono strettamente correlate a una corretta circolazione. Per favorirla, oltre a uno stile di vita sano e attivo, possono essere indicati anche integratori specifici.

Tra questi ultimi, le sostanze più benefiche sono gli antiossidanti. Per esempio, nelle foglie della vite rossa sono contenuti numerosi principi attivi che contribuiscono ad alleggerire le gambe pesanti, ripristinando il corretto microcircolo e proteggendo le pareti venose. Questi super principi attivi sono i bioflavonoidi, dalla riconosciuta azione protettiva e antinfiammatoria.

Come assumere la vite rossa? Attraverso la tintura madre, come estratto secco per infusione.

Acqua con astuzia

Idratarsi spesso

Sconfiggere gonfiori e pelle a buccia d'arancia è un'impresa ardua. Però, con le strategie furbe, può risultare anche più semplice del previsto.

Tra le mosse ad hoc, non bisogna mai dimenticare di bere acqua. Non è necessario scolarsi intere bottiglie in poco tempo, anzi: meglio portarsi sempre dietro la bottiglietta dell'acqua e bere spesso ma a piccoli sorsi.

Quale acqua? Per drenare, è meglio che sia povera di sodio. Un altro suggerimento, antico ma sempre validissimo, è bere lentamente un bicchiere di acqua tiepida e limone appena sveglie per favorire l'eliminazione di liquidi e tossine in eccesso.

Infusi sgonfianti all'ora del tè

Una buona abitudine

In primavera, trasforma l'ora del tè nel momento dell'infuso sgonfiante. Sarà sufficiente rifornirsi di tisane drenanti e snellenti, sia già pronte (in filtri) sia in foglie, fiori e "legnetti".

Piante molto efficaci per la bellezza delle gambe e utilizzate in fitoterapia, sono: la centella, la betulla e la gramigna. Questi infusi e decotti possono essere alternati al consumo di tè verde, un altro alleato di gambe belle e sane (antiossidante, diuretico, bruciagrassi).  

Perché facciano effetto, però, sarebbe opportuno "estendere" il momento dell'infuso fino a consumarne tre tazze al giorno (preferibilmente lontano dai pasti). E senza zucchero, per non vanificarne gli effetti benefici su linea e benessere.

Riproduzione riservata