lampone frutto dei miracoli

Da qualche tempo è protagonista dei talk show americani. No, non è un attore da Oscar né un giornalista di grido, ma il lampone, piccolo frutto rosso dalle innumerevoli proprietà, ora molto gettonato anche tra chi è a dieta.

«Il lampone, in effetti, è ricco di fibre che favoriscono il senso di sazietà e fanno sì che gli zuccheri che mangiamo non vadano immediatamente in circolo per essere trasformati in grasso» spiega Francesca Scarlatti, biologa nutrizionista a Torino. «In più, ha un pool di sali minerali, come calcio, potassio e magnesio che lavorano insieme per favorire lo smaltimento di liquidi e tossine, depurando e riducendo i gonfiori». Nel lampone, infine, c’è uno speciale chetone che stimola la produzione di adiponectina (ormone che agisce sul  metabolismo e induce l’organismo a bruciare i grassi per produrre energia) e che fa calare l’appetito.

Morale: se sei a dieta, il frutto rosso ti aiuterà a raggiungere più in fretta i risultati. Ma ti farà anche bene, perché ha tante altre proprietà.

Le proprietà del lampone, il frutto dei miracoli

È un fantastico bruciagrassi, combatte le rughe e guarisce il mal di gola. Sarà per questo che piace tanto alle star di Hollywood?

GLI ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Non solo lamponi: ecco le altre varietà che, grazie alla concentrazione di micronutrienti, contribuiscono al nostro benessere

 I mirtilli sono tra i frutti più ricchi di antociani, che proteggono le pareti dei piccoli vasi sa

I mirtilli sono tra i frutti più ricchi di antociani, che proteggono le pareti dei piccoli vasi sanguigni; mangiali tutti i giorni se vuoi combattere la ritenzione idrica e le teleangectasie, cioè la dilatazione dei capillari sulle gambe.
Il mirtillo rosso (cranberry) è un disinfettante dell’apparato urinario: puoi utilizzarlo, sotto forma di integratori o di succo, se soffri di cistiti ricorrenti.
Il ribes (nero o rosso) è molto ricco di vitamina C (in 250 ml di frutto trovi la stessa quantità di tre arance) che ti aiuta a combattere le infezioni e rinforza il collagene, la proteina che dà sostegno alla pelle. In più, ha una azione simile al cortisone; perciò il suo macerato glicerico funziona da antistaminico e antiallergico.
Le more sono molto ricche di acido folico: se aspetti un bambino tienilo presente e mangiale appena puoi; vantano anche un buon contenuto di proantocianidine, utili per proteggere le cellule dall’ossidazione, rallentando l’invecchiamento.
Le fragoline di bosco sono un’ottima fonte di magnesio, che ha un’azione drenante; perfette quindi per ridurre i gonfiori e abbassare la pressione. Consumale da sole o nella macedonia: se aggiungi il limone intensifichi l’azione dei loro antiossidanti antietà.

Il lampone è antiage e antitumorale

Il lampone è ricco di antociani e acido ellagico, due efficaci antiossidanti. «Entrambi rallentano l’invecchiamento delle cellule e aiutano a prevenire i tumori, soprattutto quelli dell’intestino» spiega Rosanna Pilia, naturopata ad Alessandria.

Il lampone rinforza le difese e fa bene alla pelle

L’alto contenuto in vitamina C di questo delizioso frutto (oltre 200 mg per un etto) ne fa un alleato potente per il sistema immunitario.

Per combattere le rughe e rassodare il viso, punta sul lampone. Ha un potente effetto antiage grazie al suo alto contenuto di preziose vitamine: la C, che favorisce la produzione di collagene, e la A che protegge le cellule e rallenta l’invecchiamento.

Il lampone contrasta la gastrite e i disturbi del ciclo

Lo dice uno studio condotto dal Centro ricerche di San Michele dell’Adige pubblicato sulla rivista scientifica Plos: gli ellagitannini contenuti in questo frutto (e nelle more) proteggono le mucose dello stomaco.

«Sotto forma di macerato glicerico, venduto in farmacia, il lampone aiuta a riequilibrare gli ormoni femminili» aggiunge la naturopata Rosanna Pilia. «Utilizzalo per attenuare i dolori del ciclo e i sintomi della sindrome premestruale, come il gonfiore, la tensione mammaria e l’irritabilità».

Il lampone risveglia l'intestino ed è antinfiammatorio

Il frutto, con il suo carico di fibre, è un efficace antidoto alla stipsi. E lo sono anche le foglie, usate sotto forma di infuso. Mettine 2 cucchiai in un litro d’acqua bollente, fai bollire per 10 minuti e prendine 2 tazze al giorno.

«L’infuso di foglie di lamponi può essere usato come collutorio se soffri di stomatiti, gengiviti e per qualsiasi altra infiammazione orale. Ma anche per fare gargarismi contro il mal di gola o, ancora, come impacco per gli occhi gonfi e stanchi» aggiunge la naturopata.

Come sfruttare i benefici del lampone

A crudo «Il modo migliore per beneficiare delle proprietà del lampone è mangiarlo fresco, ancora meglio appena colto al giusto grado di maturazione», spiega la nutrizionista Francesca Scarlatti. «A casa, tieni i lamponi in frigorifero e coprili: la luce dimezza il contenuto di vitamina C».

Essiccato  Il lampone secco è una buona alternativa quando non riesci a procurarti il frutto fresco. «È ricco di minerali, come il potassio, ma concentra gli zuccheri e, quindi, le calorie» avverte la nutrizionista. «Perciò, utilizzalo come spuntino e non a fine pasto. Se lo compri confezionato, verifica che non ci siano zuccheri e oli aggiunti né anidride solforosa che può scatenare allergie.

Il succo  Esistono integratori alimentari in forma liquida a base di estratto di lampone, che ne concentrano alcuni principi attivi, per esempio il chetone. Utilizzati durante una dieta dimagrante: riducono l’appetito e aiutano a bruciare i grassi.

Il macerato glicerico  Questo estratto fitoterapico è ricavato dalle gemme e dai germogli della pianta diluiti in acqua, alcol e glicerina. Lo trovi in farmacia e se ne prendono circa 30 gocce, due volte al giorno.

Riproduzione riservata