Lunga vita alla lavastoviglie 

Filtro sempre pulito, mai troppo detersivo, cicli a bassa temperatura. La tua lavapiatti lavorerà alla perfezione. E alleggerirà persino la bolletta

di Simona Bruscagin
Credits: 

Shutterstock

 

Sapevi che la lavastoviglie consuma meno acqua ed energia? Per lavare a mano la stessa quantità di piatti ci vogliono circa 40-45 litri di acqua, mentre l’elettrodomestico ne utilizza solo 7-8. Il segreto? La ricicla. Risparmia anche elettricità: i modelli più efficienti (quelli in classe A+++ o A++) scaldano l’acqua alla temperatura minima e, per i cicli rapidi, consumano in media 0,7 kWh. Ultimo vantaggio: non sprechi tempo . Per caricare e scaricare la lavapiatti ci vogliono 15 minuti contro i 45 della durata di un lavaggio a mano.

COME TRATTARLA BENE
• Pulisci il filtro con regolarità: le impurità e i depositi ostacolano lo scarico dell’acqua e il buon lavaggio. Se scegli un modello con filtro autopulente la manutenzione è ridotta al minimo.
• Aggiungi sempre nel contenitore il sale specifico che previene la formazione del calcare.
Carica i cestelli controllando che non impediscano ai bracci rotanti di muoversi e che i forellini delle pale siano liberi: così l’acqua potrà raggiungere tutte le stoviglie.
• Non usare più detersivo del necessario: una quantità eccessiva non lava meglio, inquina e rimane sulle stoviglie. Puoi sceglierlo in polvere, liquido oppure in pastiglie complete di detersivo, ammorbidente e sbiancante già regolati nella giusta quantità.

COME CONSUMARE MENO
• Ricorda che 45 gradi sono più che sufficienti per lavare piatti e stoviglie mediamente sporchi: una temperatura maggiore rappresenta un inutile spreco di energia.
Evita di fare il prelavaggio e lava solo a pieno carico.
• Se lo sporco non è incrostato usa l’opzione “eco” che riduce mediamente del 25% la durata dei lavaggi base.
• Per non sbagliare il programma scegli modelli dotati di sensori in grado di definire da soli il più adatto al tipo di carico.
• Salta l’asciugatura con aria calda: apri lo sportello alla fine del lavaggio e lascia asciugare naturalmente le stoviglie: taglierai il consumo di energia del 45 %.
• Se opti per un modello con connessione da remoto (quello che consente di controllare il funzionamento quando sei fuori casa), puoi verificare all’istante il consumo di elettricità in base alla fase del programma che hai selezionato.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
casa/fai-da-te/uso-manutenzione-lavastoviglie$$$Lunga vita alla lavastoviglie
Mi Piace
Tweet