Cancro: si previene mangiando poco, ma non pochissimo

Credits:
1 3

Lo sapevamo da tempo: i chili in eccesso, oltre ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e diabete, favoriscono certi tipi di cancro, come quelli al colon, al seno e all’endometrio (la parete che riveste l’utero).
E la magrezza? Nell’opinione comune è considerata garanzia di lunga vita. Le cose, però, non stanno esattamente così. Un recente studio dimostra infatti che anche essere troppo magri può avere effetti negativi sulla salute. Confrontando le più importanti ricerche internazionali sul rapporto tra basso peso e tumore, si è scoperto che il primo è un fattore di rischio per il secondo. «Detto in parole più chiare» spiega Luigino Dal Maso, epidemiologo e biostatistico del Centro di riferimento oncologico di Aviano (Pn), «le persone molto magre hanno probabilità più elevate di sviluppare tumori del cavo orale e delle alte vie aerodigestive, come faringe e laringe».
Carlo La Vecchia, epidemiologo dell’Istituto Mario Negri e dell’università Statale di Milano, che pure ha partecipato allo studio, precisa che il basso peso non è sufficiente: «In genere sono coinvolti altri fattori. I pazienti con cancro a cavo orale, faringe o laringe quasi sempre sono grandi fumatori e bevitori. È vero, però, che la magrezza, la cattiva e scarsa alimentazione giocano un ruolo significativo. Se un fumatore/bevitore ha un rischio aumentato del 25 per cento di ammalarsi di questo tipo di tumori rispetto a individui che non fanno uso di alcol né di tabacco, in un fumatore-bevitore molto magro il rischio sale al 50 per cento».

Nella foto, la piramide alimentare elaborata dal Dipartimento dell’agricoltura degli  Stati Uniti: ogni spicchio indica la quantità di alimenti, suddivisi per categoria, da assumere ogni giorno.

/5

Sapevamo già che i chili di troppo aumentano il rischio di alcuni tumori. Ora, però, gli scienziati hanno dimostrato che anche l’eccessiva magrezza è pericolosa. Per questo l’Airc invita tutti a seguire una dieta equilibrata e a sostenere i suoi studi.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te