• Home -
  • Salute-
  • Vitamina D amica della fertilità

Vitamina D amica della fertilità 

Recentemente la ricerca scientifica ha evidenziato un importante ruolo della vitamina D nel processo riproduttivo

di Alessandra Montelli
Credits: 

Photoshot

 

Secondo una revisione sistematica della letteratura, differenti studi hanno evidenziato associazioni tra vitamina D e fertilità, sia per i maschi, sia per le femmine.

Dall’analisi dei risultati pubblicati fino al 2011 risulta che il recettore della vitamina D (VDR) e gli enzimi del suo metabolismo si trovano in tessuti riproduttivi sia maschili sia femminili.

Inoltre, esistono prove che la vitamina D è coinvolta nella riproduzione femminile tra cui la fecondazione in vitro (IVF) e la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). Nelle donne con PCOS, si trova una inferiore concentrazione plasmatica di 25-idrossivitamina D (25 (OH) D). Questi livelli vengono generalmente associati a obesità e sindrome metabolica.

Quindi, nelle stesse donne, l'integrazione con vitamina D potrebbe migliorare i disordini mestruali e le patologie metaboliche. Pare anche che la vitamina D possa influenzare la steroidogenesi degli ormoni sessuali (estradiolo e progesterone) in donne sane e ancora, elevati livelli plasmatici di 25 (OH) D potrebbero essere associati all’endometriosi.

Negli uomini, la vitamina D è correlata positivamente con la qualità dello sperma e con lo stato degli androgeni. Infine, un’integrazione con la vitamina D sembra aumentare i livelli di testosterone e l’incidenza di osteoporosi negli uomini con patologie testicolari, nonostante i livelli di testosterone appaiono normali.

(Fonte: Eur J Endocrinol. 2012 Jan 24. Vitamin D and fertility-a systematic review)

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
salute/vitamina-D-fertilita$$$Vitamina D amica della fertilità
Mi Piace
Tweet