sapone di castiglia

Sapone di Castiglia, ecco perché devi conoscerlo e come riduce il tuo impatto ambientale

Delicato e versatile, il sapone di Castiglia può essere utilizzato in tanti modi diversi. Ecco i principali

Un sapone dai mille usi, completamente green e a zero impatto ambientale. Tra tutti i saponi in commercio, il sapone di Castiglia puro, a base di oli vegetali, è stato lodato per anni come più delicato e più versatile di qualsiasi altro simile in circolazione. Ecco come usare il sapone di Castiglia e quali sono le sue proprietà benefiche.

Cos'è il sapone di Castiglia?

Originariamente chiamato in questo modo perché ottenuto con i saponi a base di olio d'oliva della Castiglia, in Spagna, oggi questo sapone è composto da olio di oliva e una varietà di altri oli, tutti di origine vegetale, come quello di cocco, canapa, mandorle e olio di noci. Il sapone di Castiglia, probabilmente, è stato il primo sapone bianco dalla consistenza solida della storia. Prima di questo era diffuso il sapone di Aleppo, che è sempre stato caratterizzato da un colore verde. In origine era prodotto con olio di oliva e olio di alloro. Il sapone di Castiglia, che si trova in commercio sia in forma solida che liquida, mischiato all'acqua, è in grado di catturare lo sporco ed eliminarlo efficacemente.

In cosa si differenzia dagli altri saponi?

Una prima differenza sostanziale, che distingue il sapone di Castiglia dagli altri saponi tradizionali è la sua natura 100% vegetale. I normali saponi utilizzano il sego (noto anche come grasso animale), non così il sapone di Castiglia che, dunque, rappresenta un'alternativa vegana e cruelty free. Altri saponi e prodotti per la pulizia possono contenere anche detergenti aggressivi, mentre il sapone di Castiglia puro è totalmente naturale, non tossico e biodegradabile. Ed è proprio per questo che può essere utilizzato sia come prodotto di bellezza (può essere impiegato anche in caso di pelle irritata o condizioni come la dermatite atopica) che come detergente per la casa, per pulire efficacemente tutto, dal viso ai rubinetti. È anche super conveniente, quindi sostituire più prodotti con questa soluzione per tutti gli usi può essere un ottimo modo per risparmiare non solo spazio, ma anche sul budget famigliare.

I migliori usi per il sapone di Castiglia

In verità, non c'è molto che non si possa fare con il sapone di Castiglia che, puro, è concentrato e deve essere diluito con acqua. Il rapporto esatto dipende dall'utilizzo che se ne fa.

Il sapone nella beauty routine green. Il sapone di Castiglia può essere usato come detergente per il viso, bagnoschiuma, shampoo, crema da barba. Per tutti questi utilizzi sarà sufficiente mescolarlo ed emulsionarlo con acqua tiepida. Poiché non contiene alcuna sostanza "pericolosa", tutta la famiglia può ricorrervi. Funziona anche come un ottimo shampoo per cani.

Per uso domestico. Diversi sono gli utilizzi di questo sapone per la pulizia della casa. A seconda della superficie da trattare, cambiano le proporzioni di sapone e acqua.

  • Per un detergente multi-superficie, mescola 1/4 di tazza di sapone con un litro d'acqua.
  • Detersivo per piatti: usa una parte di sapone di Castiglia in 10 parti di acqua.
  • Detergente per pavimenti: mescola 1/2 tazza di sapone con tre litri d'acqua.
  • Detersivo per bucato: aggiungi da 1/3 a 1/2 tazza di sapone per carico e aggiungi 1/2 tazza di aceto al ciclo di risciacquo.
  • Repellente per insetti per le piante: mescola un cucchiaio di sapone con un litro d'acqua.

Quando non utilizzarlo

Ancora una volta, a patto di diluirlo correttamente, non ci sono molte controindicazioni all'uso del sapone di Castiglia. Alcuni avvertimenti: non è un'ottima opzione shampoo per i capelli colorati, poiché può eliminare le molecole di tintura e sbiadire in fretta. Inoltre, non è consigliato combinare prodotti acidi, seppur naturali, come aceto o succo di limone, con il sapone di Castiglia perché anch'esso alcalino. Le due sostanze, quindi, si neutralizzerebbero a vicenda, provocando la formazione di una pellicola residua su qualsiasi cosa tu stia cercando di pulire. Tuttavia, il sapone di Castiglia a volte può lasciare depositi di sale, quindi quegli acidi possono tornare utili in seguito. Ad esempio, prova a usare un risciacquo con aceto di mele sui capelli dopo lo shampoo con sapone di Castiglia o a immergere i piatti lavati con questo sapone in una soluzione di acqua e aceto. 

Come fare il sapone di Castiglia in casa

Cosa occorre per produrre il sapone di Castiglia fai da te:

  • 1 chilo di olio di oliva
  • 300 grammi di acqua distillata
  • 125 grammi di soda caustica
  • 10 ml di olio essenziale di lavanda
  • Bilancia di precisione
  • Mestolo di legno
  • Caraffa in vetro
  • Pentola di acciaio inox
  • Termometro da forno
  • Frullatore a immersione
  • Contenitori in plastica da utilizzare come stampi
  • Maglioni vecchi di lana
  • Guanti di gomma resistente
  • Occhiali o mascherina

Tutti i passaggi

  • Indossa tutte le protezioni: guanti e mascherina.
  • Versa la soda caustica nell'acqua dentro la caraffa. Non fare il contrario perché è pericoloso: prima l'acqua e poi la soda.
  • Metti l'olio a scaldare nella pentola a fiamma dolce e aspetta che arrivi a 40-50°.
  • Versa la soda diluita, prestando molta attenzione.
  • Con il frullatore a immersione, frulla delicatamente, finché non si addensa.
  • Aggiungi il tuo olio essenziale preferito e mescola: volendo puoi anche unire spezie, alghe, erbe officinali o altri elementi naturali per potenziare il profumo e i benefici del sapone.
  • Dopo aver mescolato bene il composto, versalo negli stampi. Ricopri con dei vecchi maglioni di lana e lascia riposare per 24 ore.
  • Trascorso il tempo, togli il sapone dagli stampi per tagliarlo nelle forme desiderate.
Riproduzione riservata