sesso-violento

Lui vuole fare sesso violento ma a me non piace

Fare l'amore è un modo per comunicare: anche a letto serve parlare. Se a lui piace un sesso violento e a lei no, occorre dirlo. Risponde la scrittrice Stella Pulpo

Leggi le altre lettere su Gli esperti consigliano

«Cara Stella, quando faccio esso col mio compagno, lo trovo violento. Per carità, non sono un’educanda, mi è sempre piaciuta una sessualità decisa, libera, diretta… ma adesso, per ragioni che non so, i miei gusti sono cambiati. Il fatto che lui debba essere quasi aggressivo, e che debba “inscenare un porno” (il repertorio di atteggiamenti è sempre lo stesso: ti afferro, ti tiro, ti strozzo, ti schiaffeggio), mi mette a disagio. Non lo trovo eccitante, lo trovo grottesco. Non mi sento sedotta, mi sento goffamente usata. E il piacere così lo confino ai momenti di autoerotismo» (M.P.)

Cara M.P., perché non provi a parlargliene? Nella mia modesta esperienza di confidente (dal vivo, delle amiche, e online, delle lettrici), mi pare un topos ricorrente: la difficoltà a comunicare ciò che desideriamo, quali fantasie abbiamo, ciò che ci piace e ciò che non ci piace. Perché è così difficile? Perché abbiamo paura di ferire l’altro, di esporci troppo (eppure il sesso dovrebbe servire esattamente a questo: spogliarci), di sentirci giudicati e incompresi. Dunque taciamo, incuranti del fatto che il sesso è molte cose, ha un miliardo di significati possibili, ma è soprattutto un atto di comunicazione (verbale, non verbale, fisica, cerebrale) tra due o più persone. Come facciamo a essere in sintonia, se non ci sentiamo l’un l’altro? Come facciamo a godere se non ci cogliamo, non comunichiamo e non ci scop(r)iamo più?

Il battibecco uccide il desiderio?

VEDI ANCHE

Il battibecco uccide il desiderio?

Un matrimonio senza sesso è accettabile?

VEDI ANCHE

Un matrimonio senza sesso è accettabile?

Riproduzione riservata