Se sei fan della manicure e non puoi perderti neppure una tendenza, dall’effetto lipgloss al double ombré french, fino alla versione micro, alcuni consigli possono rivelarsi essenziali. Insomma, in fatto di unghie te ne intendi e non puoi proprio rinunciare allo smalto, meglio ancora se semipermanente. È la scelta giusta per sfoggiare ogni giorno unghie impeccabili. Per quasi un mese puoi dimenticarti lo smalto, ma poi come togliere il semipermanente? Ecco alcuni modi facili e infallibili.

Come togliere lo smalto semipermanente

Dopo circa tre settimane, arriva il momento di togliere lo smalto semipermanente e dare un nuovo volto alle tue unghie. Però presta massima attenzione: la rimozione del gel semipermanente deve essere eseguita con cura. Il rischio è di danneggiare le unghie. Quindi procedi con calma, armati di pazienza e segui alcuni suggerimenti imprescindibili.

Il classico solvente per la rimozione dello smalto non è sufficiente quando si ha a che fare con il semipermanente. Esistono però dei prodotti ad hoc che ti aiutano a togliere il gel senza che ne restino tracce qua e là ed evitando di danneggiare le unghie. In alcuni casi, vantano persino proprietà preziose per le tue unghie, nutrendole e idratandole. La presenza di ingredienti emollienti, come l’olio di mandorle, li rendono dei veri toccasana. E allora, come farne a meno?

Come applicare il solvente

I solventi per lo smalto semipermanente sono facili da usare, ma prima di applicarli ricordati di curare le tue unghie. Quindi, limale con attenzione per togliere lo strato sigillante. Se dovessero restare alcuni residui, il risultato finale rischierebbe di non essere dei migliori. Quindi, applica un po’ di solvente su un dischetto in cotone o una salvietta e passalo sull’unghia. Prosegui con la fase di fissaggio, per la quale è necessaria semplicemente della carta stagnola.

Rimozione smalto semipermanente

In alternativa, se sei una vera esperta di manicure e disponi di qualsiasi attrezzo possibile, serviti delle apposite clip in silicone. Dopodiché lascia agire per circa 15 minuti. Riuscirai poi a togliere il gel senza alcuna difficoltà.

Rimozione smalto semipermanente

Se dovessi notare qualche residuo che fatica ad andarsene, non preoccuparti: ti basterà usare un bastoncino d’arancio. Puoi provare anche remover in gel, che sono più semplici e pratici da usare. Non sono dei normali smalti, non servono di certo per colorare l’unghia. Al contrario, basta applicarli con un pennellino per rimuovere il gel presente. Tra i numerosi prodotti disponibili sul mercato, prediligi quelli biologici e con ingredienti naturali.

Per non far mancare proprio niente alle tue unghie, idratale anche dopo la rimozione del gel semiperamente. Per dare loro nuovo vigore ed eliminare i punti più opachi, applica l’olio di mandorla (o prodotti che lo contengono). In alternativa, usa l’olio cuticole. Se nei tuoi cassetti questi ingredienti non sono presenti, niente panico: c’è una soluzione a tutto. Puoi optare per impacchi di crema mani o sbizzarriti con trattamenti homemade. Per esempio, unisci in una ciotola 5 cucchiai di olio e 5 cucchiai di succo di limone, dopodiché non dovrai fare altro che immergere le dita per qualche minuto. È il modo giusto per sfoggiare unghie sane e forti.