sopraffatta

Cosa fare quando ci sentiamo sopraffatte da ciò che ci succede?

Gestire i momenti di crisi o di ansia quando ci si sente sopraffatti dalle circostanze è un processo in divenire. Non aspettarti di risolvere il problema da un giorno all’altro: dovrai costruire giorno per giorno la tua serenità mentale. Eccoti qualche consiglio!

Sei sopraffatta: hai bisogno di ritrovare la calma

Sei sopraffatta da ciò che ti succede. Pensi di aver toccato il fondo, e invece scopri che si può scavare ancora un pochino. Questi sono quei momenti in cui andare fuori di testa non ti servirà a niente. Fai un bel respiro, possibilmente un passo indietro e mettiti nell’ordine delle idee che questa situazione eccezionale, all’interno della tua vita, non è un’esperienza unica. Capita a tutti di sentirsi sotto pressione.

C’è chi reagisce in maniera sregolata quando di trova in mezzo alla folla, chi non riesce a mantenere la calma all’interno di ambienti troppo rumorosi e chi non riesce, invece, a sostenere l’impatto sociale di una festa non programmata. C’è chi odia le sorprese. Situazioni impreviste che possono stimolare negativamente la mente delle persone introverse o molto stressate.

Cosa succede quando la situazione che ci circonda diventa ingestibile? I rumori si fanno troppo forti, non riesci a concentrarti sul discorso che stai facendo o che ti sta venendo rivolto e, nel peggiore dei casi, si manifestano i sintomi di un attacco di panico di varia entità. I sintomi: vista sfocata, respirazione affannosa, sensi ovattati, torpore agli arti, eccessiva sudorazione. Sei andata nel pallone e ti senti sopraffatta.

La buona notizia è che capita a quasi tutte le persone. Sei in buona compagnia, e ci sono tanti metodi che possono aiutarti a risolvere un problema in apparenza così fuori controllo.

Prendi le distanze da ciò che ti succede, se puoi

Quello che ti sta accadendo richiede un’elaborazione particolare da parte della tua mente. Non sempre ci si può sottrarre subito dalla situazione che ci ha scatenato questa sensazione di essere sopraffatte. Nel caso in cui però sia possibile, esci immediatamente dalla stanza sovraffollata, oppure rifugiati in bagno o nell’abitacolo della tua macchina. Trova un posto tranquillo dove riflettere e ripulire la mente da questo momento di panico. A volte, ricalibrare la propria aspettativa sulla situazione può darci una mano per riprendere il controllo di noi stesse e rimuovere la sensazione di essere soverchiate.

Fai dei respiri grandi

Può sembrare una soluzione da sorpresina nella confezione delle patatine, ma la respirazione è uno dei metodi più efficaci per riguadagnare terreno su una mente che sta partendo per la tangente. Fare grossi respiri, inalando tanto ed espirando per fare rumore, ti aiuterà a ricalibrare la tua mente e sottrarti, anche solo per qualche minuto, da una situazione che sembra ingestibile. Questa tecnica richiede un po’ di pratica per poter essere efficace, ma saprà rivelarsi straordinariamente utile in molte occasioni in cui potresti sentirti sotto pressione.

Allontanati dai social media

Che facciano parte o meno della tua routine quotidiana, i social media sono fonte di negatività e sovra stimolazione per molte persone. C’è chi non se ne accorge nemmeno; chi accumula per mesi e poi esplode e chi ha capito che prendersi pause regolari dai social è la soluzione migliore per evitare il cortocircuito mentale. Alcuni studi affermano che circa il 38% delle persone iscritte ai social condividono regolarmente materiale d’opinione su materie politiche, sociali o in generale riguardanti tematiche sensibili. Indipendentemente dalle tue idee personali, c’è una grande probabilità che aprendo i social troverai notizie che in qualche modo polarizzano la tua opinione, facendoti arrabbiare o addirittura rattristandoti. Se ti trovi già in uno stato mentale un po’ alterato, non hai bisogno di gettare altra benzina sul fuoco. Prenditi una pausa fino a che non avrai di nuovo il controllo delle tue emozioni.

Concentrati sul tuo corpo

Qualsiasi cosa accada o possa accadere, l’unico punto fisso della tua vita sei tu. Prendersi cura di sé non è mai una perdita di tempo, specialmente se ci si trova in un momento in cui l’ambiente circostante ci sta sopraffacendo con la sua facoltà quasi magica di rovinare sempre tutto. Che tu voglia sentirti in pieno controllo di una situazione lavorativa, domestica o in famiglia, sappi che la prima cosa da fare è quella di ritagliarsi un momento per sé. Fatti un bagno caldo, accendi una candela, vai in palestra, mangia un gelato, guardati una serie televisiva o scrivi sul diario. Fai qualsiasi cosa in normali circostanze ti aiuta a stare bene e sentirti te stessa: datti il permesso di ritrovare la pace. Questo concetto è forse il più difficile di tutti da comprendere.

La serenità mentale è un processo

Come molti psicoterapeuti saranno in grado di spiegarti, la serenità mentale è un processo che va elaborato e costruito giorno dopo giorno. La buona notizia è che ci si può arrivare anche subito. La cattiva notizia è che in qualsiasi momento un evento esterno a noi può provare a rubarcela. Rimanere in contatto con la nostra pace interiore, anche nei momenti di crisi, è cruciale per imparare a gestire la vita quotidiana e non sentirsi sopraffatte. Non sei sola e non devi temere quella vocetta malevola che, dentro di te, sussurra di continuo che non puoi farcela. La sentiamo tutte. Sconfiggerla è un lavoro quotidiano e non fa niente se a volte non ci riesci. Sei umana e al tempo stesso all’altezza della situazione anche quando devi prenderti una pausa.

Riproduzione riservata