namibia_1

In Africa c’è un proverbio che recita: «Ciò che l’occhio ha visto il cuore non dimentica». Ed è davvero difficile scordare le sensazioni che si provano quando si attraversa la Namibia, una distesa infinita di cielo e terra battuta, di oceano e deserto.

A Swakopmund, in tedesco “foce del fiume Swakop”, sulla costa atlantica, le dune si tuffano nell’acqua. Uno spettacolo che permette ai turisti in viaggio durante la stagione secca (da maggio a ottobre) di vedere da vicino gli animali marini e quelli che trovano riparo nella sabbia.

Viaggio in Namibia: sulla costa delle emozioni

Non solo parchi naturali e panorami mozzafiato. Questo Paese dell’Africa meridionale offre molto di più. Per esempio Swakopmund, una splendida località dove il deserto incontra l’oceano. Qui si accarezzano le foche, si fa sandboard sulle dune e si va alla ricerca di camaleonti e gechi multicolore

fenicottero

In barca con i pellicani

La prima tappa sulla costa è a Walvis Bay, a  pochi chilometri dal centro di Swakopmund. Nella sua laguna, dove ogni  anno fanno il nido più di 160.000 uccelli, c’è anche la più grande  colonia di fenicotteri dell’Africa meridionale. Vale la pena appostarsi e  aspettare che spicchino il volo: solo allora si riescono a scorgere le  piume fucsia e rosso fuoco sulle ali. Dal porto partono le crociere per  avvistare i tanti animali che vivono al largo della costa. I primi a far  capolino sono i pellicani rosa che seguono le barche sperando in un  pesce gettato dai turisti.

 

A Walvis Bay sverna il 90 per cento dell’intera popolazione di fenicotteri dell’Africa meridionale.

foca

Ma può anche capitare che una  foca faccia  surf sulla scia dei motoscafi e che, a sorpresa, salti a bordo, per  concedersi alle foto dei turisti. Accarezzarla e darle da mangiare è  un’emozione insolita e divertente. Chi poi ha voglia di sdraiarsi pancia  in giù a prua, può immergere la mano in acqua e toccare i delfini che  nuotano velocissimi sotto lo scafo. Levo (tel. 00 26464207555,  www.levotours.com) e Catamaran Charters (tel. 0026464 200798,  www.namibiancharters.com) offrono crociere di 4 ore a 60 euro a persona  (con ostriche e champagne a bordo).

Una foca si diverte a fare surf  sulla scia lasciata dal motoscafo.

jeep

A “caccia” dei little five

Chiunque vada in Africa ha un sogno, vedere i big five: leone, elefante,  bufalo, leopardo e rinoceronte. A Swakopmund le cose cambiano. Qui la  principale attrazione sono i little five, cinque animaletti che si  nascondono sotto la sabbia color albicocca del Namib. Trovarli è  un’impresa da veri esperti, ecco perché serve prenotare un tour come il  Living Desert (tel. 0026464461038, www. tommys.iway.na). Non stupitevi  se, nel bel mezzo del deserto, Tommy, la guida, salterà giù dalla jeep e  inizierà a correre a cerchi concentrici sulle dune. Probabilmente avrà  avvistato una piccola lucertola dal muso a pala, minuscola e capace di  correre anche tre chilometri all’ora.

La jeep con tenda sul tetto è il mezzo ideale per girare il Paese.

camaleonte

Di solito è questo il  primo dei  little five a farsi trovare, ma in poche ore si potranno vedere tutti  gli altri, il camaleonte Namaqua che punta l’orizzonte e cambia colore  in un istante; il geco palmato, un esserino dalla pelle sottile e  colorata di fucsia, azzurro e giallo fosforescenti; la vipera di  Peringuey che, per non scottarsi, si muove in diagonale lasciando  piccole esse sulla sabbia e il verme scavatore delle dune.

Un tour  divertente che finisce con un giro stile montagne russe sulle dune. Gli  amanti della velocità possono provare anche il sandboard sulla Duna 7  (tel. 0026464220881, www. duneseven. com). Qui si danno appuntamento  grandi e bambini per lanciarsi a rotta di collo in equilibrio sulle  tavole.

 

Su rocce  e cespugli si trovano i camaleonti.

namibia_2

La  Baviera tra le palme

Dopo una giornata ricca di  emozioni è il momento di rilassarsi passeggiando per le strade di  Swakopmund. E, se non fosse per la sabbia sollevata dal vento e per la  presenza delle palme, sembrerebbe di stare in Baviera, visto che gli  edifici sono stati tutti costruiti dai coloni tedeschi emigrati nel  1892. Accanto al faro bianco e rosso su Strand Street, c’è il mercato  dell’artigianato locale dove si possono comprare maschere di legno (da  20 euro) e statuette intagliate (da 10 euro). Per i tappeti africani e  gli arazzi in lana karakul bisogna visitare il Karakulia Craft Centre  (tel. 0026464461415, www.karakulia.com.na). Un locale curioso dove fare  un salto indietro al tempo dei coloni è Zur Kupferfanne (Corner  Tjongarero Ave 9, tel. 00264 64405405), casa-museo: qui tra collezioni  di quadri, conchiglie, porcellane e antiche macchine per scrivere, si  può provare carne di zebra, cudù e orice. Il pesce fresco, invece, si  assaggia al Tug (tel. 0026464402356), di fronte allo storico molo di  legno, mentre le ostriche con i migliori vini del Sud Africa all’Europa  Hof (tel. 0026464405061, www.europ ahof.com), dove si può anche dormire  (una camera doppia costa 120 euro).  

 

Tramonto su una delle vie principali di Swakopmund.

geco

Il  viaggio

Con Air Namibia  (tel. 065960 2148, www.airnamibia.com.na) si vola da Francoforte a  Windhoek da 1.011 euro a/r. Chi vuole affittare un’auto con tenda sul  tetto può cliccare su www.caran.org: pubblica una lista di autonoleggi  certificati. Per informazioni: Namibia Tourism Board (tel. 0645230032).

Il geco palmato scava tunnel profondi sotto la sabbia.

Riproduzione riservata