Come scegliere il parquet

  • 1 6
    Credits: Shutterstock

    Il parquet in legno massiccio
    I pavimenti in parquet si dividono innanzitutto in due grandi tipologie: in legno massiccio (o massello) e in multistrato. Il primo, più pregiato, è formato da un unico strato di legno nobile, con spessore regolare e profilo costante. A seconda della finitura superficiale può essere grezzo, da levigare in opera, o prefinito, se è solo da posare.

  • 2 6
    Credits: Shutterstock

    I parquet in multistrato
    Quello in multistrato può comporsi di duo o tre strati di legni diversi, anche se può essere definito parquet solo in presenza di uno strato di legno massiccio (quello superiore) di almeno 2,5 mm.

    Anche il parquet in multistrato può poi essere classificato come come grezzo, da levigare in opera, o prefinito, solo da posare, in base alla finitura dello strato superficiale.

  • 3 6
    Credits: Shutterstock

    Le alternative
    Il parquet laminato è un’alternativa economica al parquet. Ha un supporto in fibre e colla, una sottile pellicola plastica a stampa digitale riproduce fedelmente le essenze del legno.

    L’altra alternativa è il gres porcellanato effetto legno, una scelta decisamente popolare per la durevolezza, la versatilità e la resistenza di questo materiale. Le piastrelle in gres riproducono fedelmente i listelli in legno e, oltre ad essere decisamente più economiche, sono anche adatte ad ambienti umidi come la cucina e il bagno.

  • 4 6
    Credits: Shutterstock

    I colori del parquet
    Per quanto riguarda i colori le varie tipologie di parquet si distinguono quattro grandi gruppi: parquet chiari, bruni, rossi e scuri.

    Fra i legni chiari possiamo citare l’acero americano, il faggio o il rovere, nei bruni l’iroko e il teak, nei rossi il merbau e il Doussiè Africa, mentre nei legni scuri il wengé-Panga o il mutenye.

  • 5 6
    Credits: Shutterstock

    La finitura
    Il parquet si differenzia poi per le finiture. Può essere lucidato, sbiancato, colorato o trattato con sostanze che ne esaltano il colore e il carattere naturale. Esistono poi soluzioni più decorative come l’intarsio, che mixando diverse finiture creano disegni geometrici ricercati.

  • 6 6
    Credits: Shutterstock

    Alcuni consigli utili
    Nello scegliere l’essenza, il tipo e la finitura più adatta alla tua casa ricorda che il legno, a contatto con la luce, si ossida e cambia colore: spesso diventa più scuro o, nel caso del teak, più chiaro. Inoltre in presenza di riscaldamento a pavimento è meglio scegliere un parquet prefinito, più stabile e meno spessorato.

/5

Devi acquistare il parquet? Ecco qualche semplice informazione per scegliere il tipo ideale fra legni, finiture e formati

Il pavimento in legno, o parquet, è indubbiamente una delle scelte più amate per la casa, che si sposa con gli stili di arredo e le esigenze abitative più diverse.

Chiaro, scuro, a grandi doghe o a listelli, massello o multistrato, levigato, grezzo, al naturale o verniciato, c’è il parquet perfetto per tutti, basta scegliere il tipo giusto.

Ecco qualche nozione di base per farsi un’idea.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te