Come pulire il bollitore elettrico

  • 28 04 2022

1/4 – Introduzione

Il bollitore elettrico è un valido elettrodomestico che riesce a scaldare l’acqua per tè o tisane in pochissimi secondi. A volte può capitare, però, che al suo interno si formi del calcare. Questo deriva dall’utilizzo di un’acqua non depurata. Una valida soluzione per prevenire la formazione del calcare è quella di usare l’acqua in bottiglia, o filtrata da apposite brocche. Ovviamente, la formazione del calcare non si può scongiurare del tutto, perciò meglio vedere insieme come pulire il bollitore elettrico!

Premettiamo che non è sempre necessario utilizzare detergenti chimici per pulire gli elettrodomestici di casa. Infatti, l’utilizzo di sostanze chimiche potrebbe anche ripercuotersi sulla nostra salute, perciò sono sempre consigliate le soluzioni naturali.

2/4 – Limone

Un primo valido aiutante per la pulizia del bollitore elettrico è il limone. Per il calcare meno ostinato vi basterà spremere del succo di limone all’interno del bollitore. Mescolatelo bene con l’acqua e fate bollire il tutto. Spegnete il bollitore e lasciate agire il limone per circa un’ora. Trascorso questo tempo, risciacquate l’interno del bollitore e rimuovete il calcare con una spugnetta. Riempite di nuovo il bollitore con sola acqua e portate a ebollizione. Dopo aver effettuato questa operazione potrete nuovamente utilizzarlo.

3/4 – Bicarbonato e aceto

Tra i rimedi naturali trovano spazio anche questi due ottimi alleati: il bicarbonato e l’aceto. Essi, infatti, vengono utilizzati per la pulizia di macchinette per il caffè, forni e molti altri elettrodomestici. Sono ottimi anche contro il calcare. Riempite il vostro bollitore di acqua per 3/4, il restante con aceto. Aggiungete poi un cucchiaio colmo di bicarbonato e portate il tutto a ebollizione. Dopo un paio di ore potrete procedere come per il limone: risciacquate il bollitore, rimuovete il calcare con una spugna e fate bollire di nuovo dell’acqua. Per l’aceto e il bicarbonato si consiglia di lasciarli agire tutta la notte, per poter sfruttare al meglio il loro potere anticalcare.

4/4 – Acido citrico

Per lo sporco e il calcare più ostinati, invece, vi consigliamo l’uso dell’acido citrico. Questo ingrediente naturale è facilmente reperibile in farmacia e in erboristeria e viene utilizzato frequentemente nelle pulizia della cucina. Fate attenzione quando lo maneggiate, poiché è una sostanza corrosiva che potrebbe rovinare le superfici delicate, come il marmo e il legno. Mettete mezzo litro di acqua nel bollitore e 25 grammi di acido citrico. Lasciate agire tutta la notte e poi risciacquate accuratamente prima di utilizzarlo.

Riproduzione riservata